Madame Roland

signora roland

Madame Roland (1754-1793) era un'influente rivoluzionaria femminile, solitamente associata alla fazione Girdonin.

Nata Marie-Jean Phlippon a Parigi, è diventata un'avida lettrice e studentessa di Illuminismo agli scrittori piace Voltaire e Rousseau. In 1781, ha sposato Jean-Marie Roland, un imprenditore di successo ed economista di Lione.

In 1791, Jean-Marie Roland è stata invitata a Parigi per fornire consulenza al governo. Decise di rimanere e gli fu offerto un posto ministeriale nel governo dominato dal Girondin. Sua moglie, nel frattempo, gestiva uno dei più noti e più politicamente orientati Saloni nella capitale.

Le opinioni politiche di Madame Roland erano moderate: detestava il senza culottes, la stampa di grondaie e i radicali come Marat, Danton e Robespierre.

Secondo i rapporti contemporanei e alcuni storici, Madame Roland esercitò una notevole influenza sulle opinioni politiche del marito e persino sulle sue politiche, alcune delle quali si diceva fossero state redatte dalla stessa Madame Roland, piuttosto che da Jean-Marie.

Quando suo marito fu costretto a fuggire da Parigi nel 1793, Madame Roland rimase coraggiosamente. È stata arrestata a giugno e ghigliottinata a novembre, le sue famose ultime parole erano "Oh libertà, quali crimini sono stati commessi in tuo nome?"

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Madame Roland"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/madame-roland/
Data di pubblicazione: Giugno 4, 2017
Data di accesso: Luglio 02, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.