Hermann Ehrhardt

Hermann Ehrhardt

Hermann Ehrhardt (1881-1971) era un ufficiale militare tedesco e nazionalista. È diventato un leader significativo del Freikorps, ha partecipato al fallito 1920 Kapp colpo di stato e si oppose al Nazionalsocialisti (NSDAP).

Erhardt è nato a Diersburg, nella Germania sudoccidentale. Da giovane, ha mostrato un fascino per le armi e la cultura militare ed era una specie di piantagrane, una volta sparando accidentalmente a una ragazza alle costole. Erhardt è stato espulso dal liceo per aver aggredito un insegnante.

Erhard si unì alla Marina Imperiale tedesca nel 1899 e ricevette un incarico da ufficiale. Ha guidato una flottiglia di torpediniere durante prima guerra mondiale, affondò tre cacciatorpediniere britannici e raggiunse il grado di tenente comandante.

Come molti altri ufficiali militari, Erhardt era un nazionalista conservatore preoccupato per la direzione politica della nuova repubblica. Era particolarmente preoccupato per la minaccia di una rivoluzione comunista e l'incapacità del governo di resistere.

Nel gennaio 1919 Erhardt formò un Freikorps unit, successivamente soprannominata Brigata Marina Erhardt, a Wilhelmshaven. Il suo obiettivo era combattere e schiacciare i gruppi rivoluzionari di sinistra che stavano emergendo in tutta la Germania. 

Al suo apice, Erhardt's Freikorps La brigata conteneva circa 6,000 uomini, inclusi molti marinai e marines precedentemente sotto il suo comando in tempo di guerra. All'inizio del 1919, la brigata lottò per il controllo di diverse basi navali da marinai ribelli, prima di marciare verso le città dell'interno per combattere le insurrezioni comuniste.

Gli uomini di Erhardt parteciparono alla sconfitta della Repubblica Sovietica Bavarese nell'aprile 1919, quindi procedettero in Alta Slesia per combattere i separatisti polacchi. All'inizio del 1920, Erhardt ei suoi uomini erano di stanza nel Brandeburgo, non lontano da Berlino.

Nel febbraio 1920, ministro della Difesa Gustav Noske ordinò lo scioglimento delle due più grandi brigate dei Freikorps, una delle quali era quella di Erhardt. Questo ordine diede origine a una controrivoluzione nazionalista-militare, orchestrata da Walther von Luttwitz e guidata da Wolfgang Kapp. Erhardt ha promesso il suo sostegno a questo golpe ma è fallito nel giro di diversi giorni.

Erhardt lasciò la Germania per diverse settimane prima di tornare a vivere segretamente in Baviera. Insieme agli ex membri della sua brigata, Erhardt formò l'Organizzazione Console, un gruppo paramilitare e terrorista segreto con un'agenda ultra-nazionalista.

Il Console dell'Organizzazione era responsabile dell'assassinio dei ministri di Weimar Matthias Erzberger e Walther Rathenau. Sospettato di essere coinvolto nell'omicidio di Rathenau, Erhardt trascorse diversi mesi in prigione prima di scappare con l'aiuto di collaboratori.

Molti Brigata Marina Erhardt membri abbandonarono Erhardt per unirsi al movimento nazista, incluso il Sturmabteilung e Schutzstaffel. Erhardt nutriva una forte sfiducia nei confronti di Adolf Hitler, tuttavia, una volta descrisse il leader dell'NSDAP come "un idiota". Erhardt alla fine si unì al NSDAP ma solo per infiltrarsi e destabilizzarlo. 

Erhardt fuggì in Austria dopo essere stato preso di mira durante l'epurazione della "Notte dei lunghi coltelli". In seguito tornò in Germania, con l'approvazione di Hitler, e fu nuovamente imprigionato per aver complottato contro di lui. Erhardt si ritirò in Austria dopo la guerra e vi morì nel settembre 1971.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Hermann Erhardt"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/weimarrepublic/hermann-erhardt/
Data di pubblicazione: October 15, 2019
Data di accesso: Data odierna
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.