Soulavie sull'eredità travagliata di Luigi XV (1801)

soulavie luigi xvJean-Louis Soulavie (1751-1813) era uno scienziato, sacerdote, diplomatico e storico francese. Nato ad Antraigues nel sud della Francia, Soulavie studiò teologia ad Avignone e divenne sacerdote ordinato in 1776. Ha anche studiato e condotto ricerche sulle scienze naturali, in particolare geografia e geologia. Nei primi 1780, Soulavie ha pubblicato una storia naturale rivoluzionaria della Francia che ha attraversato sette volumi. Questo lavoro ha stimato l'età della Terra a diverse centinaia di milioni di anni; ha anche notato i postumi dell'eruzione vulcanica di 1783 Laki. Soulavie divenne un partecipante attivo alla Rivoluzione francese, unendosi al Club giacobino, prendendo il giuramento clericale e che rappresenta la Repubblica in Svizzera. Soulavie sopravvisse alla rivoluzione, nonostante il suo allineamento con Robespierree ha rivolto la sua mano alla scrittura storica. In questo estratto del 1801, Soulavie attribuisce la maggior parte dei problemi della Francia pre-rivoluzionaria alla gestione incompetente e alle spese dispendiose di Luigi XV:

“Luigi XV, alla sua morte, lasciò in eredità alla monarchia francese una serie di lasciti che, dopo un periodo di 18 anni, erano destinati a capovolgerla e distruggerla fino alle sue fondamenta.

Quando la figlia di Maria Teresa [dell'Austria] divenne regina di Francia, piantò i semi del dissenso nella famiglia dei Borbone. Ben presto si sarebbero verificate animosità fatali tra lei ei figli di Luigi XV, le sue due cognate e i grandi impiegati per la sua persona.

Il conte d'Artois condusse una vita così licenziosa da attirare su di sé, prima delle sue sventure, il disprezzo di ogni francese che avesse qualche riguardo per la decenza e il decoro pubblico.

Per quanto riguarda l'amministrazione degli affari, il re [Luigi XV] l'aveva lasciata nelle mani degli uomini più dissoluti [dispendiosi] ... Un fallimento nazionale e irrecuperabile aveva reso l'abate Terray [ministro delle finanze di Luigi XV] oggetto di condanna generale ...

Le misure arbitrarie del duca di Aiguillon e Maupeou eccitarono tutti coloro che erano contrari all'autorità reale, stanchi del potere assoluto e militare dei re francesi - e anche tutti i sostenitori del dominio dispotico, perché il re aveva superato tutti i limiti degradando il regno agli occhi dei suoi sudditi, e ancora di più in quelli delle potenze straniere. La nazione è stata unanime nel desiderio di un cambiamento nell'amministrazione.

Le tasse furono aumentate a tal punto che molte province non furono in grado di pagare i loro assistenti. Molti contadini [di] province naturalmente sterili e presentando ostacoli alla coltivazione hanno rinunciato alle terre dei loro antenati, trovando i loro raccolti inadeguati alla quantità di tasse rovinose.

Per quanto riguarda la spesa, tale era la dimensione della corte [reale] che senza una riforma radicale e ampia di questo ramo della finanza, una riforma di cui la corte era incapace, il regno era in pericolo di un fallimento generale, e di una rivoluzione…

La nazione, prima di questo, era stata disturbata da due potenti fazioni rivali, che si erano fatte guerra. Ora hanno congiuntamente fatto guerra allo stato - una circostanza pericolosa, il precursore della dissoluzione dell'ordine sociale che ha luogo quando i governi [sono] in uno stato di angoscia o cecità ...

Tutto aveva l'apparenza di un'autorità rilassata in tutti gli altri dipartimenti dello stato. La marina, che era stata quasi annientata nell'ultima guerra con l'Inghilterra, non fu ricostruita ... L'esercito non era meglio assistito della marina; semplici cortigiani erano a capo di esso, nella cui condotta i giudici imparziali non potevano scoprire altro che ignoranza generale, mancanza di abilità nelle operazioni militari e vergognose sconfitte nella guerra dei sette anni ... "