Il trattato di Versailles

Una prospettiva tedesca del Trattato di Versailles

Redatto a Parigi e firmato nel giugno 1919, il Trattato di Versailles ha portato prima guerra mondiale alla sua conclusione formale. Il Trattato di Versailles rimase una questione controversa per tutta la vita della repubblica. I gruppi nazionalisti di destra lo disprezzavano come ingiusto e oppressivo diktat, progettato per schiacciare e umiliare la Germania. I gruppi di centro e di sinistra non hanno mostrato affetto o lealtà al trattato di Versailles, ma hanno capito che la resistenza ad esso era inutile e pericolosa per il popolo tedesco.

sfondo

Convenute quasi immediatamente dopo l'armistizio del novembre 1918, le conferenze di pace di Parigi avevano una complessa serie di questioni da considerare.

I delegati a queste conferenze hanno esaminato le controversie territoriali prebelliche e hanno tentato di risolverle ridisegnando i confini dell'Europa. Hanno considerato e valutato i movimenti per l'indipendenza e l'autodeterminazione, stabilendo diverse nuove nazioni sovrane.

Hanno finalizzato la dissoluzione dell'Impero Austro-Ungarico nel Trattato di Saint-Germain (firmato nel settembre 1919), la composizione dell'Europa orientale nel Trattato di Neuilly (novembre 1919) e la spartizione dell'Impero Ottomano nel Trattato di Sevres ( Agosto 1920).

La questione più urgente a Parigi, tuttavia, era cosa si doveva fare per la Germania.

Quattordici punti di Wilson

Una proposta di pace di lunga data era il piano in quattordici punti, avanzato durante la guerra dal presidente Woodrow Wilson degli Stati Uniti.

I Quattordici Punti di Wilson erano sul tavolo da quasi un anno, svelati per la prima volta in un discorso nel gennaio 1918. Chiedeva una riduzione degli armamenti in tutte le nazioni, l'eliminazione delle barriere economiche, la fine delle alleanze segrete e dirompenti e della libertà sul alto mare.

Il piano di Wilson proponeva anche misure per la negoziazione internazionale e la risoluzione delle controversie, agevolate da una Società delle Nazioni di recente formazione.

I Quattordici Punti non contenevano misure punitive specifiche contro la Germania, a parte il ritorno del territorio francese e belga catturato. Per questo motivo, divenne popolare con il movimento contro la guerra all'interno della Germania negli ultimi mesi della guerra.

Nel 1918, la proposta di Wilson fu citata e lodata sia nel Reichstage dal Ammutinati di Kiel. La decisione finale del governo tedesco di arrendersi era in parte basata sulla convinzione che i quattordici punti di Wilson avrebbero costituito la base di un trattato del dopoguerra.

Disaccordi alleati

Il piano di Wilson non fu tuttavia ampiamente sostenuto in Francia o in Gran Bretagna, dove gli atteggiamenti verso la Germania erano molto meno concilianti.

L'atteggiamento prevalente a Parigi e Londra era che la Germania era stata la principale, se non del tutto, responsabile dello scoppio della guerra. Per questo, molti hanno sostenuto, la Germania dovrebbe essere ritenuta responsabile e punita.

Questi stati alleati hanno anche chiesto una riduzione della capacità della Germania di fare la guerra smantellando o riducendo i suoi settori militari e industriali. La spinta a castrare la capacità militare della Germania proveniva principalmente dai francesi, che avevano più da temere dal suo vicino orientale.

Ai negoziati di Parigi, il primo ministro francese Georges Clemenceau ha sostenuto con forza misure punitive e restrittive contro la Germania. Clemenceau voleva mandare indietro l'economia tedesca, da una nazione industriale del primo mondo in un debole gruppo di province interessate alla produzione agricola e alla produzione su piccola scala.

Un trattato punitivo

Il Trattato di Versailles finì per riflettere molto più dell'approccio punitivo di Clemenceau che quello conciliante di Wilson. Tra i suoi principali termini e condizioni:

  • La Germania ha perso notevoli quantità di territorio. Fu spogliata di tutte le colonie d'oltremare e costretta a cedere grandi quantità di territorio europeo, tra cui alcune di significativo valore strategico o industriale. L'Alsazia e la Lorena furono restituite in Francia, mentre altre aree furono arrese in Belgio, Lituania, Cecoslovacchia e Polonia.
  • Alla Renania, un'area del territorio tedesco al confine con la Francia, fu ordinato di essere smilitarizzata, come mezzo per proteggere il confine francese. Un'altra regione di confine tedesca, la Saarland, fu occupata e amministrata dalla Francia.
  • Alla Germania fu proibito di entrare in qualsiasi unione politica o confederazione con l'Austria.
  • Il tedesco Reichswehr (esercito) era di dimensioni limitate. Non poteva contenere più di 100,000 uomini ed era proibito usare la coscrizione per riempire i suoi ranghi. C'erano anche restrizioni sulla dimensione e la composizione della sua classe di ufficiali.
  • L'esercito tedesco era soggetto ad altre restrizioni e divieti. Le navi da guerra furono limitate in stazza mentre furono imposti divieti alla produzione o all'acquisizione di carri armati, artiglieria pesante, armi chimiche, aeromobili, dirigibili e sottomarini.
  • L'articolo 231 del trattato (la "clausola di colpevolezza di guerra") stabiliva che la Germania fosse responsabile da sola dell'inizio della guerra, fornendo così una base giuridica per il pagamento delle riparazioni di guerra agli Alleati.

I delegati tedeschi reagiscono

I termini del Trattato di Versailles furono formulati senza il contributo della Germania, i cui delegati non furono autorizzati a partecipare ai negoziati di pace. Nel maggio 1919 un contingente tedesco fu finalmente invitato a Parigi. Dopo essere stati tenuti in attesa per diversi giorni, è stato presentato loro il progetto di trattato.

Il ministro degli esteri tedesco, Ulrich von Brockdorff-Rantzau, si è rivolto a quelli di Versailles abbastanza candidamente. Brockdorff-Rantzau disse loro che mentre il suo paese era pronto a fare ammenda per gli eccessi di guerra, la premessa che la Germania fosse la sola a iniziare la guerra o a superare le regole di guerra era priva di fondamento:

“Siamo pronti ad ammettere che sono state fatte cose ingiuste. Non siamo venuti qui per sminuire la responsabilità degli uomini che hanno fatto la guerra politicamente ed economicamente o per negare che siano state commesse violazioni del diritto delle nazioni ... Ma la misura della colpevolezza di tutti coloro che hanno preso parte può essere stabilita solo da un'indagine imparziale, una commissione neutrale davanti alla quale tutti i presidi della tragedia possono parlare e alla quale tutti gli archivi sono aperti. Abbiamo chiesto una simile richiesta e la chiediamo ancora una volta ...

In cuor loro, il popolo tedesco si rassegnerà a un duro lavoro se le basi della pace saranno reciprocamente concordate e non distrutte. Una pace che non può essere difesa davanti al mondo come una pace di giustizia inviterà sempre una nuova resistenza. Nessuno poteva firmarlo con la coscienza pulita, perché non poteva essere eseguito. Nessuno potrebbe azzardarsi a garantirne l'esecuzione, sebbene tale obbligo sia richiesto dalla firma del trattato ".

Unità nazionale tedesca

Quando la notizia del trattato ha raggiunto la Germania, ha generato una tempesta di rabbia pubblica. Ci furono pochi momenti di consenso e di unità nazionale nella Germania di Weimar, ma la risposta al Trattato di Versailles fu uno di questi.

I tedeschi si aspettavano un accordo equo e imparziale basato sui quattordici punti di Wilson. Invece, hanno ricevuto quella che hanno chiamato la “Versailles diktat”- un trattato non negoziato tra pari ma imposto a un popolo devastato dalla guerra e affamato con la punta di una pistola.

Erich Ludendorff considerava il trattato l'opera di ebrei, banchieri e socialisti complottisti. Gustav Stresemann lo ha descritto come una "condanna a morte morale, politica ed economica". "Saremo distrutti", ha detto Walther Rathenau.

Nel Weimar Reichstag, delegati di tutti i partiti politici eccetto Partito socialdemocratico indipendente (USPD) è salito a condannare il trattato di Versailles e la condotta degli Alleati. Quasi tutti i giornali in Germania hanno criticato il trattato e hanno gridato al governo di respingerlo.

Ratificare o non ratificare?

Per due mesi tesi, il governo di Weimar ha discusso la ratifica del Trattato di Versailles. La questione ha portato alla scomparsa di Philipp Scheidemann, primo cancelliere della Repubblica di Weimar. Scheidemann si è dimesso piuttosto che ratificare il trattato, che ha definito un "piano omicida".

Presidente Friedrich Ebert era anche contrario al trattato di Versailles. A giugno, ha contattato i comandanti militari e ha chiesto se l'esercito avrebbe potuto difendere la nazione se il governo avesse rifiutato di firmare il trattato e gli alleati avessero ripreso la guerra. Tutti e due Paul von Hindenburg , che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana Wilhelm Groener consigliato il Reichstag che l'esercito mancava di materiale e munizioni e non poteva resistere a un'offensiva alleata o all'invasione della Germania.

Qualsiasi rifiuto di conformarsi a Versailles prolungherebbe anche il blocco alimentare degli Alleati. Questo blocco, che era ancora in corso nel giugno 1919, stava contribuendo a migliaia di morti civili per fame.

Il trattato ha accettato

Di fronte a questo consiglio, il Reichstag non aveva altra alternativa che sottomettersi agli alleati. I delegati della Germania firmarono il trattato il 28 giugno 1919. Fu ratificato dall'Assemblea nazionale di Weimar quasi due settimane dopo (9 luglio), passando 209 voti contro 116.

Per la Partito socialdemocratico (SPD) e altri moderati, l'accettazione del trattato di Versailles era una misura necessaria. Fu fatto con riluttanza per prevenire ulteriori guerre e spargimenti di sangue, un'invasione alleata della Germania e la possibile dissoluzione dello stato tedesco. Alcuni speravano che i termini del trattato potessero essere rinegoziati e allentati in seguito.

Quelli dell'esercito e dell'estrema destra, tuttavia, lo consideravano l'ennesimo tradimento. “Oggi l'onore tedesco è trascinato nella tomba. Non dimenticarlo mai!" ha gridato un giornale nazionalista. “Il popolo tedesco avanzerà di nuovo per riconquistare il proprio orgoglio. Avremo la nostra vendetta per la vergogna del 1919! "

I cospirazionisti della destra nazionalista rivendicarono la ratifica come ulteriore prova delle forze distruttive all'opera nel governo civile tedesco. Era opera degli stessi “criminali di novembre” che avevano firmato l'armistizio del 1918.

Il Trattato di Versailles - o, più specificamente, la questione di come la Germania dovrebbe rispondere ad esso - contribuirebbe alle divisioni politiche per la vita della Repubblica di Weimar.

repubblica di weimar versailles

1. Il trattato di Versailles, redatto in 1919, ha formalmente concluso le ostilità tra gli alleati e la Germania.

2. La Germania non partecipò ai negoziati del trattato, ma a maggio 1919 ricevette termini di pace, invitando alla protesta.

3. Il trattato è stato ampiamente contrastato in Germania, il governo ha brevemente considerato il rifiuto di firmare e ratificare.

4. Di fronte alla ripresa della guerra e all'invasione alleata, il governo di Weimar ordinò con riluttanza la firma del Trattato di Versailles e organizzò la sua ratifica da parte del Reichstag.

5. Questa accettazione del trattato indignò i gruppi nazionalisti, che lo considerarono un altro esempio di Dolchstosselegende. Versailles e le sue aspre condizioni hanno contribuito a oltre un decennio di divisione politica nella Repubblica di Weimar.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il Trattato di Versailles"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/weimarrepublic/treaty-of-versailles/
Data di pubblicazione: 23 settembre 2019
Data di accesso: Data odierna
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.