Friedrich Ebert

friedrich ebert

Friedrich Ebert (1871-1925) era un leader unionista tedesco diventato politico socialista e il primo presidente della Repubblica di Weimar.

Ebert è nato ad Heidelberg appena due settimane dopo l'unificazione della Germania. Suo padre, Karl, era un sarto cattolico con un'attività di successo, sua madre, Katharina, una casalinga protestante. Friedrich era il settimo di nove figli.

Ebert era uno studente brillante che fu incoraggiato a entrare nel sacerdozio, ma invece lasciò la scuola all'età di 14 anni. Nel 1885, iniziò la formazione come apprendista costruttore di selle. Più tardi nella sua carriera politica, la stampa di destra avrebbe attaccato le origini della classe operaia di Ebert

Dopo la qualificazione, Ebert ha lavorato e viaggiato in varie città e paesi tedeschi. Si interessò anche al movimento sindacale, aderendo al sindacato dei sellai e al Partito socialdemocratico (SPD).

Nel 1890, Ebert fu eletto segretario di una federazione sindacale ad Hannover. Ha anche scalato i ranghi della SPD in rapida crescita, diventando segretario generale nel 1905 e presidente del partito nel 1913.

quando prima guerra mondiale scoppiò nel 1914, Ebert e il nucleo della SPD diedero al governo Wilhelmine un sostegno incondizionato allo sforzo bellico. Questa politica di guerra portò alla frazionalizzazione del partito e alla formazione delle sue schegge di sinistra radicale, il Partito Socialdemocratico Indipendente (USPD) e Partito Comunista (KPD)

Ebert divenne una figura critica quando il governo del Kaiser iniziò a collassare nell'ottobre 1918. Socialdemocratico piuttosto che socialista, Ebert resistette al radicalismo e alla rivoluzione, nella speranza che la Germania potesse transitare ed evolversi in una democrazia parlamentare.

Nel novembre 1918, Ebert ereditò la guida della nuova repubblica, in seguito all'abdicazione del Kaiser e alle dimissioni del cancelliere Max von Baden. Nel gennaio dell'anno successivo è stato confermato primo presidente della Repubblica di Weimar.

Sebbene Ebert si comportasse bene e fosse ampiamente rispettato, la sua presidenza divise le opinioni. Era odiato dai nazionalisti di destra, che lo consideravano debole, e dai socialisti del suo stesso partito, che lo consideravano un traditore di classe.

La dipendenza di Ebert dall'esercito e dal Freikorps per proteggere il proprio governo durante il Kapp Putsch si è rivelato particolarmente controverso. Sotto la presidenza di Ebert, i militari, l'aristocrazia Junker e persino i reali degli Hohenzollern conservarono una parte significativa del loro prestigio prebellico.

Gli ultimi anni della vita di Ebert furono passati a combattere gli attacchi ostili della stampa nazionalista di destra, alcune valide critiche e alcune diffamatorie. Questi eventi hanno avuto un impatto sulla salute di Ebert e hanno contribuito alla sua morte prematura nel 1925, all'età di 54 anni.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Friedrich Ebert"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/weimarrepublic/friedrich-ebert/
Data di pubblicazione: 15 settembre 2019
Data di accesso: Data odierna
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.