Il Partito socialdemocratico (SPD)

poster spd
Un poster della campagna SPD, circa 1920

Il Partito socialdemocratico (Sozialdemokratische Partei Deutschland, o SPD) era il più antico partito politico formale della Germania. Fino all'ascesa del Nazionalsocialisti (NSDAP), l'SDP è stata anche la festa più significativa dell'era di Weimar.

Origini

L'SPD iniziò nel 1875, principalmente come movimento marxista formato dall'unione di due partiti operai. La neonata SPD è stata in grado di attingere a un'ampia base di sostenitori di lavoratori dell'industria e sindacalisti.

Nel 1877 Reichstag elezioni, i candidati SPD hanno ricevuto più di 500,000 voti e hanno vinto 13 seggi. Sebbene queste cifre rendessero l'SPD un partito minore incapace di influenzare la politica, la sua rapida crescita e la crescente popolarità allarmarono il governo imperiale.

Nel 1878, il cancelliere tedesco, Otto von Bismarck, promulgò la prima di diverse leggi anti-socialiste. Il pretesto per questo furono due tentativi falliti di assassinare il Kaiser Guglielmo I nel 1878. Bismarck incolpò l'SPD e la sua ideologia marxista di alimentare la rivoluzione e il terrorismo.

Per gran parte del 1880, l'SPD è stato preso di mira da numerosi raid della polizia, arresti individuali, sorveglianza e propaganda ostile del governo. Anche diversi sindacati militanti sono stati presi di mira o smembrati. Mentre l'SPD ha continuato a operare durante questo periodo, il partito ha avuto difficoltà ad attirare membri o potenziali candidati.

bismarck spd
Una vignetta raffigurante Bismarck che prende di mira SPD e politici liberali

L'SPD modera

L'SPD sopravvisse alla soppressione di Bismarck e alla fine del 1880 era di nuovo in aumento, alimentato da un movimento sindacale rianimato. Entro il 1890, l'SPD aveva adottato una posizione politica più moderata.

Nell'era post-Bismarck, i leader ei candidati dell'SPD hanno sollecitato riforme socialdemocratiche piuttosto che una rivoluzione socialista. Hanno abbracciato cause al di là delle condizioni dei lavoratori, chiedendo un miglioramento dei diritti per le donne e condannando l'uccisione di nativi da parte dei coloniali tedeschi in Africa.

Il numero di candidati SPD è cresciuto costantemente durante gli anni 1890 e 1900. Nel 1912, l'SPD contava più di un milione di membri ed era il più grande partito del Reichstag. Ha iniziato a esercitare un'influenza sulle politiche pubbliche, ottenendo miglioramenti nell'istruzione e nella sanità, nonché migliori diritti e condizioni per i lavoratori dell'industria.

Anche l'SPD ha iniziato a lavorare con, piuttosto che contro Kaiser Wilhelm IIdel governo. Nel 1913, l'SPD sostenne l'aumento delle tasse necessarie per finanziare il programma di espansione militare del Kaiser.

Faziosità e scissioni

Come è comune nei grandi partiti politici, la principale debolezza dell'SPD era la sua diversità ideologica e la faziosità tra i suoi membri. Con più di un milione di membri, l'SPD ospitava una serie di opinioni da tutto lo spettro politico.

I leader del partito erano socialisti moderati, impegnati in riforme progressiste attraverso processi democratici. August Bebel (fondatore e primo leader dell'SPD) e Friedrich Ebert (Il successore di Bebel) credeva che i progressi socialisti potessero essere ottenuti attraverso mezzi parlamentari piuttosto che con la violenza o la rivoluzione.

L'SPD aveva anche un'ala di destra, composta da liberali e centristi, e una sinistra radicale, contenente socialisti e marxisti intransigenti. Quest'ultimo gruppo ha abbracciato politiche più radicali come l'abolizione della monarchia e lo scioglimento dei titoli aristocratici e delle proprietà terriere.

La guerra divide la festa

vorwarts 1914
Il quotidiano SPD Vorwarts spiega il sostegno del partito alla guerra nel 1914

Le divisioni all'interno del partito erano generalmente gestibili. In momenti di controversia o crisi, tuttavia, le fazioni dell'SPD tendevano a rivoltarsi l'una contro l'altra. Nessun problema ha testato la coesione dell'SPD più dello scoppio di prima guerra mondiale in 1914.

La sinistra radicale dell'SPD ha preso una posizione forte contro la guerra, sostenendo che si trattava di un'avventura non necessaria, aggressiva e imperialista. Hanno condannato la guerra ei moderati nel loro stesso partito per averla appoggiata. Alcune di queste figure contro la guerra, come Karl Liebknecht, sono stati arrestati e incarcerati dal governo mentre altri sono stati espulsi dall'SPD.

Una fazione radicale dell'SPD, guidata da Liebknecht e Rosa Luxemburg, si staccò dal partito e formò il Spartakusbund. Questo gruppo ha guidato un rivoluzione fallita nel gennaio 1919 e riformato come il Partito Comunista di Germania (KPD).

I comunisti disprezzavano i leader moderati dell'SPD per la loro alleanza con la destra Freikorps e il loro presunto coinvolgimento negli omicidi di Luxemburg e Liebknecht. Di conseguenza, l'SPD e il KPD non si sono mai riconciliati. I due partiti rimasero acerrimi rivali durante gli anni '1920 e l'inizio degli anni '1930.

Un attore importante

Fino all'ascesa del NSDAP nei primi anni '1930, l'SPD era il più grande partito politico dell'era di Weimar. È stata l'unica festa a vincere più di 100 seggi a testa Reichstag elezioni, a partire da 165 seggi nel gennaio 1919.

Nonostante le sue divisioni interne e le difficoltà politiche ed economiche della Germania, l'SPD è rimasto un forte e coerente sostenitore della Repubblica di Weimar e della sua costituzione.

L'SPD è stato un partner importante in tutte le coalizioni di Weimar tranne una. I deputati SPD sedevano in tutti i gabinetti dell'era di Weimar, tre dei quali come cancelliere (Philipp Scheidemann, Gustav Bauer e Hermann Muller.

L'approccio del partito negli anni '1920 fu moderato e conciliante: cercò di camminare su una linea sottile tra politiche costanti e conservatrici e riforme progressiste, senza riuscirci davvero. All'inizio degli anni '1930, l'SPD aveva perso quasi la metà della sua base elettorale. La maggior parte era frustrata dall'incapacità del partito di garantire progressi stabili e duraturi in Germania.

Il punto di vista di uno storico:
“Durante il periodo della Repubblica di Weimar, l'SPD rimase essenzialmente un partito della classe operaia e fece pochissimo ingresso nelle classi medie. Parte del problema per l'SPD in questa fase era che era limitato dagli attaccamenti al suo movimento sindacale ed era preoccupato che qualsiasi tentativo di un appello più concertato alle classi medie avrebbe perso i suoi voti ai comunisti ".
Stephen Lee

1. Il Partito socialdemocratico o SPD era originariamente un partito socialista marxista. È stata costituita in Germania nel 1875 da due gruppi di lavoratori.

2. Negli anni ottanta del XIX secolo l'SPD in rapida crescita fu oggetto di repressione e persecuzione dopo l'approvazione delle leggi anti-socialiste di Bismarck.

3. All'inizio del 1900, la leadership del partito adottò politiche socialdemocratiche moderate e divenne più disposta a lavorare con il governo del Kaiser.

4. L'SPD è stato diviso dal sostegno della leadership del partito alla prima guerra mondiale, con la sinistra radicale che si è staccata per formare la Spartacist League e il KPD.

5. L'SPD ha sostenuto la Repubblica di Weimar e per gran parte della vita della Repubblica è stato il suo più grande partito unico. L'SPD era ben rappresentato nel Reichstag e ha partecipato a tutte le coalizioni e ai gabinetti fino all'ascesa del NSDAP.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il Partito socialdemocratico (SPD)"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/weimarrepublic/social-democratic-party-spd/
Data di pubblicazione: 19 settembre 2019
Data di accesso: Data odierna
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.