Assistenza americana a Weimar Germania

assistenza americana
Una prospettiva nazionalista e antisemita del Piano Dawes, 1924

Il sostegno straniero a metà degli anni '1920, in particolare l'assistenza americana sotto forma di prestiti e investimenti, era essenziale per la ripresa economica della Repubblica di Weimar. Confermato dal Piano Dawes (1924) e dal Piano Young (1929), questo sostegno ha aiutato a tirare indietro la repubblica dall'orlo del collasso economico e sociale e ha dato il via a quello che viene spesso chiamato il 'Età d'oro di Weimar'.

Tuttavia, questa assistenza comportava rischi e pericoli. Piuttosto che diventare autosufficiente, l'economia della Repubblica di Weimar divenne troppo dipendente da capitali e prestiti stranieri. Quando l'economia degli Stati Uniti iniziò a fallire alla fine del 1929, gli effetti in Germania furono particolarmente gravi.

sfondo

Alla fine del 1923, la Germania di Weimar era in uno stato difficile sia politicamente che economicamente. I tedeschi avevano subito una delle peggiori inflazioni valutarie della storia umana e molti non si aspettavano che Friedrich Ebert o il governo durassero un altro anno.

Washington ha osservato questi sviluppi con occhio ansioso. Era molto preoccupato per l'economia tedesca, che sembrava oltre ogni speranza di ripresa. Il Trattato di Versailles aveva spogliato la Germania del 13 per cento del suo territorio, del 15 per cento delle sue terre coltivate, di un quarto delle sue miniere di carbone e di tre quarti della sua produzione di ferro.

La commissione alleata aveva imposto uno sconcertante riparazioni debito così grande che anche le rate trimestrali sembravano impossibili. Il crisi di iperinflazione aveva sventrato il settore finanziario tedesco e spazzato via i risparmi del Classe media (classi medie).

Paure della rivoluzione comunista

Mentre l'economia tedesca si avvicinava al crollo, le prospettive di una rivoluzione comunista o di un colpo di stato militaristico si profilavano grandiose. Il Nazionalsocialisti mancato Monaco colpo di stato a novembre 1923 sembrava un presagio di cose a venire.

Gli Stati Uniti erano anche preoccupati che il crollo dell'economia tedesca potesse causare onde d'urto in tutta Europa. Se la Germania non fosse in grado di soddisfare i suoi obblighi di riparazione, i francesi potrebbero forse istigare un'altra guerra. Se la Germania dovesse cadere nel comunismo, potrebbe svilupparsi una potente alleanza con la Russia sovietica che potrebbe minacciare il resto dell'Europa.

Anche gli americani avevano in mente i propri interessi. Gli stessi Stati Uniti erano debitori di ingenti somme da parte di Parigi e Londra. Il rimborso di questi prestiti di guerra dipendeva dal fatto che i francesi e gli inglesi ricevessero le riparazioni tedesche.

Il Comitato Dawes

Nel 1924 Washington organizzò un comitato internazionale di dieci uomini per indagare sulla situazione in Germania e considerare il problema delle riparazioni.

A capo di questo comitato, misero Charles G. Dawes, un ricco banchiere di Chicago, un veterano della prima guerra mondiale ed ex generale di brigata. Un uomo senza fronzoli che ha parlato come pensava, Dawes ha detto ai delegati del comitato che la mano pesante di Versailles ha posto l'Europa in una posizione pericolosa. Ha chiesto approcci più pratici al trattamento della Germania:

“Qual è la domanda oggi? Da cosa dipende il successo di questo comitato? Sui suoi poteri di persuasione? In primo luogo, no. Sulla sua onestà e capacità? In primo luogo, no. Dipende dal fatto che, nella mente pubblica e nella coscienza degli alleati e del mondo, vi sia un'adeguata comprensione del grande disastro che deve affrontare l'Europa a meno che il "buon senso" non sia incoronato re ".

Il piano Dawes

Nell'aprile 1924, il comitato presentò la sua proposta di soluzione alla questione tedesca. Costituì la base di quello che divenne noto come il Piano Dawes. Fu accettato dal governo tedesco, poi ratificato dal Reichstag e governi alleati nell'agosto dello stesso anno.

Tra i contenuti del Piano Dawes c'erano i seguenti punti:

  • Una serie di misure di riforma per l'economia tedesca, tra cui nuove tasse e l'introduzione del gold standard per stabilizzare i valori valutari. Il Reichsbank doveva essere riorganizzato e modernizzato, con l'assistenza britannica e americana.
  • Un nuovo programma più conveniente per i pagamenti annuali delle riparazioni per alleviare la pressione sulle riserve tedesche. Gli importi annuali furono ridotti e scalati (1 miliardo di marchi nel 1924 che aumentò a 2.5 miliardi di marchi nel 1929), per consentire all'economia tedesca di respirare spazio per la ripresa.
  • È importante sottolineare che il piano Dawes ha facilitato una serie di enormi prestiti alla Germania. Il primo, per un totale di 800 milioni di marchi, è stato immesso nel settore industriale tedesco per ripristinare la produzione. La metà di questo importo è stata fornita da banchieri americani.
  • La Francia accettò di ritirare le sue truppe dalla regione industriale della Ruhr, permettendo alla produzione tedesca di riprendere e recuperare.

Ravvivare l'economia

Sebbene fosse inteso solo come misura provvisoria o temporanea, il Piano Dawes ebbe un effetto immediato. Ha permesso all'economia tedesca di riprendersi dal malessere del dopoguerra e ha dato il via a un breve periodo di crescita e prosperità.

Grandi somme di denaro si riversarono in Germania, la maggior parte proveniente dagli Stati Uniti. L'impatto di questi prestiti è stato più visibile nel settore industriale. Sono stati avviati nuovi stabilimenti e progetti infrastrutturali che hanno portato alla creazione di posti di lavoro e a un forte calo della disoccupazione.

Il tenore di vita di molti tedeschi iniziò ad aumentare per la prima volta da prima della prima guerra mondiale. Ci furono miglioramenti nelle città tedesche, compresa la costruzione di nuove case e strutture come negozi e cinema. La quota della Germania nel commercio mondiale è aumentata e nel 1929 le sue esportazioni erano superiori del 34% rispetto al 1913.

Obiezioni nazionaliste

Non tutti hanno sostenuto o accettato il Piano Dawes. I comunisti tedeschi hanno condannato questa assistenza americana come imperialismo economico, un tentativo degli Stati Uniti di esercitare un'influenza politica ed economica sulla Germania. Hanno anche criticato il piano per incoraggiare il profitto e l'avidità capitalista.

I nazionalsocialisti (NSDAP), essi stessi fortemente indeboliti dagli eventi del novembre 1923 e dall'incarcerazione di Adolf Hitler, liquidarono il Piano Dawes come una trovata. I leader dell'NSDAP credevano che la Germania dovesse rifiutarsi di effettuare qualsiasi pagamento di riparazione e descrissero il Piano Dawes come il lavoro di banchieri ebrei egoisti.

Una misura superficiale

Il piano Dawes ha consentito la ripresa dell'industria tedesca, il ripristino di una valuta stabile e uno stile di vita migliore per milioni di tedeschi. Per la maggior parte, tuttavia, questi risultati positivi sono stati superficiali o si sono verificati a breve termine.

Il consenso tra la maggior parte degli storici ed economisti è che il Piano Dawes ha posto troppa enfasi sui prestiti e non abbastanza sulle ristrutturazioni interne o sulle riforme. L'economia tedesca è diventata troppo dipendente dal denaro, dal capitale e dal commercio stranieri invece di generare queste cose a livello nazionale. Qualsiasi recessione economica all'estero, in particolare negli Stati Uniti, avrebbe effetti a catena immediati in Germania.

Anche il Piano Dawes non è riuscito a risolvere il dilemma delle riparazioni. Nonostante la riduzione delle rate trimestrali, la Germania ha rispettato alcuni dei suoi obblighi, ma ha continuato ad essere inadempiente su altri.

Il piano per i giovani

Questi problemi e preoccupazioni in corso portarono alla formulazione di un nuovo accordo chiamato Young Plan (1929). Ciò ha ripartito i pagamenti annuali delle riparazioni della Germania su un periodo di 59 anni, con il pagamento finale da effettuare nel 1988.

Secondo il piano Young, i pagamenti annuali della Germania erano fissati a un massimo di due miliardi di marchi d'oro, ma Berlino aveva la possibilità di differire fino a due terzi di questo importo se le circostanze economiche rendevano impossibile il pagamento dell'intera rata.

L'assistenza americana continuò alla fine degli anni '1920 con la finalizzazione del Piano Young. Il presidente del comitato, Owen D. Young, è stato nominato Ora Man of the Year (1929) della rivista per la sua guida del comitato.

Il punto di vista di uno storico:
“Nel 1924, il piano Dawes sembrava brillante. Non è stato un atto di vaga gentilezza, ma un energico strumento di manipolazione finanziaria. Era il lavoro di un uomo intelligente che era riuscito in tutto ciò che aveva provato. Dawes è stato scambiato per un mago. Si è concluso che aveva trovato una cura quando aveva scoperto solo un palliativo ... Armeggiare ha creato solo grandi problemi per il futuro, ma armeggiare era lo stile tollerato dal governo del 1924 ".
Elizabeth Stevenson

1. Alla fine del 1923, la Germania si trovava di fronte al rischio di un collasso economico e al pericolo di un colpo di stato militarista o di una rivoluzione comunista,

2. Gli Stati Uniti erano preoccupati per le ramificazioni politiche ed economiche del collasso economico della Germania e per gli effetti di questo in Europa.

3. Nel 1924, un comitato guidato da Charles Dawes presentò un piano provvisorio per rilanciare l'economia tedesca, inclusi pagamenti di riparazioni rivisti e prestiti statunitensi.

4. Sebbene impopolare tra i nazionalisti tedeschi, il Piano Dawes è stato efficace, consentendo all'economia tedesca di riprendersi e crescere, almeno a breve termine.

5. La Germania divenne dipendente dai prestiti esteri e non adempì a tutti i suoi obblighi di riparazione, tuttavia, portando allo sviluppo del Piano Young nel 1929.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Assistenza americana alla Germania di Weimar"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/weimarrepublic/american-assistance/
Data di pubblicazione: 30 settembre 2019
Data di accesso: Data odierna
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.