La grande depressione in Germania

grande Depressione
Uomini disoccupati in coda a Berlino durante la Grande Depressione

La Grande Depressione fu un crollo economico globale scoppiato alla fine del 1929 e durato per diversi anni. È iniziata come una crisi americana, in particolare un enorme crollo del mercato azionario, ma ha avuto effetti a catena in tutto il mondo. La Grande Depressione è stata gravemente sentita in Germania, dove ha causato disoccupazione diffusa, fame e miseria. Queste condizioni furono determinanti per l'ascesa al potere di Adolf Hitler della scuola e il Nazionalsocialisti (NSDAP).

sfondo

Gli anni '1920 furono un decennio di boom per l'economia degli Stati Uniti. Le aziende americane hanno registrato cifre di produzione record, vendite in costante aumento e profitti di milioni di dollari. Questi profitti significavano dividendi elevati e aumento dei prezzi delle azioni. Ciò, a sua volta, ha incoraggiato un crescente investimento in azioni.

Nel 1927 e nel 1928, la Borsa di Wall Street divenne l'epicentro di una nuova corsa all'oro, poiché migliaia di americani si precipitarono a investire nel mercato azionario in forte espansione. I rapidi ritorni sugli investimenti degli anni '1920 alimentarono sconsiderate acquisizioni. Alcuni investitori hanno preso in prestito pesantemente, ipotecato case o venduto tutto ciò che avevano per acquistare azioni.

Pochi sembravano credere che questo boom sarebbe finito ma, come tutti i boom economici, inevitabilmente lo fece. Il fattore scatenante è stato la sovrapproduzione industriale e agricola. Le aziende americane erano cresciute così rapidamente che alla fine degli anni '1920 producevano più beni che potevano essere acquistati dai consumatori. Ciò ha portato a cali di vendite, prezzi e profitti.

"Giovedì nero"

Questo grafico del Dow Jones mostra come i prezzi delle azioni siano crollati dal 1929 al 1932

La bolla degli investimenti scoppiò il "giovedì nero", il 24 ottobre 1929, quando i prezzi delle azioni alla borsa di New York crollarono. Gli azionisti hanno iniziato a vendere nel panico, causando un ulteriore calo dei prezzi. Questa tendenza continuerà nelle prossime tre settimane.

Per due giorni consecutivi alla fine di ottobre, l'intera borsa ha perso quasi un ottavo del suo valore. Il Dow Jones, un indice che mostra i prezzi medi delle azioni delle principali società, ha raggiunto il picco a 381.2 poco prima del crollo, ma era sceso a 198 a metà novembre.

Il crollo di Wall Street ha avuto effetti disastrosi sull'economia statunitense. Tra il 1929 e il 1932, la produzione industriale americana è diminuita del 45%. Molte aziende sono fallite o hanno cessato l'attività; altri hanno tentato di tagliare i costi rilasciando i lavoratori.

diffusa disoccupazione

grande Depressione
Gli americani disoccupati fanno la fila per cibo e caffè gratuiti durante la Grande Depressione

Il risultato fu una disoccupazione di massa; nel 1932, più di 12 milioni di americani erano senza lavoro. Il crollo della fiducia economica ha alimentato una corsa alle banche, poiché le persone si sono affrettate a mettere al sicuro i propri risparmi. Anche centinaia di banche hanno chiuso e molte hanno perso denaro e risparmi.

La Grande Depressione ha avuto effetti profondi sulla società americana. Senza un sistema di welfare statale, i disoccupati erano costretti a fare affidamento sulla carità. Le "linee di pane" erano una vista comune quando migliaia di persone disperate facevano la fila per ricevere le dispense di cibo. Altri cercavano gli scarti nei bidoni della spazzatura e nei cumuli della spazzatura.

Altri risultati furono ancora più disastrosi. Tra il 1929 e il 1933, centinaia di americani morirono di fame. I disoccupati spesso sono diventati senzatetto, con oltre un milione di persone sfrattate. Solo nel 1932, ci furono 23,000 suicidi negli Stati Uniti.

Miseria globale

L'incidente ha avuto effetti a catena in tutto il mondo. Poche nazioni sviluppate hanno sofferto tanto quanto gli Stati Uniti, ma non sono state risparmiate.

I paesi che facevano affidamento sulle esportazioni industriali o agricole, come la Gran Bretagna e l'Australia, hanno sofferto il peggio. La disoccupazione britannica è più che raddoppiata a 2.5 milioni. Nelle sue aree industriali settentrionali, il tasso di disoccupazione raggiungeva il 70%.

In Australia, la domanda di lana e le esportazioni di prodotti alimentari sono crollate, insieme a prezzi, salari e disoccupazione. Nel 1932, quasi il 30% dei lavoratori australiani era senza lavoro.

L'età dell'oro della Germania finisce

In Germania, la Grande Depressione ha provocato la corsa alle banche e la loro eventuale chiusura

L'impatto sulla Germania di Weimar è stato particolarmente grave. I tedeschi non dipendevano tanto dalle esportazioni quanto dalle esportazioni Prestiti americani, che aveva sostenuto l'economia di Weimar dal 1924. Dalla fine del 1929, non furono concessi ulteriori prestiti mentre i finanzieri americani iniziarono a richiedere prestiti esistenti.

Nonostante la sua rapida crescita, l'economia tedesca non ha potuto sopportare questa ritrazione di denaro e capitale. Le banche hanno lottato per fornire denaro e credito. Nel 1931 ci furono corse sulle banche tedesche e austriache e molte di esse furono chiuse.

Nel 1930 gli Stati Uniti, a quel tempo il maggior acquirente delle esportazioni industriali tedesche, innalzarono barriere tariffarie per proteggere le proprie imprese. Gli industriali tedeschi hanno perso l'accesso ai mercati statunitensi e hanno trovato il credito quasi impossibile da ottenere.

Molte aziende industriali e fabbriche hanno chiuso o si sono ridotte drasticamente. Nel 1932, la produzione industriale tedesca era al 58% dei livelli del 1928. L'effetto di questo calo è stato un aumento vertiginoso della disoccupazione.

Senzatetto, fame e miseria

Gli effetti sulla società tedesca furono devastanti. Alla fine del 1929, circa 1.5 milioni di tedeschi erano senza lavoro. In un anno, questa cifra era più che raddoppiata. All'inizio del 1933, la disoccupazione in Germania aveva raggiunto i sei milioni, più di un terzo della sua popolazione attiva.

Sebbene ci fossero poche carenze di cibo, milioni di persone si sono trovate senza i mezzi per ottenerlo. I bambini hanno sofferto di peggio, migliaia di persone muoiono di malnutrizione e malattie legate alla fame. Milioni di lavoratori dell'industria - che durante il 'Età d'oro di Weimar'erano diventati i colletti blu meglio pagati in Europa - hanno trascorso un anno o più in ozio.

La Grande Depressione ha colpito tutte le classi in Germania, non solo gli operai. La disoccupazione è aumentata notevolmente tra i colletti bianchi e le classi professionali. Un corrispondente di Chicago da Berlino ha riferito che "il 60 per cento di ogni nuova classe di laureati era senza lavoro".

Il romanziere britannico Christopher Isherwood, che visse a Berlino durante la peggiore depressione, descrisse scene di disoccupazione e impoverimento nella capitale tedesca:

"Mattina dopo mattina, in tutta l'immensa, umida e squallida città e nelle colonie di capanne di capanne negli orti suburbani, i giovani si svegliavano per un'altra giornata vuota e senza lavoro, da spendere come meglio potevano escogitare: vendere stivaletti. merletti, mendicare, giocare a dama nell'atrio della Borsa del lavoro, gironzolare per orinatoi, aprire le porte delle auto, aiutare con le casse al mercato, spettegolare, oziare, rubare, ascoltare le mance delle gare, condividere mozziconi di mozziconi di sigarette raccolti nel grondaia. "

La risposta disastrosa di Bruning

Un fumetto che mostra Bruning sostenuto dai poteri di emergenza della costituzione di Weimar

Il governo di Weimar non è riuscito a trovare una risposta efficace alla Grande Depressione. La solita risposta a qualsiasi recessione è un forte aumento della spesa pubblica per stimolare l'economia - ma Heinrich Bruning, che divenne cancelliere nel marzo 1930, sembrava temere più l'inflazione e un deficit di bilancio che la disoccupazione.

Piuttosto che aumentare la spesa, Bruning ha aumentato le tasse per ridurre il deficit di bilancio. Ha poi attuato tagli salariali e riduzioni della spesa, un tentativo di abbassare i prezzi. Le politiche di Bruning furono respinte dal Reichstag ma il cancelliere è stato sostenuto dal presidente Paul von Hindenburg, che a metà del 1930 ha emesso le sue polizze come decreti di emergenza.

Le misure di Bruning fallirono e contribuirono solo ad aumentare la disoccupazione e la sofferenza pubblica nel 1931-32. Hanno anche ravvivato l'instabilità del governo e i battibecchi tra le parti in Reichstag.

L'NSDAP ottiene il supporto

I veri beneficiari della Grande Depressione e delle disastrose risposte politiche di Bruning furono Adolf Hitler e i nazionalsocialisti (NSDAP). Al momento del crollo del mercato azionario di Wall Street, l'NSDAP aveva solo 12 seggi nel Reichstag mentre Hitler era una figura di curiosità piuttosto che un legittimo candidato politico.

Con il peggioramento delle condizioni, il malcontento pubblico è aumentato vertiginosamente e l'adesione all'NSDAP è cresciuta. Nelle elezioni del settembre 1930, il NSDAP aumentò la sua rappresentanza nel Reichstag quasi dieci volte, vincendo 107 posti. Due anni dopo, hanno vinto 230 seggi, il più vinto da ogni singolo partito durante l'intero periodo di Weimar. 

Hitler trovò di suo gradimento i fallimenti e la miseria della Grande Depressione, osservando: “Mai in vita mia sono stato così ben disposto e interiormente contento come in questi giorni. Perché la dura realtà ha aperto gli occhi a milioni di tedeschi ".

Il punto di vista di uno storico:
“La Germania sembrava sull'orlo della guerra civile. La giovane Repubblica di Weimar fu devastata dai combattimenti armati di strada condotti principalmente tra comunisti e nazisti. Pignoramenti, fallimenti, suicidi e malnutrizione sono saliti alle stelle. Sei milioni di tedeschi, il 40 per cento della popolazione attiva, erano disoccupati; e migliaia di persone si sono trovate senza un posto dove vivere… Mentre l'ansia e la paura attanagliavano le masse di uomini disoccupati, evidenti pregiudizi riemersero contro le lavoratrici a tempo pieno. Le donne sono state esortate a lasciare il lavoro e tornare a casa ai loro ruoli tradizionali di mogli e madri. Alcuni di loro obbedirono volentieri. Altri erano scoraggiati, o per la loro necessità finanziaria di lavorare o perché temevano che i pochi progressi fatti dalle donne sarebbero stati soffocati in modo permanente ".
Irene Günther

1. La Grande Depressione fu un disastro economico globale che iniziò alla fine del 1929. Fu innescato da un crollo dei prezzi delle azioni statunitensi, a seguito di un boom economico durato un decennio.

2. La Grande Depressione portò ad anni di recessione economica e disinvestimenti in diverse nazioni sviluppate, poiché le imprese chiudevano o ridimensionavano perdendo lavoratori.

3. La disoccupazione è stata l'effetto più evidente della depressione. In Germania, la depressione ha lasciato sei milioni di persone, più di un terzo della popolazione attiva, senza lavoro.

4. Il governo di Heinrich Bruning non è riuscito a rispondere efficacemente alla Depressione, approvando aumenti delle tasse e tagli alla spesa piuttosto che tentativi di stimolare l'economia.

5. L'insoddisfazione del pubblico per le condizioni economiche e il governo ha portato a un drammatico aumento del sostegno degli elettori ad Adolf Hitler e al NSDAP, che è diventato il più grande partito nel Reichstag.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La grande depressione in Germania"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/weimarrepublic/great-depression/
Data di pubblicazione: October 9, 2019
Data di accesso: Data odierna
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.