Citazioni: comando, strategia e guerra

Queste citazioni della Prima Guerra Mondiale su comando, strategia e metodi di guerra sono state compilate dagli autori di Alpha History. Presentano dichiarazioni di personaggi contemporanei, leader politici, comandanti militari, personale di servizio, attivisti contro la guerra e storici della prima guerra mondiale. Di tanto in tanto aggiorneremo questa pagina con nuove citazioni. Se desideri suggerire un preventivo, per favore contattaci.

“Nell'Europa occidentale, la macchina militare, con le sue migliaia di ruote, la cui manutenzione costa milioni, non può restare ferma a lungo. Non si può combattere una guerra per uno o due anni, da una posizione all'altra, in 12 giorni di battaglie finché entrambi i combattenti non sono completamente esausti e indeboliti e costretti a chiedere la pace. Dobbiamo tentare di sconfiggere i nostri nemici rapidamente e con decisione ".
Conte von Schlieffen, stratega tedesco, 1905

"Agli occhi di molti successivi comandanti tedeschi, il fallimento [del Piano Schlieffen] non era un riflesso di un obiettivo della campagna eccessivamente ambizioso o delle condizioni prevalenti sul campo di battaglia: era il risultato di un'eccessiva cautela e del fallimento nel premere l'attacco a Parigi , con ogni mezzo possibile, nella speranza di ottenere il successo decisivo. La lezione sembrava giustificata dalle prime campagne della seconda guerra mondiale e ha formato un nuovo culto dell'offensiva ".
David Stahel, storico

“La guerra è stata decisa nei primi 20 giorni di combattimento. Tutto ciò che è accaduto in seguito è consistito in battaglie che, per quanto formidabili e devastanti, non furono che disperati e vani appelli contro la decisione del Fato ”.
Winston Churchill

"Leoni guidati da asini".
Ufficiale tedesco sconosciuto, che descrive le truppe britanniche

"La [guerra russo-giapponese del 1904-5] ha dimostrato più e più volte che la baionetta non era in alcun modo un'arma obsoleta, e che il fuoco da solo non poteva sempre bastare per spostare dalla posizione un nemico determinato e ben disciplinato ... L'assalto è ancora più importante del conseguimento della padronanza del fuoco che segue. È il momento supremo della lotta. Da questo dipende il problema finale ".
Edward Altham, maggiore generale britannico

“La baionetta non è così importante come una volta. È più normale ora attaccare con bombe a mano e il tuo strumento di trincea. La vanga affilata è un'arma più leggera e versatile ... non solo puoi mettere un uomo sotto il mento, ma più precisamente, puoi colpire con molta più forza dietro di esso. Ciò è particolarmente vero se riesci a portarlo giù in diagonale tra il collo e la spalla, perché allora puoi dividerlo fino al petto. Quando inserisci una baionetta, può attaccarsi e devi dare all'altro uomo un bel calcio nelle budella per tirarlo fuori. "
Erich Maria Remarque, soldato e scrittore tedesco

“La guerra essenzialmente il trionfo, non di a chassepot [Fucile francese] su una pistola ad aghi, non di una fila di uomini trincerati dietro gli intrecci di fili ... ma di una volontà su una volontà più debole. "
Sir Ian Hamilton, generale britannico

"Finché le forze opposte sono all'inizio approssimativamente uguali in numero e morale e non ci sono fianchi da girare, una lunga lotta per la supremazia è inevitabile".
Generale Sir Douglas Haig, comandante britannico

“La tensione sulla Francia ha quasi raggiunto il punto di rottura, anche se è certamente sopportata con la più notevole devozione. Se riuscissimo ad aprire gli occhi al suo popolo sul fatto che in senso militare non ha più nulla da sperare, quel punto di rottura sarebbe raggiunto e la migliore spada d'Inghilterra le sarebbe caduta di mano ".
Erich von Falkenhayn, generale tedesco, 1915

“L'addestramento della fanteria [britannica] era chiaramente inferiore a quello del tedesco. Gli inglesi superficialmente addestrati erano particolarmente goffi nel movimento di grandi masse ... Il soldato britannico forte, solitamente giovane e ben armato seguiva ciecamente i suoi ufficiali, e gli ufficiali, attivi e personalmente coraggiosi, anticipavano i loro uomini in battaglia con grande coraggio. Ma a causa di una formazione insufficiente, non erano abili nell'azione ".
Rapporto dell'esercito tedesco sulla battaglia della Somme, 1916

“Stiamo sconcertando le nostre teste su come utilizzarli al meglio [carri armati] e non siamo ancora giunti a una decisione. Non porteranno l'esercito britannico direttamente a Berlino, come alcune persone immaginano, ma se adeguatamente utilizzati e abilmente gestiti dai distaccamenti che li lavorano, possono essere molto utili per prendere trincee e punti di forza. Alcune persone sono troppo ottimiste riguardo a ciò che queste armi realizzeranno ".
Henry Rawlinson, generale britannico, 1916

"All'interno della loro stretta corporazione, c'erano rivalità, intrighi, spergiuro e tradimenti, come quelli di una corte medievale ... Hanno lavorato fino a tarda notte - vale a dire, sono tornati nei loro uffici dopo aver cenato alla mensa ... e hanno mantenuto il loro luci accese, fumato più sigarette e si telefonarono a vicenda con domande futili ".
Philip Gibbs, corrispondente di guerra britannico, nello stato maggiore

“Credo che la guerra venga deliberatamente prolungata da coloro che hanno il potere di porvi fine. Credo che questa guerra, in cui sono entrato come una guerra di difesa e liberazione, sia ora diventata una guerra di aggressione e conquista ".
Siegfried Sassoon, soldato e poeta britannico


Le informazioni e le risorse in questa pagina sono © Alpha History 2014. Il contenuto di questa pagina non può essere copiato, ripubblicato o ridistribuito senza l'espressa autorizzazione di Alpha History. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.