I sans-culottes

sanculotti
Una rappresentazione visiva di un tipico gruppo di sanculotti parigini

I sanculotti è un termine che descrive le classi lavoratrici di Parigi che hanno partecipato alla grande Journées della Rivoluzione francese. Identificabili dal loro abbigliamento, dalle loro opinioni politiche radicali e dal loro frequente uso di violenza e intimidazione, i sanculotti divenne il volto della rivoluzione radicale degli anni Novanta del Settecento. Resta, tuttavia, un dibattito considerevole su chi sia sanculotti in realtà lo erano.

Chi erano i sanculotti?

Cronisti, romanzieri e storici ci hanno fornito molte rappresentazioni della classe operaia parigina. Alcuni sono caduti nello stereotipo mentre altre rappresentazioni rimangono oggetto di accesi dibattiti.

Per alcuni, il sanculotti erano una folla amorfa ma brutale, ribollente di malcontento, suscettibile alle voci e ai pettegolezzi, decisa a raggiungere i propri obiettivi con la violenza. Altri storici, come George Rudé ed Albert Soboul, hanno decostruito le identità, le motivazioni e i metodi del sanculotti e trovato una maggiore complessità.

Qualunque sia l'interpretazione del sanculotti e i loro motivi, il loro impatto sulla rivoluzione, in particolare tra 1792 e 1794, è innegabile.

Etimologia

Il termine sanculotti in francese significa "senza pantaloni". Inizialmente era un termine umoristico, riferito a un giovane uomo sorpreso in una situazione imbarazzante con una donna.

Sanculotti apparve per la prima volta in un contesto politico nel 1790, per descrivere i cittadini che indossavano pantaloni (pantaloni lunghi) invece delle braghe al ginocchio preferite dalla nobiltà e dai ricchi borghesia. Fu usato per la prima volta nei giornali realisti, per ridicolizzare i membri della classe operaia del club giacobino.

In breve tempo la frase sanculotti era di uso comune e descriveva i lavoratori urbani, gli artigiani o i piccoli imprenditori, soprattutto quelli che sostenevano la rivoluzione. Successivamente, la percezione popolare di a sans-culotte era un radicale politico delle classi lavoratrici e delle sezioni di Parigi.

Composizione

sans-culotte
Una rappresentazione idealistica di un tipico sans-culotte, dipinta da Boilly

I sanculotti appartenevano uniformemente alla classe operaia: la maggior parte lavorava per un salario o gestiva piccoli negozi o attività commerciali. Vivevano soprattutto nei sobborghi più poveri di Parigi Faubourg Saint-Antoine e Faubourg Saint-Michel nell'est della città.

Una minoranza di sanculotti erano politicamente attivi, almeno in senso organizzato. Si trovavano più comunemente nelle 48 assemblee sezionali che componevano il Comune di Parigi. Dei 1,361 deputati che parteciparono a queste assemblee nel 1793-94, più di due terzi erano commercianti o negozianti. Altri partecipavano alle assemblee sezionali come spettatori o disturbatori. Alcuni hanno anche partecipato alle riunioni del club politici - in particolare la Società dei Cordeliers, che era aperta a tutti, e in seguito ai giacobini.

La maggioranza dei sanculotti, tuttavia, rimase fuori dalla politica organizzata. Ottenevano le loro notizie politiche dalla stampa incendiaria e da resoconti di seconda mano, il che ovviamente li rendeva suscettibili alle voci e alle teorie del complotto.

sanculotti potrebbe anche essere sollecitato all'azione da oratori e propagandisti. Un esempio di questo è stato il journée di maggio 31st 1793, culminato con l'espulsione dei deputati Girondin dal Convenzione nazionale.

Intimidazioni e violenze

sanculotti
The Radical's Arms, una rappresentazione britannica dei sanculotti

Il segno distintivo del sanculotti era la loro capacità di forzare il cambiamento con minacce e violenza. Le folle della classe operaia furono coinvolte in quasi ogni evento significativo journée nella Parigi rivoluzionaria. Essi pose l'assedio alla casa e alla fabbrica di Réveillon nell'aprile 1789. Tre mesi dopo attaccato la Bastiglia, macellò il suo governatore e smembrò il ministro reale Joseph-François Foullon.

Nel mese di ottobre 1789, il sanculotti, molte di loro donne, marciato su Versailles, minacciò la famiglia reale e costrinse il re a tornare a Parigi. Essi ammassato sul Champ de Mars a luglio 1791 firmerà petizioni repubblicane, decine di persone che muoiono a causa degli spari del Guardia Nazionale.

Ad agosto 1792, parigino sanculotti invase il palazzo delle Tuileries al fianco delle truppe repubblicane e, una volta all'interno, partecipò al massacro della guarnigione svizzera. Lo stesso giorno, hanno circondato il Assemblea legislativa e lo costrinse a sospendere la monarchia. Il mese successivo (settembre 1792), sanculotti fatto irruzione nelle carceri di Parigi e "ripuliti" da controrivoluzionari e traditori, uno degli incidenti più sanguinosi dell'intera rivoluzione.

Obiettivi politici

sanculotti
Ancora propaganda britannica che ridicolizza i sanculotti e il loro aspetto

Quali erano gli obiettivi politici di sanculotti? Per la maggior parte erano democratici, egualitari e volevano il controllo dei prezzi sui prodotti alimentari e sui beni essenziali. Oltre a ciò, i loro obiettivi non sono chiari e aperti a congetture.

Alcuni storici hanno classificato sans-culottism come piccolo borghese movimento, dominato da commercianti e piccoli imprenditori. Gwyn Williams ha studiato influenti 450 sanculotti leader e ha scoperto che quasi due terzi erano artigiani e commercianti, mentre solo uno su dieci era salariato. Non erano anticapitalisti, sostiene Williams, né erano contrari alla ricchezza o alla proprietà privata, ma solo alla sua concentrazione nelle mani di pochi privilegiati.

Al contrario, lo storico socialista Albert Soboul vede il sanculotti come guerrieri di classe. Erano "marxisti prima di Marx" che cercavano di distruggere l'aristocrazia e rifare il mondo secondo linee socialiste. Ai revisionisti piace Alfred Cobban respingere il suggerimento che il sanculotti erano essi stessi una classe sociale o addirittura un gruppo omogeneo. C’era troppa diversità tra i loro ranghi, le loro motivazioni erano spesso poco chiare e di solito rispondevano agli eventi piuttosto che guidarli o crearli.

I sans-culotte il culto cresce

Qualunque sia la realtà del sanculotti movimento, era senza dubbio colorato dall’idealismo e dalla propaganda.

Nell'autunno del 1793, i giacobini e i loro sostenitori cominciarono ad abbracciare il culto della democrazia e dell'egualitarismo. Al centro di tutto ciò c'erano sanculotti, celebrati come eroi della classe operaia e avanguardia politica della rivoluzione. I propagandisti hanno dipinto uno stereotipo del tipico sans-culotte: laborioso e umile, politicamente attento, attento e preparato, sempre pronto a prendere le armi per difendere la rivoluzione.

Un noto epigramma, pubblicato da Antoine-François Momoro nel 1793, poneva e rispondeva alla domanda “Che cos’è un sans-culotte? ":

“Un sans-culotte, furfanti? È uno che va sempre in giro a piedi. [Lui] non ha i milioni che tutti voi vorreste avere ... [Lui] non ha castelli, non ha camerieri ad aspettarlo ... È utile perché sa coltivare un campo, forgiare il ferro, usare una sega ... e di versare il suo sangue fino all'ultima goccia per la salvezza della Repubblica ... La sera si reca all'assemblea della sua Sezione, non incipriato e profumato e con scarponi eleganti, nella speranza di essere notato dalle cittadine nelle gallerie, ma pronto a sostenere proposte valide con tutte le sue forze, e pronto a polverizzare quelle che provengono dalla disprezzata fazione dei politici. Infine, un sans-culotte ha sempre la sua sciabola ben affilata, pronta a tagliare le orecchie a tutti gli oppositori della Rivoluzione ".

Il "rivoluzionario più puro"

Quando questo stereotipo prese piede, il sans-culotte fu acclamato come la spina dorsale della rivoluzione e il tipo più puro di rivoluzionario. Sia per scelta che per necessità di autoconservazione, molti a Parigi iniziarono a imitare attivamente il sanculotti.

Coloro che desideravano dimostrare il loro sostegno alla rivoluzione, qualunque fosse la loro classe, iniziarono a vestirsi con gli abiti dei sans-culotte: pantaloni a gambe lunghe, a coda corta carmagnole cappotto e il cofano rosso o "limite della libertà". Modi formali di indirizzo come "Monsieur", "Madame" e "Mademoiselle" furono abbandonati a favore dei più egualitari e patriottici "Citoyen" e "Citoyenne". Coloro che si rifiutavano di abbracciare questa adorazione e mimica erano aperti al sospetto.

Mentre le percezioni del sanculotti plasmò la cultura rivoluzionaria, verso la fine del 1793, con l'influenza politica del sanculotti stava iniziando a scemare. La Convenzione nazionale era ora dominata da Maximilien Robespierre e i giacobini, che si mossero per centralizzare il loro potere e dispiegare il Regno del Terrore. Ciò ha comportato una certa riduzione di sans-culotte attività politica.

A settembre, il governo ha limitato le assemblee sezionali a un massimo di due riunioni di cinque ore alla settimana. La Convenzione ostacolò anche l'autonomia della Comune di Parigi, l'altro faro istituzionale per i radicali parigini. Ci sono stati tentativi di mobilitare il sanculotti nel 1794 e nel 1795, ma questi non avevano l'impatto di quelli precedenti Journées.

“I sans-culottes spesso stimavano il valore di una persona dall'aspetto, deducendo il carattere dal costume e le convinzioni politiche dal carattere; tutto ciò che urtò il loro senso di uguaglianza era sospettato di essere "aristocratico". Era difficile, quindi, per qualsiasi persona del vecchio regime trovare il favore ai loro occhi, anche quando non c'era un'accusa specifica contro di lui. «Poiché tali uomini sono incapaci di portarsi ai vertici della nostra rivoluzione; i loro cuori sono sempre pieni di orgoglio e non dimenticheremo mai la loro antica grandezza e il loro dominio su di noi ".
Albert Soboul, storico

rivoluzione francese sans-culottes

1. il sanculotti erano gli operai di Parigi, così chiamati perché indossavano pantaloni lunghi (pantaloni) invece dei calzoni al ginocchio preferiti dall'aristocrazia.

2. I leader del parigino sanculotti sono stati trovati nelle assemblee sezionali e nel Comune, in particolare dopo agosto 1792. Maggior parte sanculotti essi stessi, tuttavia, non erano coinvolti in gruppi politici organizzati.

3. In generale, il sanculotti voleva un governo democratico a suffragio universale, nonché controlli dei prezzi su alimenti e altri beni essenziali. I loro obiettivi oltre a ciò sono oggetto di dibattito.

4. il sanculotti sono noti soprattutto per il loro uso della violenza e delle intimidazioni da parte della folla per provocare cambiamenti politici. Erano coinvolti in quasi tutti i violenti Journées a Parigi durante i primi 1790.

5. Durante il periodo radicale in 1793-94, la propaganda e la cultura popolare hanno salutato il sanculotti come l'umile avanguardia della rivoluzione francese. Il loro impatto politico, tuttavia, fu negato dalla crescente centralizzazione del potere giacobino.

Informazioni sulla citazione
Titolo: 'Sanculotti'
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/sans-culottes/
Data di pubblicazione: 24 settembre 2019
Data di aggiornamento: 10 Novembre 2023
Data di accesso: 19 aprile 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.