L'iperinflazione del 1923

Iperinflazione 1923
Una donna tedesca accende un fuoco con banconote senza valore, 1923

Senza contare l'ascesa del nazismo, l'iperinflazione del 1923 è probabilmente il fallimento più significativo della Repubblica di Weimar. Per diversi mesi nel 1923, i tedeschi hanno combattuto l'inflazione dei prezzi così rapidamente da creare situazioni ridicole, insieme a considerevole miseria e sofferenza.

sfondo

All'inizio del 1923, i lavoratori tedeschi intrapresero uno sciopero generale prolungato come protesta contro il occupazione della Ruhr da parte delle truppe francesi. Nonostante la sua precaria condizione economica, il governo di Weimar ha deciso di sostenere questo sciopero continuando a pagare i lavoratori in sciopero. Lo ha fatto aumentando le tirature di banconote, una politica che il governo aveva utilizzato in modo intermittente dal 1921.

Gli economisti del governo capivano i pericoli di inondare l'economia con la carta moneta, quindi la politica doveva essere temporanea. Ma come il Ruhrkampf continuata nell'estate e nell'autunno del 1923, non è stato possibile trovare un modo alternativo per affrontare la crisi. La carta moneta veniva continuamente pompata nell'economia tedesca, portando a svalutazione e iperinflazione.

A metà del 1923, le banche centrali della nazione utilizzavano più di 30 cartiere, quasi 1,800 macchine da stampa e 133 società per stampare banconote. Ironia della sorte, la produzione di carta moneta divenne una delle poche industrie redditizie della Germania. Al culmine della crisi, i governi statali tedeschi, le principali città, le grandi aziende, persino alcuni pub emettevano tutti la propria moneta cartacea.

I prezzi e le denominazioni salgono

iperinflazione tedesca
I bambini tedeschi vengono fotografati mentre lanciano un aquilone fatto di banconote senza valore

Man mano che più banconote entravano in circolazione, il potere d'acquisto di ciascuna Reichsmark diminuito, spingendo i venditori ad aumentare i prezzi. Nel 1918 una pagnotta costava un quarto di a Reichsmark; nel 1922 questo numero era salito a tre Reichsmark. In 1923 il prezzo di mercato del pane è cresciuto a spirale, raggiungendo 700 Reichsmark (Gennaio), 1200 (maggio), 100,000 (luglio), due milioni (settembre), 670 milioni (ottobre) e poi 80 miliardi Reichsmark (Novembre). Una dozzina di uova costa la metàReichsmark in 1918 e tre Reichsmark nel 1921. Nel 1923 il prezzo di mercato salì a 500 (gennaio), poi a 30 milioni (settembre) e quattro miliardi Reichsmark (Ottobre).

Il governo di Weimar non era abbastanza forte per fissare salari o prezzi, quindi la sua unica risposta è stata l'emissione di più carta moneta. Questo ciclo di inflazione e rilascio di valuta ha raggiunto una spirale fino al 1923. Il taglio delle banconote è aumentato, la banconota più grande con un valore nominale di 100,000,000,000,000 (100 trilioni) Reichsmark. Anche il valore nominale dei francobolli è salito alle stelle. Nel 1923, il francobollo con il prezzo più alto costava cinque miliardi Reichsmark - ma anche questo non bastava per spedire una normale lettera. 

In un solo giorno, il 25 ottobre 1923, il governo di Weimar ha rilasciato banconote con un valore nominale di 120,000,000,000,000 (120,000 trilioni) Reichsmark - mentre annuncia l'intenzione di triplicare la sua produzione giornaliera. A novembre, il Tesoro ha riferito che c'erano 400,338,236,350,700,000,000 (400.3 miliardi di miliardi) Reichsmark in circolazione in tutta la Germania.

Gli impatti dell'iperinflazione

La rapida svalutazione della carta moneta ha causato scene ridicole. Il valore della carta moneta è scomparso così rapidamente che alcune aziende hanno pagato i dipendenti la mattina in modo che potessero precipitarsi e spendere il loro stipendio all'ora di pranzo. Le mogli aspettavano nelle fabbriche dei mariti il ​​giorno dello stipendio per poter correre ai negozi. Un uomo ha riferito di aver ordinato un caffè ma ha scoperto che il suo prezzo era raddoppiato quando è arrivato al suo tavolo.

Nel settembre 1923, quando la crisi dell'iperinflazione si avvicinava al suo peggio, i tedeschi avevano bisogno di enormi quantità di carta moneta anche per le merci di base. Non era raro vedere acquirenti che trasportavano secchi, borse, persino carriole piene di banconote. Una donna di Monaco ha trascinato una valigia di banconote nel suo negozio di alimentari locale; quando l'ha lasciata fuori per un attimo qualcuno ha rubato la valigia ma ha svuotato i soldi per strada.

I bambini giocavano con banconote senza valore come giocattoli; le loro madri li usavano per accendere stufe e caldaie, rivestire stampi per dolci, persino come tappezzeria. Molti tedeschi abbandonarono del tutto il denaro e iniziarono a barattare come mezzo per ottenere ciò di cui avevano bisogno.

Effetti economici

tasso di cambio dell'iperinflazione
Un grafico che mostra il tasso di cambio alle stelle tra il marco tedesco e il dollaro USA

La crisi dell'iperinflazione ha anche reso quasi impossibile il cambio estero. Prima prima guerra mondiale, un dollaro USA ne aveva acquistati circa quattro Reichsmark. Alla fine del 1920, questo numero era aumentato a 70 Reichsmark; un anno dopo erano 180.

Nel periodo peggiore dell'iperinflazione alla fine del 1923, il tasso di cambio per un dollaro USA era salito alle stelle a 48,000 Reichsmark (Gennaio) poi 192,000 (giugno) 170 miliardi (ottobre) e quattro trilioni (novembre).

Di conseguenza, le società tedesche hanno trovato impossibile fare affari o commerciare all'estero. Incapace di acquistare oro o valuta estera, il governo di Weimar non aveva la capacità di far fronte alle rate delle riparazioni. Alcuni hanno affermato che il governo aveva deliberatamente sabotato l'economia tedesca come protesta contro le riparazioni alleate, anche se non ci sono prove dirette di ciò.

Vincitori e perdenti

Ci furono vincitori e vinti dall'iperinflazione del 1923. I più colpiti sono stati i Classe media (classe media) che faceva affidamento su investimenti, risparmi o redditi da pensioni o affitti. Nel 1921, una famiglia con 100,000 marchi di risparmio sarebbe stata considerata ricca, ma entro due anni non sarebbe bastato per una tazza di caffè.

Anche i dipendenti pubblici hanno sofferto perché gli aumenti dei loro salari non sono riusciti a tenere il passo con il settore privato. Tra coloro che se la cavarono meglio c'erano agricoltori, imprenditori o produttori che producevano e vendevano merci importanti. Mentre il valore del denaro fluttuava, il valore reale di questi beni no; chi li ha venduti potrebbe farlo alle proprie condizioni.

Anche i tedeschi con grandi debiti hanno beneficiato dell'iperinflazione, poiché potevano essere facilmente rimborsati. Alcuni abili uomini d'affari hanno preso in prestito all'inizio del ciclo inflazionistico per acquistare proprietà, quindi hanno rimborsato il prestito settimane o mesi dopo per quasi nulla.

Risultati

affitti
Una nota 10 Rentenmark, emessa alla fine del 1923 come mezzo per arginare l'iperinflazione in Germania

L'iperinflazione del 1923 costrinse il governo di Weimar a confrontarsi con la propria estinzione. Si è parlato apertamente che il governo potrebbe essere rimosso da una rivoluzione popolare o da un esercito colpo di stato. Un tentativo di colpo di stato a Monaco, lanciato da Adolf Hitler e Nazionalsocialisti (NSDAP) all'inizio di novembre 1923, sembrava un segno di ciò che poteva accadere.

La crisi ha costretto il crollo di due gabinetti mentre i ministri litigavano sul modo migliore per porre fine alla crisi. È stato nominato ministro delle finanze di recente Hans Lutero chi ha prodotto l'eventuale soluzione.

I Rentenmark

In ottobre, Lutero ordinò la formazione di una nuova banca di riserva (Rentenbank) e una nuova valuta (il Rentenmark). Il valore di Rentenmark era indicizzato al valore dell'oro, sebbene non potesse essere riscattato in oro perché il governo non aveva riserve auree. Uno Rentenmark inizialmente era valutato a un miliardo di "vecchi" Reichsmark mentre la valuta estera era fissata a 4.2 Rentenmarks a un dollaro USA. 

Desideroso di dire addio all'iperinflazione, il pubblico tedesco ha abbracciato la nuova valuta. Ciò ha consentito una graduale normalizzazione dei prezzi e dei salari.

Iperinflazione 1923

1. La crisi dell'iperinflazione del 1922-23 fu causata in gran parte dal governo di Weimar che stampava banconote per pagare i lavoratori in sciopero nella Ruhr occupata.

2. Entro la metà del 1923, la stampa di queste banconote, che non erano garantite dall'oro, stava provocando un rapido aumento sia dei prezzi che dei salari.

3. Questa iperinflazione portò a scene farsesche, come prezzi straordinari e tedeschi che spingevano carriole di denaro per comprare oggetti semplici.

4. L'iperinflazione ha inoltre eroso i risparmi di cassa della classe media e fatto salire alle stelle i tassi di cambio, interrompendo l'attività commerciale.

5. La crisi dell'iperinflazione si è infine conclusa con la formazione di una nuova banca di riserva e l'emissione di una nuova valuta nazionale denominata Rentenmark.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "L'iperinflazione del 1923"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/weimarrepublic/1923-hyperinflation/
Data di pubblicazione: 26 settembre 2019
Data di accesso: Data odierna
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.