Testimoni del Festival dell'Essere Supremo (1794)

Maximilien Robespierre ha guidato la processione al Festival dell'Essere Supremo nel mese di giugno 1794. I seguenti due estratti, degli scrittori Baudot e Vilate, rivelano il crescente disgusto per Robespierre:

“In qualità di presidente della Convenzione Nazionale, Robespierre ha guidato il corteo. Indossava il suo solito cappotto azzurro e teneva in mano un mazzo di fiori. La gente ha notato che c'era un notevole divario tra lui e i suoi colleghi. Alcuni lo attribuiscono a semplice deferenza, altri pensano che Robespierre lo usasse per sottolineare la sua sovranità. Sono propenso a pensare che fosse dovuto all'odio di Robespierre.

Sembra certo che la sua caduta sia stata concordata in quel corteo trionfale; molti lo sapevano bene, e se il divario non era la causa principale, in ogni caso, i suoi oppositori ne fecero uso per aumentare il loro numero e convincere gli altri della sua dittatura. Per il resto, la cerimonia si è conclusa con un discorso ambiguo senza forza né vigore, e Robespierre non ha guadagnato nulla dal suo trionfo previsto ".

“Con gioioso orgoglio Robespierre camminava in testa alla Convention, circondato da una folla immensa, l'eleganza del suo vestito rispondeva allo splendore puro della giornata brillante, sfilando per la prima volta nella fascia tricolore del rappresentante del popolo, la sua testa ombreggiato da pennacchi galleggianti. Tutti hanno notato quanto sembrava intossicato. Ma mentre la folla in estasi gridò: "Viva Robespierre!" - grida che sono condanna a morte in una repubblica - i suoi colleghi, allarmati dalle sue pretese presuntuose, lo provocarono con commenti sarcastici.

Non furono solo i membri della Convenzione Nazionale a percepire le sue intenzioni teocratiche. C'era un'espressione vigorosa da un vero sans culotte, riferita da qualcuno che l'aveva sentita alle Tuileries: «Guarda che bastardo! Non basta essere padrone, vuole essere anche Dio! "