Citazioni: 1923 iperinflazione

Questa pagina contiene una serie di citazioni della Repubblica di Weimar relative all'iperinflazione del 1923 e ad altri problemi economici nella prima repubblica. Queste citazioni sono state ricercate, curate e compilate da autori di Alpha History. Se desideri suggerire un preventivo da includere in questa pagina, per favore CONTATTARCI.

“In proporzione al bisogno, in Germania circola meno denaro rispetto a prima della guerra. Questa affermazione può sorprendere ma è corretta. La circolazione è ora 15-20 volte quella dell'anteguerra, mentre i prezzi sono aumentati da 40 a 50 volte ".
Julius Wolf, professore di economia, 1922

“Il sanguinoso tumulto della guerra è finito: godiamoci il carnevale dell'inflazione. È un sacco di divertimento e carta, carta stampata, roba fragile - lo chiamano ancora denaro? Per cinque miliardi, puoi ottenere un dollaro. Che scherzo! Gli Yankees stanno arrivando, ma questa volta come turisti pacifici. Comprano un Rembrandt per un panino e le nostre anime per un bicchiere di whisky. Krupp e Stinnes si liberano dei loro debiti, noi dei nostri risparmi. I profittatori ballano negli hotel del palazzo. "
Klaus Mann, 1923

“Il prezzo delle corse in tram e della carne bovina, dei biglietti del teatro e della scuola, dei giornali e dei tagli di capelli, dello zucchero e della pancetta aumenta ogni settimana. Di conseguenza, nessuno sa quanto dureranno i loro soldi e le persone vivono nella paura costante, senza pensare ad altro che a mangiare e bere, comprare e vendere. C'è un solo argomento sulla bocca di tutti a Berlino: il dollaro, il marco e i prezzi ".
Eugeni Xammar, giornalista spagnolo a Berlino, febbraio 1923

“Seguire il suggerimento di interrompere la stampa delle banconote significherebbe rifiutare alla vita economica tedesca il mezzo di circolazione necessario per le transazioni, il pagamento degli stipendi e dei salari. Significherebbe che in brevissimo tempo l'intero pubblico, e soprattutto il Reich, non potrà più pagare mercanti, impiegati o operai. In poche settimane, le fabbriche, le miniere, le ferrovie e gli uffici postali, il governo nazionale e locale - in breve, tutta la vita nazionale ed economica - verrebbero interrotte ".
Karl Helfferich, politico ed economista tedesco, 1923

"Ricordo vividamente i giorni di paga ... dovevo accompagnare il manager in banca in una Benz a sei posti aperta, che riempivamo fino all'orlo di fasci e fasci di banconote da milioni e miliardi [miliardi]. Poi siamo tornati indietro per le strade strette, abbastanza indisturbati. E quando gli operai hanno ottenuto il loro stipendio, non si sono nemmeno preoccupati di contare le banconote in ogni pacco ".
Un addetto al trasporto ricorda l'iperinflazione di 1923

«Alcune di loro sembravano feroci Amazzoni, che si pavoneggiavano con stivali alti di pelle lucida verde. Uno di loro brandì un bastone flessibile e mi guardò maliziosamente mentre passavo. "Buonasera, signora", ho detto. Quindi mi sussurrò all'orecchio: 'Vuoi essere il mio schiavo? Costa solo sei miliardi e una sigaretta. Un affare.'"
Klaus Mann sulle prostitute a Berlino, 1923

“Mi martella quotidianamente i nervi: la follia dei numeri, il futuro incerto ... Un'epidemia di paura e di nudo bisogno: file di acquirenti, da tempo una visione consueta, si formano ancora una volta davanti ai negozi, prima davanti a uno, poi davanti a tutti… Le linee mandano sempre lo stesso segnale: la città, la grande città di pietra, tornerà a essere svuotata. Il riso, 80,000 marchi la libbra ieri, costa 160,000 marchi oggi, e domani forse il doppio. Il giorno dopo, l'uomo dietro il bancone alzerà le spalle: "Basta riso!"
Friedrich Kroner sull'iperinflazione, agosto 1923

“Sono state ora raggiunte altezze sconosciute. Il debito fluttuante è aumentato questa mattina di 160,000 miliardi [miliardi] di marchi di carta ... I negozi chiedono sterline, franchi, corone danesi, qualsiasi altra valuta estera che potresti voler enumerare ... Ad eccezione di cose come le tariffe del tram, ora ci viene addebitata la maggior parte degli articoli a poche centinaia di milioni in più dei ... tassi di cambio attuali a Londra ... L'Adlon Hotel addebita l'equivalente di quattro o cinque sterline per una bottiglia di vino ".
Joseph Addison, diplomatico britannico, settembre 1923

"Poche famiglie possono permettersi la carne più di una volta alla settimana, le uova non sono commercializzabili, il latte è terribilmente scarso e il pane è già 16 volte il prezzo di pochi giorni fa ... I ristoranti costosi sono pieni di persone ben vestite che bevono vino e mangiano il meglio del Monaco, ma sono tedeschi-americani o industriali della Ruhr… Nessuno si aspetta disordini politici ma le rivolte per la fame sono un'altra cosa… e il freddo, nessuno può permettersi il riscaldamento centralizzato. Nessuno immagina che Rentenmark possa aiutare. "
Robert Clive, console generale britannico a Monaco, ottobre 1923

“Credimi, la nostra miseria aumenterà. Il mascalzone se la caverà. Ma l'uomo d'affari onesto e solido che non specula sarà completamente schiacciato. Primo, il piccoletto in basso, ma alla fine anche il grosso in alto. Ma il mascalzone e il truffatore rimarranno, in alto e in basso. La ragione? Perché lo stato stesso è diventato il più grande truffatore e truffatore, uno stato di ladri ".
Adolf Hitler, 1923

“Indugiare nelle vetrine dei negozi era un lusso perché lo shopping doveva essere fatto immediatamente. Anche un minuto in più potrebbe significare un aumento del prezzo. Bisognava comprare velocemente. Un coniglio, ad esempio, potrebbe costare due milioni di marchi in più prima che tu entri nel negozio. Qualche milione di marchi non significava niente, davvero. Era solo che significava più trascinare. I pacchetti di denaro necessari per acquistare l'articolo più piccolo erano diventati da tempo troppo pesanti per le tasche dei pantaloni. Pesavano molte libbre ... La gente doveva iniziare a trasportare i propri soldi in giro con carri e zaini. Ho usato uno zaino. "
George Grosz sull'iperinflazione di 1923

"Wir wollen keine Judenfetzen von Berlin!" ("Non vogliamo coriandoli ebrei [cartamoneta] da Berlino")
Un contadino bavarese, 1923

“All'inizio, le masse l'hanno interpretato erroneamente come nient'altro che uno scandaloso aumento dei prezzi. Solo più tardi, sotto il nome di inflazione, il processo fu correttamente inteso come la caduta del denaro ".
Konrad Heiden, 1944

"L'inflazione [del 1923] aveva poco collegamento diretto con i pagamenti di riparazione stessi, ma molto a che fare con il modo in cui il governo tedesco scelse di sovvenzionare l'industria e di pagare i costi della resistenza passiva all'occupazione [della Ruhr] con un uso stravagante del macchina da stampa. "
Philip Bell, storico