The Dada Manifesto (1918)

Nel 1918 un gruppo di artisti compilò e firmò quello che divenne noto come il Manifesto Dada - una breve spiegazione del movimento Dada:

“L'arte, nella sua produzione e direzione, dipende dal tempo in cui vive, e gli artisti sono creature della loro epoca. L'arte più alta sarà quella in cui si svelano nella sua coscienza i mille problemi della giornata, un'arte che si lascia notevolmente frantumare dalle esplosioni della scorsa settimana, che cerca sempre di riprendersi dopo lo shock dei giorni scorsi. Gli artisti migliori e più stimolanti saranno quelli che ogni ora strappano i brandelli dei loro corpi dal vortice turbolento della vita, che, con mani e cuori sanguinanti, si aggrappano all'intelligenza del loro tempo.

L'espressionismo ha soddisfatto le nostre aspettative di un'arte del genere, che dovrebbe essere una misura delle nostre preoccupazioni più vitali? No! No! No!

Gli espressionisti hanno soddisfatto le nostre aspettative di un'arte che brucia l'essenza della vita nella nostra carne? No! No! No!

Con il pretesto di voltarsi verso l'interno, gli espressionisti della letteratura e della pittura si sono uniti in una generazione che anche adesso si aspetta la sua convalida storica e si batte per l'onorevole riconoscimento borghese ... L'espressionismo, scoperto all'estero e - fedele allo stile - trasformato in Germania in un grasso fannullone con la speranza di una buona pensione, non ha nulla in comune con gli sforzi degli uomini attivi. I firmatari di questo manifesto hanno, sotto il grido di battaglia

DADA!

Che cos'è il DADAISMO? La parola Dada simboleggia la relazione più primitiva con la realtà circostante; con il dadaismo una nuova realtà prende il suo posto. La vita appare come un vortice simultaneo di rumori, colori e ritmi spirituali, che Dada prende senza batter ciglio nella sua arte, con tutte le urla e le febbri spettacolari del suo esuberante atteggiamento pragmatico e con tutta la sua brutale realtà.

Questa è la linea di demarcazione netta che separava il dadaismo da tutte le direzioni artistiche fino ad ora e in particolare dal FUTURISMO, che non molto tempo fa alcune menti deboli consideravano una nuova versione della realizzazione impressionista. Facendo a pezzi tutte le banalità dell'etica, della cultura e dell'interiorità, che sono solo mantelli per muscoli deboli, il dadaismo ha per la prima volta cessato di assumere una posizione estetica nei confronti della vita ... "