Serbia prima della prima guerra mondiale

mappa della Serbia 1914

La Serbia non era affatto una grande potenza europea, ma gli eventi in corso la collocarono nell’epicentro delle tensioni europee e sulla strada verso la guerra. Inserito in mezzo L'Austria-Ungheria, la impero ottomano e molti altri Stati balcanici, la Serbia occupava una posizione di una certa importanza strategica. Il popolo serbo ha avuto una storia lunga e ricca ma, come la Germania e l'Italia, è diventato una nazione indipendente solo alla fine del XIX secolo. Per secoli la sua vicinanza sia all’Europa che all’Asia ha reso la Serbia un bersaglio per gli invasori. I Romani occuparono la regione nel II secolo aC e la occuparono per secoli; non meno di 19 imperatori romani, tra cui Costantino il Grande, nacquero sul suolo serbo. I serbi slavi (noti anche come serbi bianchi) presero gradualmente il controllo della regione durante il Medioevo. Il potente impero ottomano fece breccia in Serbia nel corso del XIV secolo e alla fine la conquistò nel 2. La regione rimase sotto il controllo ottomano per tre secoli e mezzo, fino alla vittoriosa rivoluzione serba degli inizi del 17. La Serbia divenne un principato autonomo nel 14 e uno stato nazionale indipendente e riconosciuto a livello internazionale nel 1459.

La Serbia recentemente indipendente è stata soggetta a molte pressioni e influenze: dalla vicina Austria, dai cugini slavi in ​​Russia, dalle idee liberali occidentali e dal suo stesso intenso nazionalismo. I primi anni del regno furono anche pieni di intrighi, instabilità, rivalità politica e una guerra fallita con la Bulgaria. Il suo primo re, Milan Obrenovic, era filo-austriaco e allineò il suo paese a Vienna, incoraggiando e facilitando il commercio e gli investimenti austriaci in Serbia. Durante il regno di Milano, l'Austria divenne il maggiore acquirente delle esportazioni agricole serbe, in particolare bestiame, grano e frutta. Il territorio serbo era attraversato anche dalle ferrovie di proprietà austriaca, mentre le banche austriache concedevano ingenti prestiti alle imprese serbe. Nel 1880 la Serbia era diventata economicamente dipendente dall'Austria, mentre molti consideravano il re serbo politicamente obbediente, se non un burattino di Vienna. Questa situazione dispiaceva agli intellettuali serbi, molti dei quali erano solidali con la Russia e timorosi delle conseguenze dell'espansionismo austriaco.

Serbia
Il malvagio re serbo Alessandro I

La giovane nazione serba venne delusa dai monarchi Obrenovic, che erano entrambi politicamente conniventi ma in cerca di piacere, pigri e disinteressati al progresso. Nel corso degli anni Ottanta dell'Ottocento Re Milan fu tormentato da critiche, sia riguardo alla sua gestione del paese che alla sua vita personale. Questa critica contribuì alla sua abdicazione nel 1880, quando Milano cedette il trono al giovane figlio Alessandro. Quattro anni dopo Alessandro, probabilmente seguendo le istruzioni di suo padre, licenziò i suoi ministri e affermò il governo autocratico sulla Serbia. Il comportamento irregolare di Alexander, insieme a un matrimonio impopolare con una donna molto più anziana, lo resero presto ancora più impopolare di suo padre. Nel maggio 1889 il re ventiseienne fu catturato, fucilato e sventrato da una cricca di ufficiali dell'esercito, il suo corpo gettato in un mucchio di compost. L'esercito cedette il trono serbo a Pietro, un principe della dinastia rivale Karageorgevic.

Serbia prima della prima guerra mondiale
Re Pietro I di Serbia, incoronato in 1903

Educato a Parigi e veterano della guerra franco-prussiana, il neo incoronato re Pietro era più occidentalizzato dei suoi predecessori. Era anche più pratico e laborioso, più interessato alla modernizzazione che alla monarchia. Il nuovo re si impegnò a trasformare la Serbia in uno stato costituzionale, democratico e con un'economia moderna. Subito dopo essere salito al potere, il nuovo re promulgò una costituzione liberale (1903), approvò un'amnistia politica, allentava le leggi repressive e abolì la censura sulla stampa. Questa liberalizzazione politica si dimostrò enormemente popolare, non solo tra i nativi serbi ma anche tra gli altri popoli slavi dei Balcani. Molti slavi arrivarono a vedere la Serbia come un porto sicuro per l'identità e la cultura slava. Il movimento della Grande Serbia chiedeva la bonifica del territorio serbo dagli imperi ottomano e austro-ungarico. Il panslavismo richiedeva la liberazione di milioni di slavi ancora intrappolati sotto il dominio austriaco. Alcuni credevano addirittura che la Serbia dovesse costituire il nucleo della futura Jugoslavia, un’unica nazione per tutti i popoli slavi dell’Europa meridionale.

I cambiamenti in Serbia hanno presentato diversi problemi all'Austria-Ungheria. La doppia monarchia era abituata a dettare la politica in Serbia, ma questa situazione venne minacciata nei primi anni del 1900. Re Pietro si mosse per riallineare la politica estera della Serbia, allontanando il suo paese dal controllo austriaco e mediando buone relazioni e accordi commerciali con Francia, Russia e Bulgaria. Dopo due decenni come satellite austro-ungarico, la Serbia può commerciare liberamente e con chi vuole. Ciò fece arrabbiare i ministri austriaci, che nel 1906 avviarono sanzioni commerciali, vietando futuri acquisti di carne di maiale serba (una delle sue principali esportazioni). La "guerra dei maiali", come venne chiamata, durò tre anni ma fu una vittoria per la Serbia, la cui economia si diversificò e crebbe rapidamente durante questo periodo. Con l'indipendenza economica dall'Austria-Ungheria arrivò un clima di maggiore indipendenza politica. Il nazionalismo serbo si intensificò e aumentarono le richieste di liberazione e unità degli slavi. Persino il re serbo Pietro ha espresso un forte sostegno a un superstato slavo nei Balcani, con la Serbia come cuore pulsante.

"Finché la Bosnia ed Erzegovina fosse rimasta sotto la presunta occupazione militare 'temporanea' da parte dell'Austria-Ungheria, i nazionalisti serbi potevano ancora nutrire serie speranze [sulla formazione di] una 'Grande Serbia', che comprendesse la Bosnia ed Erzegovina così come la Macedonia, il Kosovo e forse la Dalmazia, dando loro libero accesso al mare. L'annessione formale della Bosnia-Erzegovina [nel 1908] aveva lo scopo di estinguere tali speranze e di costringere la Serbia ad accettare uno status permanente senza sbocco sul mare e semi-dipendente ".
Robert Bideleux, storico

Le tensioni tra Vienna e Belgrado furono ulteriormente avvelenate dalla crisi bosniaca (1908-9) e dalle guerre balcaniche (1912-13). Le province balcaniche della Bosnia ed Erzegovina erano nominalmente parte dell'Impero Ottomano ma sotto il de facto controllo dell'Austria. Nell'ottobre 1908 Vienna si mosse per assorbirli nell'impero, annunciando l'annessione della Bosnia ed Erzegovina. Questa mossa indignò la Serbia, che vedeva l'annessione sia come un'espansione del potere austriaco che come una minaccia all'indipendenza slava nei Balcani. La Serbia ha mobilitato le sue forze armate in risposta all’annessione, ma in seguito ha fatto marcia indietro non essendo riuscita a ottenere il sostegno russo. Le vittorie militari della Serbia nelle guerre balcaniche – prima contro l'Impero Ottomano, poi contro la sua ex alleata Bulgaria – fecero sì che gli equilibri di potere si spostassero nuovamente. I Trattati di Londra e Bucarest hanno visto la Serbia acquisire una notevole quantità di territorio e di persone, quasi raddoppiando le sue dimensioni (da 48,300 a 87,000 chilometri quadrati) e crescendo di 1.6 milioni di persone. Questa espansione ha reso la Serbia uno degli stati più grandi dell’Europa meridionale, nonché la nazione militarmente più potente dei Balcani.

la serbia prima della prima guerra mondiale
Un'immagine francese di 1908 raffigurante rivendicazioni territoriali nei Balcani

Ormai le relazioni serbe e austro-ungariche erano a un livello pericolosamente basso. Gli austriaci vedevano la Serbia come una nazione di piantagrane le cui azioni avrebbero potuto destabilizzare il suo fragile impero. I pianificatori militari di Vienna parlavano apertamente di schiacciare il suo vicino insolente; l'unico compito era trovare un pretesto per la guerra contro la Serbia. In Serbia, molti credevano che gli interessi della loro nazione, così come il benessere degli slavi nell'Europa meridionale, fossero minacciati da una potenza espansionista e imperialista. Gruppi nazionalisti pan-slavi iniziarono a formarsi e fiorire. Questi gruppi avevano due obiettivi: proteggere i diritti degli slavi nella regione e, a lungo termine, cacciare l’Austria-Ungheria dai Balcani. Questi gruppi usarono la propaganda e l’agitazione per promuovere il pan-slavismo e condannare i suoi nemici – non solo l’Austria-Ungheria ma anche i politici serbi moderati che non erano riusciti a resistere a Vienna. Gruppi come la Difesa Popolare (Narodna Odbrana), la mano nera (Crna Ruka) e Young Bosna (Mlada Bosna) sono diventati più violenti nel loro approccio. Sebbene composti principalmente da studenti e giovani radicali, questi gruppi militanti nazionalisti godevano del sostegno di burocrati serbi, ufficiali militari e persino membri della famiglia reale. Nel giugno del 1914 un pugno di membri della Mano Nera assassinò l'arciduca Francesco Ferdinando a Sarajevo, un evento che avrebbe trascinato l'Europa in una guerra catastrofica.

Serbia prima guerra mondiale

1. La Serbia era una nazione balcanica inserita tra Austria-Ungheria e altri stati precedentemente controllati dall'Impero ottomano.

2. Ottenne l'indipendenza nazionale dagli ottomani negli 1800 ma passò sotto il controllo politico ed economico dell'Austria.

3. Sotto il re Pietro I dal 1903, la nazione serba si modernizzò e liberalizzò, conobbe una crescita economica e iniziò a liberarsi del controllo austriaco.

4. La Serbia divenne anche un porto per il nazionalismo e il pan-schiavismo, un movimento che si oppose ai leader austro-ungarici.

5. Le tensioni con l'Austria-Ungheria hanno contribuito all'ascesa di numerosi gruppi nazionalisti serbi. Questi gruppi miravano a difendere la Serbia dall'invasione austriaca e proteggere i diritti degli slavi.


© Alpha History 2018. Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Jim Southey e Steve Thompson. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
J. Llewellyn et al, “La Serbia prima della prima guerra mondiale” a Alpha History, https://alphahistory.com/worldwar1/serbia/, 2018, visitato [data dell'ultimo accesso].