Citazioni - La fine della guerra

Queste citazioni sulla prima guerra mondiale sulla fine della guerra sono state compilate dagli autori di Alpha History. Presentano dichiarazioni di personaggi contemporanei, leader politici, comandanti militari, personale di servizio, attivisti contro la guerra e storici della prima guerra mondiale. Di tanto in tanto aggiorneremo questa pagina con nuove citazioni. Se desideri suggerire un preventivo, per favore contattaci.

"[Vladimir] Lenin fu mandato in Russia dai tedeschi nello stesso modo in cui si potrebbe inviare una fiala contenente una cultura del tifo o del colera da versare nella rete idrica di una grande città, e ha funzionato con incredibile precisione."
Winston Churchill sul ritorno di Lenin in Russia nell'aprile 1917

"Una volta condusse il popolo [americano] in guerra e dimenticheranno che c'è mai stata una cosa come la tolleranza."
Woodrow Wilson, presidente degli Stati Uniti, aprile 1917

"Con le spalle al muro e credendo nella giustizia della nostra causa, ognuno di noi deve combattere fino alla fine".
Generale Sir Douglas Haig, comandante britannico, aprile 1918

“Nessun compromesso sullo scopo principale. Nessuna pace fino alla vittoria. Nessun patto con torto impenitente. Questa è la Dichiarazione del 4 luglio 1918.
Winston Churchill, luglio 1918

“I tedeschi si sono resi paria tra le nazioni, incapaci di vincere alleati, iloti [schiavi] al servizio degli stranieri e del capitale straniero, privati ​​di ogni rispetto di sé. Tra 20 anni il popolo tedesco maledirà i partiti che ora si vantano di aver fatto la rivoluzione ".
Erich Ludendorff, generale tedesco, sulla rivoluzione tedesca di novembre 1918

“Alle undici di questa mattina si è conclusa la guerra più crudele e terribile che abbia mai flagellato l'umanità. Spero che si possa dire che così, questa fatidica mattina, sono finite tutte le guerre ".
David Lloyd George, primo ministro britannico, novembre 11th 1918

“Ieri ho visitato il campo di battaglia dell'anno scorso. Il luogo era appena riconoscibile. Invece di un deserto di terreno dilaniato dalle conchiglie, il terreno era un giardino di fiori selvatici ed erba alta. La cosa più notevole di tutte era l'apparizione di molte migliaia di farfalle bianche che svolazzavano intorno. Era come se le anime dei soldati morti fossero venute a infestare il punto in cui tanti cadevano. Era strano vederli. E il silenzio! Era così immobile che potevo quasi sentire il battito delle ali delle farfalle ".
Ufficiale britannico senza nome, 1919

“La prima guerra mondiale ha ucciso meno vittime della seconda guerra mondiale, ha distrutto meno edifici e sradicato milioni invece di decine di milioni, ma per molti versi ha lasciato cicatrici ancora più profonde sia nella mente che sulla mappa dell'Europa. Il vecchio mondo non si è mai ripreso dallo shock. "
Edmund Taylor, storico


Le informazioni e le risorse in questa pagina sono © Alpha History 2014. Il contenuto di questa pagina non può essere copiato, ripubblicato o ridistribuito senza l'espressa autorizzazione di Alpha History. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.