Wilhelm II

Wilhelm II

Wilhelm II (1859-1941) era il re di Prussia, il Kaiser (imperatore) della Germania imperiale e leader nominale del paese durante prima guerra mondiale. È stato rimosso dal potere durante il Rivoluzione tedesca nel novembre 1918 e costretto all'esilio in Olanda.

Wilhelm è nato a Berlino, figlio del principe ereditario tedesco Friedrich Wilhelm e di sua moglie inglese, la principessa ereditaria Victoria. La sua nascita è stata segnata da complicazioni e il neonato Wilhelm è nato con un braccio sinistro avvizzito.

Willhelm ha ricevuto un'educazione e un'educazione autoritarie tipiche di un giovane principe in fila al trono. Fin dalla giovane età, ha dimostrato un fascino per i militari e ha acquisito quante più uniformi possibile. 

Ad accompagnare il militarismo di Wilhelm c'era un nazionalismo tedesco che rasentava il fanatismo. Era ossessionato dal rafforzamento e dall'espansione delle risorse e del commercio imperiali della Germania in modo che un giorno potesse rivaleggiare con l'Impero britannico, un'entità che Wilhelm ammirava e detestava a malincuore.

Questi tratti definirono la leadership di Wilhelm dopo che divenne Kaiser nel 1888. Wilhelm estromise il rispettato Otto von Bismarck dal cancelliere e lo sostituì con altri stridenti nazionalisti e "yes men". Ha adottato una politica estera più conflittuale e ha supervisionato la rapida espansione della marina tedesca e della flotta sottomarina. 

L'impulsività di Wilhelm istigò diversi incidenti internazionali durante il suo regno, un discorso così provocatorio pronunciato in Marocco nel 1905. Il sostegno incondizionato del Kaiser per l'Austria-Ungheria dopo l'assassinio di Francesco Ferdinando - il suo cosiddetto "assegno in bianco" - fu una causa significativa di World Guerra I. 

Sebbene fosse un importante contributo alla sua esplosione, la leadership di Wilhelm durante la guerra fu in gran parte inefficace. Si affidava ai consigli e alle politiche di altri ed esercitava pochissima influenza sulla strategia militare o sulle politiche interne. È diventato un leader polena, facendo apparizioni pubbliche, visitando il fronte e consegnando indirizzi ma facendo poco altro. 

Nel novembre 1918, con la Germania sull'orlo della sconfitta e il suo trono a rischio di una rivoluzione popolare, il Kaiser subì pressioni per abdicare al trono. Come all'inizio del suo regno, Wilhelm non era in grado di accettare questa realtà. Alla fine, Cancelliere Max di Baden ha annunciato l'abdicazione del Kaiser senza il suo appoggio.

A questo punto, Wilhelm fuggì dalla Germania per il santuario dell'Olanda neutrale. È stato accolto qui e protetto dalla famiglia reale olandese, che ha respinto le ripetute richieste di estradizione in modo che l'ex Kaiser potesse essere processato per crimini di guerra.

Wilhelm visse 23 anni in pensione in Olanda, scrivendo le sue memorie e seguendo la situazione politica in Germania. Sperava tranquillamente per il crollo della Repubblica di Weimar e la rinascita della monarchia, consentendo o il suo ritorno o l'intronizzazione di suo figlio. Le sue opinioni su Adolf Hitler della scuola e il Nazionalsocialisti (NSDAP) erano misti. 

Guglielmo II morì nei Paesi Bassi nel giugno 1941, all'età di 82 anni. Al suo funerale parteciparono diversi ex generali dell'ex Kaiser, oltre a dignitari nazisti. 

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Wilhelm II"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/weimarrepublic/wilhelm-ii/
Data di pubblicazione: October 10, 2019
Data di accesso: Data odierna
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.