Paul von Hindenburg

Paul von Hindenburg

Paul von Hindenburg (1847-1934) era un aristocratico prussiano, comandante militare e figura politica. È ricordato meglio come il secondo presidente della Repubblica di Weimar e l'uomo che ha nominato Adolf Hitler come cancelliere nel 1933.

vita in anticipo

Hindenburg nacque a Posen nel 1847, figlio di un aristocratico prussiano e sua moglie più comune. Come altri rampolli dell'élite Junker, il giovane Hindenburg fu inviato per un'istruzione militare nelle scuole per cadetti.

Nel 1866, Hindenburg fu incaricato come sottotenente e spedito alla guerra austro-prussiana, dove subì la battaglia prima del suo 19esimo compleanno. Successivamente prestò servizio nella guerra franco-prussiana (1870-71). Come giovane aiutante, Hindenburg partecipò alla cerimonia che unificò formalmente la Germania nel 1871.

Nel 1885 Hindenburg aveva raggiunto il grado di maggiore e prestava servizio sotto il famoso stratega conte von Schlieffen. Nel 1903 fu promosso al grado di generale e gli fu dato il comando di un corpo d'armata a Magdeburgo.

Pensionamento e richiamo

Nel 1911 Hindenburg, ormai 64 anni, fu messo in pensione dallo Stato Maggiore. Si ritirò nelle sue considerevoli proprietà terriere in Prussia, ma fu richiamato quando prima guerra mondiale iniziò tre anni dopo. Hindenburg ricevette il comando dell'ottava armata e ordinò di fortificare la Prussia orientale contro un'offensiva russa, una missione che completò con successo nel settembre 1914.

Questi successi videro Hindenburg diventare enormemente popolare in Germania. Ha acquisito una reputazione come un brillante tattico militare e un leader ispiratore che è stato forse sopravvalutato, dal momento che molti dei notevoli successi di Hindenburg erano in gran parte opera di subordinati, come Erich Ludendorff.

Nell'agosto 1916, Hindenburg sostituì von Falkenhayn come comandante in capo sul fronte occidentale. Per il resto della guerra, Hindenburg e Ludendorff governarono la Germania come de facto dittatori. Non solo hanno supervisionato le tattiche militari, ma hanno controllato la politica economica e la produzione, bypassando il governo civile nel processo. Questo periodo era conosciuto come la "dittatura silenziosa".

A Dolchstosselegende esponente

Nell'ottobre 1918, con l'imminente sconfitta della Germania, Hindenburg si dimise dall'esercito una seconda volta. L'anno successivo è comparso davanti a una commissione d'inchiesta sulla guerra e ha alimentato il Dolchstosselegende La leggenda della "pugnalata alle spalle" affermava che l'esercito tedesco era stato tradito in patria piuttosto che sconfitto in prima linea.

Hindenburg tornò nella sua tenuta prussiana nel 1919 e per diversi anni fu visto o sentito raramente. La morte di Friedrich Ebert nel febbraio 1925 spinsero i conservatori a convincere l'anziano generale, ora al suo 78 ° anno, a ritirarsi dalla pensione.

Il mese successivo, Hindenburg fu eletto presidente, sconfiggendo di poco Wilhelm Marx dei Partito socialdemocratico (SPD).

Un leader costituzionale

I sostenitori di Hindenburg credevano che l'ex generale avrebbe distrutto la Repubblica di Weimar dall'interno e ripristinato la monarchia imperiale. Dovevano essere tristemente delusi. Nei suoi primi anni di governo, Hindenburg ha agito con attenzione, responsabilità e ha aderito alla costituzione di Weimar.

Questa situazione è stata cambiata dall'inizio del Grande Depressione. Con una maggiore instabilità nel Reichstag portando a governi di minoranza, Hindenburg fu sempre più costretto a invocare i suoi poteri costituzionali di emergenza per governare per decreto. C'erano anche domande sulla competenza e il giudizio di Hindenburg, con alcuni resoconti che suggerivano che mostrava segni di senilità.

Nel marzo 1932, Hindenburg, ormai 84enne, corse per un secondo mandato presidenziale contro Adolf Hitler. Sebbene non desiderasse contestare un'altra elezione, i sostenitori di Hindenburg sapevano che solo la sua popolarità poteva tenere Hitler lontano dalla presidenza. Mentre Hindenburg è stato comodamente rieletto, è arrivato grazie al sostegno dell'SPD, un gruppo che aveva precedentemente detestato.

La nomina di Hitler

Hindenburg ha nominato Hitler come cancelliere nel gennaio 1933, su sollecitazione di Franz von Papen e altri. Mentre Hindenburg non amava il Nazionalsocialista (NSDAP) leader, Hitler lo convinse che stava lavorando per la restaurazione della monarchia, un obiettivo condiviso da Hindenburg.

In privato, tuttavia, Hitler stava aspettando la morte del malato Hindenburg per poter unire il cancelliere e la presidenza.

All'inizio del 1934, Hindenburg soffriva di un cancro terminale che era iniziato nella sua vescica e si era diffuso ai polmoni. I suoi ultimi mesi furono trascorsi a mettere in campo denunce contro le leggi naziste oppressive e il comportamento criminale del Sturmabteilung. Hindenburg morì il 2 agosto 1934 ei suoi poteri presidenziali furono immediatamente rivendicati da Hitler.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Paul von Hindenburg"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/weimarrepublic/paul-von-hindenburg/
Data di pubblicazione: 22 settembre 2019
Data di accesso: Data odierna
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.