Vincent Oge chiede l'abolizione della schiavitù nelle colonie (1790)

In 1790 Vincent Oge, un ricco mulatto [mezzosangue] di Saint-Domingue [Haiti], era a Parigi. Oge si è rivolto a un comitato dell'Assemblea nazionale sull'abolizione della schiavitù:

“Signori, questa parola 'libertà' che non si può pronunciare senza entusiasmo, questa parola che porta con sé l'idea di felicità, non è forse perché sembra voler farci dimenticare i mali che abbiamo sofferto per tanti secoli? Questa libertà, la più grande, la prima dei beni, è fatta per tutti gli uomini, credo. Dovrebbe essere dato a tutti gli uomini? Lo credo di nuovo. Ma come dovrebbe essere reso? Quali dovrebbero essere i tempi e le condizioni?

Ecco per noi, signori, la più grande, la più importante di tutte le domande. Interessa America, Africa, Francia, tutta Europa ed è principalmente questa domanda che mi ha determinato, signori, a chiedervi di ascoltarmi.

Se non prendiamo le misure più rapide ed efficaci; se fermezza, coraggio e costanza non animano tutti noi; se non riuniamo rapidamente tutta la nostra intelligenza, tutti i nostri mezzi e tutti i nostri sforzi; se ci addormentiamo per un istante sul bordo dell'abisso, al risveglio tremeremo! Vedremo il sangue scorrere, le nostre terre invase, gli oggetti della nostra industria devastati, le nostre case bruciate. Vedremo i nostri vicini, i nostri amici, le nostre mogli, i nostri figli con la gola tagliata e i loro corpi mutilati; lo schiavo innalzerà lo standard della rivolta e le isole non saranno che una vasta e volgare conflagrazione; il commercio sarà rovinato, la Francia subirà una ferita mortale e una moltitudine di cittadini onesti sarà impoverita e rovinata; perderemo tutto.

Ma signori, c'è ancora tempo per prevenire il disastro. Forse ho supposto troppo dalla mia debole comprensione, ma ho idee che possono essere utili. Se l'assemblea [di Saint-Domingue] desidera ammettermi, se lo desidera, se vuole darmi il potere di redigere e sottoporgli il mio piano, lo farò con piacere, anche con gratitudine. Forse potrei contribuire e aiutare a scongiurare la tempesta che rimbomba sulle nostre teste ".