Il patto Kellogg-Briand (1928)

Il Patto Kellogg-Briand era un accordo multilaterale firmato nell'agosto 1928. Fu firmato dai leader o delegati di 15 nazioni, incluso il ministro degli esteri di Weimar Gustav Stresemann. L'accordo Kellogg-Briand ha cercato di escludere la possibilità di una guerra futura:

"Il Presidente del Reich tedesco, il Presidente degli Stati Uniti d'America, Sua Maestà il Re dei Belgi, il Presidente della Repubblica Francese, Sua Maestà il Re di Gran Bretagna, [altri leader mondiali elencati] ...

Profondamente sensibili al loro solenne dovere di promuovere il benessere dell'umanità, convinti che sia giunto il momento in cui si dovrebbe fare una franca rinuncia alla guerra come strumento di politica nazionale, affinché le relazioni pacifiche e amichevoli ora esistenti tra i loro popoli possano essere perpetuato;

Convinti che tutti i cambiamenti nelle loro relazioni reciproche dovrebbero essere ricercati solo con mezzi pacifici ed essere il risultato di un processo pacifico e ordinato e che qualsiasi potere firmatario che in seguito cercherà di promuovere i suoi interessi nazionali ricorrendo alla guerra dovrebbe essere negato i benefici fornito da questo trattato.

Nella speranza che, incoraggiate dal loro esempio, tutte le altre nazioni del mondo si uniranno in questo sforzo umano e aderendo al presente trattato non appena entrerà in vigore, porteranno i loro popoli nell'ambito delle sue benefiche disposizioni, unendo così il nazioni civili del mondo in una comune rinuncia alla guerra come strumento della loro politica nazionale ...

Articolo I. Le alte parti contraenti dichiarano solennemente a nome dei rispettivi popoli che condannano il ricorso alla guerra per la soluzione delle controversie internazionali e la rinunciano come strumento di politica nazionale nelle loro relazioni reciproche.

Articolo II. Le alte parti contraenti concordano che la composizione o la soluzione di tutte le controversie o conflitti di qualsiasi natura o di qualunque origine possano essere, che possono sorgere tra loro, non deve mai essere ricercata se non con mezzi pacifici.

Articolo III. Il presente trattato sarà ratificato dalle alte parti contraenti nominate nel preambolo in conformità con le loro rispettive norme costituzionali ed entrerà in vigore tra di loro non appena tutti i loro vari strumenti di ratifica saranno stati depositati a Washington ...

Fatto a Parigi, il 27 agosto 1928. "