Le tenute generali

tenute generali
Il dipinto di Couder che mostra la cerimonia di apertura degli Stati Generali del 1789

Gli Stati Generali (francese, Stati generali) era un'assemblea politica del Antico Regime composto da rappresentanti di tutti e tre gli stati. Questo organismo si riunì 33 volte tra il 1302 e il 1614 ma con l'ascesa dell'assolutismo, i monarchi francesi arrivarono a ignorarlo completamente. Alla vigilia della Rivoluzione francese, gli Stati Generali non si riunivano da 175 anni. La convocazione di uno Stato Generale nel 1789 fu quindi uno sviluppo significativo, prova sia dell'indebolimento del potere monarchico che del cambiamento imminente.

Che cos 'era il Stati generali?

A differenza delle assemblee politiche, gli Stati Generali non si riunivano regolarmente. Veniva invece convocato occasionalmente dal re, solitamente in tempi di guerra o di crisi. Assunse la forma di un parlamento perché conteneva rappresentanti di tutti i livelli della società francese, ma non aveva potere sovrano o legislativo e il suo ruolo era semplicemente quello di consigliare o sostenere il re.

I primi Stati Generali furono riuniti dal re Filippo IV nel 1302, nel mezzo di un conflitto con il Papa. Durante i secoli XV e XVI, l'assemblea veniva convocata sporadicamente e su richiesta del re, solitamente per ottenere il sostegno politico, finanziario o militare dei Tre Stati. Si riuniva, in media, una volta ogni dieci anni circa. Il 15° Stato Generale fu convocato da Luigi XIII nel 16 e sarà l'ultimo per diverse generazioni.

Da questo momento, i re francesi e i loro consiglieri iniziarono ad attuare il potere monarchico assoluto. Gli Stati Generali, quindi, erano diventati superflui. I re di Francia sostanzialmente lo ignorarono. Convocare l'assemblea sarebbe un segno che il loro controllo sta diminuendo e che la loro monarchia assolutista non è più assoluta.

Andato ma non dimenticato

Dal 1614 gli Stati Generali non furono convocati per 175 anni. Non fu convocato durante il regno di Luigi XIV, durato 72 anni, né durante il regno del suo successore, Luigi XV.

Gli Stati Generali, tuttavia, non furono dimenticati da altri, in particolare dai potenti aristocratici e dai riformatori liberali francesi. Durante questo interregno ci furono diverse pressioni e occasionali pressioni per riformare gli Stati Generali. Per quanto imperfetta e impotente fosse, l'assemblea era l'unico organo rappresentativo nazionale della Francia. Era anche l'unico luogo in cui la nobiltà poteva riunirsi e sfidare direttamente il potere monarchico.

Le richieste di convocazione di Stati Generali si intensificarono particolarmente nel 1715, dopo la morte di Luigi XIV, il "Re Sole". Luigi XV subì notevoli pressioni da parte del parlements, che si rifiutò di registrare nuove tasse a meno che il re non chiamasse gli Stati Generali. Luigi XV, che una volta dichiarò che avrebbe “preferito abdicare piuttosto che nominare Stati Generali”, rispose abolendo la parlements e nominando un nuovo panel per registrare le sue tasse.

tenute generali
Una rappresentazione di diversi costumi indossati dai deputati degli Stati Generali

Motivo della convocazione del 1789

Uno scontro simile con il parlements costrinse Luigi XVI a convocare gli Stati Generali nel 1789. Sarebbe la prima seduta degli Stati Generali in 175 anni.

Nel 1787, il ministro delle finanze del re, Etienne Brienne, ha tentato di far passare le riforme fiscali che includevano una nuova tassa fondiaria. La proposta di Brienne è stata bloccata dal Paris parlamento, che affermava che le nuove tasse potevano essere approvate solo dalle tre tenute messe insieme. Ciò ha innescato una guerra fredda di otto mesi tra i governo reale e la parlements.

A novembre 1787, il re cercò di conquistare la Parigi parlamento promettendo di convocare uno Stato Generale nel 1792. La situazione di stallo durò fino al maggio 1788, quando Luigi XVI seguì la tattica del nonno, sospendendo gli Stati Generali parlements a favore dei tribunali di nuova nomina. Ma questa decisione suscitò indignazione pubblica e un certo grado di violenza, incluso il famigerato "Giorno delle tegole", quando i soldati a Grenoble furono colpiti con tegole.

L'8 agosto 1788, il re cedette e anticipò di tre anni gli Stati Generali. Il suo decreto di convocazione degli Stati Generali ha affermato di aspettarsi "giorni calmi e pacifici dopo la tempesta".

Dibattiti sul voto

La questione si è poi spostata su come si sarebbero formati gli Stati Generali e quali procedure di voto avrebbero dovuto adottare.

Tradizionalmente, gli Stati Generali si riunivano come tre stati separati. IL First Estate (clero) e Seconda tenuta (nobiltà) entrambi riuniti in vesti complete, seduti alla destra e alla sinistra del re, mentre il Terza proprietà (la gente comune) vestiva di nero ed era seduta in fondo.

Le votazioni negli Stati Generali si svolgevano per ordine, cioè ciascuno dei Tre Stati deliberava sulle questioni separatamente ed esprimeva un voto collettivamente. Questa procedura elettorale ha fatto sì che il Terzo Stato, che rappresentava circa il 97% della popolazione, fosse regolarmente messo in minoranza dal Primo e dal Secondo Stato, che rappresentavano il restante XNUMX%.

Tuttavia, queste procedure e precedenti risalivano ai precedenti Stati Generali del 1614, quindi non era chiaro cosa sarebbe potuto accadere nel 1789.

tenute generali 1789
Un disegno che mostra i Tre Stati in cammino verso gli Stati Generali

Alla domanda è stata parzialmente data una risposta a settembre 1788, quando Parigi parlamento, ora richiamato dal re, emanò gli editti di convocazione degli Stati Generali. In questi editti, gli Stati Generali dovevano adottare la forma e le procedure del 1614, con i Tre Stati riuniti separatamente e votando anche per ordine.

Questa notizia ha suscitato indignazione tra i borghesia e nelle pagine dei giornali. Il parlements, precedentemente acclamati come difensori della libertà e del popolo, ora sono stati condannati come servitori dell'interesse aristocratico. Da qui sono scaturiti due slogan: “voto di testa” (una richiesta di voto da decretare dai ballottaggi dei singoli deputati) e “raddoppio del Terzo” (richiesta di raddoppiare la rappresentanza del Terzo Stato).

Nel novembre 1788, il re, su consiglio di Jacques Necker, ha ricordato il Assemblea dei notabili per esaminare la questione. Come era prevedibile, i Notabili si sono limitati a confermare la sentenza del parlements e insistette sulle procedure del 1614.

Il 27 dicembre il re, a titolo di compromesso, accettò di raddoppiare il numero dei seggi dei deputati del Terzo Stato. La questione del voto, tuttavia, è rimasta irrisolta. Si è trattato di uno sviluppo significativo perché, indipendentemente dal numero di deputati eletti per rappresentare il Terzo Stato, la sua capacità di esprimere un solo voto è rimasta invariata.

Selezione dei rappresentanti

Il 24 gennaio 1789, Luigi XVI emanò un altro editto, dando istruzioni per l'elezione dei deputati agli Stati Generali. Dal momento che Antico Regime Era una monarchia assolutista senza una struttura per le elezioni nazionali, che doveva essere progettata e implementata da zero. Per il Primo e il Secondo Stato, ciascuno Bailliage costituì un'assemblea elettorale per eleggere i suoi deputati; tutti i nobili e i chierici potevano presenziare a queste assemblee e partecipare alle elezioni.

L'elezione dei deputati del Terzo Stato è stata più complessa e ha coinvolto diverse fasi. Nelle campagne, i contribuenti maschi di età superiore ai 25 anni sono stati invitati a partecipare alle assemblee parrocchiali, che hanno eletto rappresentanti per Bailliage assemblee. Nei paesi e nelle città c'era una fase aggiuntiva, con corporazioni e corporazioni che inviavano rappresentanti a un'assemblea cittadina, che sceglieva i rappresentanti per partecipare all'assemblea cittadina. Bailliage montaggio.

Il Bailliage alle assemblee spettava poi il compito di eleggere i deputati agli Stati Generali, nonché di compilare e sottoporre i verbali cahiers de doléance. Come si potrebbe presumere, questo processo lungo e indiretto è stato progettato per mantenere le voci radicali nel Terzo Stato a debita distanza dagli Stati Generali.

Composizione dei deputati del Terzo Stato

“Non sorprende affatto che la maggior parte dei membri degli Stati Generali non fossero uomini d’affari… Si occupavano altrimenti del mercato, della borsa e delle banche. Al contrario, sono stati gli avvocati a comprendere meglio lo Stato e il sistema giuridico e ad essere generalmente sovrarappresentati in tali assemblee. Date le circostanze, è effettivamente sorprendente che il 16% dei delegati agli Stati Generali fossero direttamente collegati al mondo del commercio”.
Henry Heller, storico

Inoltre, i deputati degli Stati Generali dovevano essere abbastanza ricchi da potersi pagare il viaggio fino a Versailles e rimanervi per diverse settimane. Questi fattori hanno modellato la composizione dei deputati del Terzo Stato, che erano più rappresentativi del borghesia rispetto alle classi lavoratrici.

Dei 610 deputati del Terzo Stato, quasi la metà ricopriva una sorta di carica venale. Due terzi erano qualificati in giurisprudenza e circa la metà di quel numero erano avvocati praticanti. Solo circa 80 deputati erano impegnati nel commercio o nell'industria, la maggior parte come imprenditori o dirigenti. Nessun contadino o artigiano salariato sedeva come deputato.

Anche la composizione dei rappresentanti del Primo e del Secondo Stato ha rivelato alcune tendenze. Preti ed ecclesiastici ordinari hanno dominato le elezioni per il Primo Stato. Di conseguenza, 208 dei 296 deputati del Primo Stato erano parroci mentre solo 47 erano vescovi. Circa il 70% dei 282 delegati del Secondo Stato erano ufficiali militari, in servizio o in pensione, mentre la maggior parte del resto erano aristocratici terrieri.

proprietà della rivoluzione francese generale

1. Gli Stati Generali erano l'equivalente francese di un'assemblea nazionale rappresentativa. Veniva convocato dal re occasionalmente per fornire consigli o sostegno, solitamente in tempi di guerra o di crisi.

2. La monarchia assolutista del XVII e XVIII secolo fece sì che l'assemblea non fosse più convocata dal re dal 17. Uno scontro tra Luigi XVI e il parlements indusse il re a convocarlo nel 1789.

3. Ciò ha innescato incertezza e dibattito su come sarebbero stati composti gli Stati Generali e quali procedure di voto avrebbero utilizzato. Nelle precedenti assemblee i Tre Stati avevano deliberato e votato separatamente, una procedura che molti considerarono inaccettabile nel 1789.

4. Le elezioni dei deputati si svolgevano mediante assemblee di bailliage. Queste erano semplici per il Primo e il Secondo Stato, tuttavia le elezioni del Terzo Stato prevedevano diverse fasi.

5. Come risultato di questi metodi elettorali, i deputati di 296 First Estate sono stati dominati da parroci, i deputati di 282 Second Estate da nobili militari e i deputati di 610 Third Estate da avvocati e borghese interessi.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Gli Stati Generali"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/estates-general/
Data di pubblicazione: Ottobre 31, 2019
Data di aggiornamento: 9 Novembre 2023
Data di accesso: 21 Maggio 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.