Storico: Christopher Hibbert

christopher hibbert

Nome: Christopher Hibbert

Vissuto: 1924-2008

Nazionalità: Inglese

Professione (s): Scrittore, biografo, storico

Libri: La rivoluzione francese (1980)

Prospettiva: Storico narrativo, principalmente liberale

Christopher Hibbert è stato un prolifico storico e biografo moderno che ha scritto di molti periodi e contesti.

Nato nel Leicestershire, Hibbert è stato educato a Oxford, quindi ha prestato servizio come ufficiale nella seconda guerra mondiale. Ha lavorato alla scrivania fino alla metà degli 1950 prima di dedicarsi alla scrittura, concentrandosi su storie e biografie popolari.

La prima e unica incursione di Hibbert nella rivoluzione francese fu il suo libro del 1980 I giorni della rivoluzione francese (pubblicato anche come La rivoluzione francese). È pura storia narrativa che prende la forma di un romanzo colorato e vorticoso, non diversamente da un Thomas Carlyle dell'20th.

La prospettiva ideologica di Hibbert non è sempre chiara, anche se per la maggior parte la sua posizione è politicamente liberale. A volte, Hibbert sembra fissato con il sangue e il sangue della mafia di Parigi, i senza culottes e il terrore, anche se questo potrebbe essere per un effetto vivido.

È chiaro nella narrazione di Hibbert che vede la rivoluzione come una forza fuori controllo, una catena di azioni spontanee, espedienti e decisioni, piuttosto che un evento naturale, logico o controllato. È più in sintonia con personaggi come Maria Antonietta che con gli storici di sinistra, ma è piuttosto duro con Robespierre ossessionato da se stesso e inflessibile.

Citazioni

“Il nuovo re, Luigi XVI, aveva 19 anni. Sebbene gentile e generoso per natura, i suoi modi erano solitamente bruschi, freddi e formali, caratterizzati da accessi di malumore e risposte taglienti ... Aveva occhi azzurri e capelli biondi abbondanti ma la sua bocca era troppo piena e flaccida e il suo mento era pallido e Grasso."

“Molti nobili erano molto meno abbienti della classe media urbana sempre più prospera, che consideravano una minaccia alla loro esistenza privilegiata quanto l'assolutismo reale. Eppure la maggior parte della borghesia - sia negli affari che nelle professioni, produttori o commercianti, medici o avvocati - era per lo più ansiosa di abbattere le barriere che li escludevano dalle riserve aristocratiche, piuttosto che distruggere l'aristocrazia ".

“La borghesia, disprezzata dagli alti nati, li ha copiati come meglio poteva. Si è quindi spesso ritenuto sorprendente che questa classe il cui spirito era lontano dalla democrazia, fosse stata così imprudente, nell'attaccare l'aristocrazia, da colpire il principio stesso della gerarchia sociale. Ma la borghesia aveva le sue ragioni ... I limiti imposti ai talenti della borghesia, in particolare a quelli degli avvocati ambiziosi, li avrebbero resi i più formidabili oppositori dell'aristocrazia ".

“Era opinione comune a Parigi ... che Necker fosse un genio finanziario. Era un'opinione con la quale lui stesso non avrebbe litigato. Silenzioso, ponderoso e meditabondo, con gli occhi semichiusi in una faccia pallida e giallastra, sembrava costantemente perso nei suoi pensieri. Se un uomo poteva portare ordine nell'economia francese, è stato mantenuto, sicuramente era lui. Dopotutto, aveva fatto fortuna come banchiere a Parigi - e un milionario che si è fatto da solo non poteva essere altro che un miglioramento rispetto ai nobili ministri delle finanze del passato ".

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: Christopher Hibbert"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/historian-christopher-hibbert/
Data di pubblicazione: October 10, 2018
Data di accesso: October 09, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.