Citazioni: opposizione alla guerra

Queste citazioni sulla prima guerra mondiale sull'opposizione alla guerra sono state compilate dagli autori di Alpha History. Presentano dichiarazioni di personaggi contemporanei, leader politici, comandanti militari, personale di servizio, attivisti contro la guerra e storici della prima guerra mondiale. Di tanto in tanto aggiorneremo questa pagina con nuove citazioni. Se desideri suggerire un preventivo, per favore contattaci.

“[Quando gli Stati Uniti dichiararono guerra alla Spagna nel 1898] non ci volle molta saggezza politica per vedere che la preoccupazione dell'America era una questione di zucchero e non aveva nulla a che fare con i sentimenti umanitari. Naturalmente, c'erano molte persone credulone, anche nei ranghi liberali, che credevano nella rivendicazione dell'America. Non potevo unirmi a loro. Ero sicuro che nessuno, individuo o governo, impegnato nella schiavitù e nello sfruttamento in patria, potesse avere l'integrità o il desiderio di liberare le persone in altri paesi ".
Emma Goldman, socialista americana

"L'opinione pubblica sta diventando scioccata e allarmata al pensiero che questo paese potrebbe essere trascinato negli orrori di una guerra europea generale, anche se non ha alcun interesse diretto in essa e, ammettiamolo, non è vincolata da alcun obbligo di trattato a prenderne parte".
I Manchester Guardian, Agosto 1st 1914

“L'Europa deve essere inzuppata di sangue? E dobbiamo essere coinvolti perché, in una città oscura, un pazzo uccide un principe? È incredibile che un governo liberale, i cui membri hanno parlato eloquentemente per la pace, abbandoni la nostra inespugnabile indipendenza. Lascia che il popolo si ribelli contro un atto così criminale. Se dovessimo combattere, le conseguenze sarebbero troppo terribili da contemplare ".
Edwin T Heys, cittadino britannico, agosto 1914

“Se [Sir Edward Gray] fosse venuto qui oggi e ci dicesse che il nostro paese è in pericolo… saremmo con lui e dietro di lui. Se è così, gli voteremo i soldi che vuole ... Ma non mi ha convinto ... Se l'onore della nazione fosse in pericolo, saremmo con lui. Non c'è stato alcun crimine commesso da statisti di questo carattere senza che quegli statisti prima si appellassero all'onore della loro nazione. Abbiamo combattuto la guerra di Crimea per il nostro onore. Ci siamo precipitati in Sud Africa per il nostro onore. [Gray] ci fa appello oggi per il nostro onore. C'è un terzo punto. Se [Gray] potesse venire da noi e dirci che una piccola nazionalità europea come il Belgio è in pericolo e potrebbe assicurarci che limiterà il conflitto a quella domanda, allora lo sosterremo. A che serve parlare di venire in aiuto del Belgio, quando in realtà sei impegnato in un'intera guerra europea? "
Ramsay MacDonald, politico britannico, agosto 1914

"Il crimine che dovremmo commettere prendendo parte alla guerra, che il governo ha dichiarato che non siamo obbligati a fare, dovrebbe spingere ogni uomo e donna umano a esercitare tutta l'influenza di cui è capace per garantire la nostra neutralità e non intervento."
Harry Nuttall, politico britannico, August 1914

“Le passioni nazionaliste non possono giustificare questo atteggiamento, che non è degno di ciò che il mondo ha finora chiamato 'cultura'. Sarebbe una grave disgrazia se questo spirito guadagnasse popolarità tra gli intellettuali. Non solo minaccerebbe la cultura in quanto tale, ma metterebbe in pericolo l'esistenza stessa delle nazioni, per la cui protezione è stata scatenata questa barbara guerra ".
Manifesto degli scienziati europei di 93, settembre 1914

“Sono assolutamente e completamente desolato. È assolutamente insopportabile vedere giorno dopo giorno i giovani che se ne vanno, prima per la noia e il disagio, e poi per il massacro ... È orribile, un incubo da fermare comunque. Che nessun'altra generazione possa vivere sotto la nuvola sotto la quale viviamo ".
John Maynard Keynes, economista britannico, 1915

"Non vedo questa guerra come quella che ha saldato governi e popoli in una solidarietà completa e comprensiva, contro il nemico comune ... Vedo entrambe le nazioni ingannate dai loro junkers e militaristi nel scatenarsi l'una sull'altra l'ira che avrebbero dovuto spendere per distruggere Junkerismo e militarismo nel proprio paese. E vedo i Junkers e i militaristi di Inghilterra e Germania cogliere l'opportunità che desideravano ... di distruggersi a vicenda e stabilire la propria oligarchia come potenza militare dominante nel mondo ".
George Bernard Shaw, drammaturgo britannico, 1915

“Un gran numero di giovani uomini, i più coraggiosi e fisicamente in forma nelle rispettive nazioni, vengono uccisi, portando grande dolore ai loro amici, perdite alla comunità e guadagni solo a se stessi. Molti altri sono mutilati per tutta la vita, alcuni impazziscono e altri diventano nervosi relitti, semplici derelitti inutili e indifesi. Di coloro che sopravvivono, molti saranno brutalizzati e moralmente degradati dal feroce lavoro di uccidere, che può essere un dovere del soldato [ma] deve scioccare e spesso distruggere gli istinti più umani. Come ogni record veritiero di guerra mostra, la paura e l'odio hanno scatenato la bestia selvaggia in ... combattenti, portando a strane crudeltà che devono essere affrontate ma non soffermate, se si vuole preservare la sanità mentale. "
Bertrand Russell, filosofo britannico, gennaio 1915

"Gli eserciti e le marine del mondo sono sostenuti da tre cause: codardia, amore per il dominio e brama di sangue".
Bertrand Russell, filosofo britannico, agosto 1915

"Se fosse necessario dare la definizione più breve possibile di imperialismo, dovremmo dire che l'imperialismo è la fase monopolistica del capitalismo ... Stanno combattendo una guerra allo scopo di mantenere le colonie che hanno afferrato e derubato".
Vladimir Lenin, socialista russo

“La guerra [è] imperialista (vale a dire, una guerra annessionista, predatoria, di saccheggio) da parte di entrambe le parti. È una guerra per la divisione del mondo, per la divisione e la ripartizione delle colonie e delle sfere di influenza [e] del capitale finanziario ".
Vladimir Lenin, socialista russo

"C'è qualcosa come un uomo che è troppo orgoglioso per combattere."
Woodrow Wilson, presidente degli Stati Uniti, maggio 1915

"Tutta questa follia, tutta questa rabbia, tutta questa morte fiammeggiante della nostra civiltà e delle nostre speranze, è stata provocata perché un gruppo di gentiluomini ufficiali, che vivono vite lussuose, per lo più stupidi e tutti senza immaginazione o cuore, hanno scelto che dovrebbe accadere piuttosto che che qualcuno di loro debba subire un rifiuto infinitesimale all'orgoglio del suo paese ".
Bertrand Russell, filosofo britannico

“Contro la stragrande maggioranza dei miei connazionali ... in nome dell'umanità e della civiltà, protesto contro la nostra partecipazione alla distruzione della Germania. Un mese fa l'Europa era una pacifica comunità di nazioni: se un inglese uccideva un tedesco, veniva impiccato. Ora, se un inglese uccide un tedesco, o se un tedesco uccide un inglese, è un patriota che ha meritato bene del suo paese ".
Bertrand Russell, filosofo britannico

“Sono ansioso come chiunque può esserlo per una questione di successo e per una pace onorevole. Spero e credo che quella pace possa essere assicurata senza coscrizione. La coscrizione è una cosa odiosa ed è quasi certo che porterà il male al suo seguito ... L'Australia ha fatto la sua parte piena - sono propenso a dire più della sua parte piena - in questa guerra. Gli australiani, coraggiosi come hanno dimostrato di essere sul campo, sono un popolo amante della pace. Non daranno facilmente alla coscrizione un punto d'appoggio in questo paese ".
Daniel Mannix, arcivescovo irlandese-australiano, settembre 1916

“Ci opponiamo alla coscrizione perché siamo internazionalisti, antimilitaristi e contrari a tutte le guerre condotte dai governi capitalistici. Combatteremo per ciò per cui scegliamo di combattere; non combatteremo mai semplicemente perché ci è stato ordinato di combattere. Crediamo che la militarizzazione dell'America sia un male che supera di gran lunga, nei suoi effetti antisociali e anti-libertari, qualsiasi bene che possa derivare dalla partecipazione dell'America alla guerra ".
Manifesto No Conscription League (US), 1917

"Il governo [sovietico] ritiene che continuare questa guerra, semplicemente decidere come dividere le nazionalità deboli tra le nazioni potenti e ricche che le hanno sequestrate, sarebbe il più grande crimine contro l'umanità, e annuncia solennemente la sua disponibilità a firmare a una volta che i termini di pace che porrà fine a questa guerra ... ugualmente giusto per tutte le nazionalità, senza eccezioni ".
Manifesto del nuovo governo russo sovietico, ottobre 1917

“Nel corso della storia sono state intraprese guerre per la conquista e il saccheggio ... La classe principale ha sempre dichiarato le guerre, la classe dei soggetti ha sempre combattuto le battaglie. La master class ha avuto tutto da guadagnare e nulla da perdere, mentre la classe di materie non ha avuto nulla da guadagnare e tutto da perdere, specialmente le loro vite. Ti hanno sempre insegnato e addestrato a credere che sia tuo dovere patriottico andare in guerra e farti massacrare al loro comando. Ma in tutta la storia del mondo voi, il popolo, non avete mai avuto voce nel dichiarare guerra, e per quanto strano sembri certamente, nessuna guerra di nessuna nazione in nessuna epoca è mai stata dichiarata dal popolo ".
Eugene Debs, socialista americano, June 1918

“Ognuno di questi aristocratici cospiratori e aspiranti assassini afferma di essere un arcipatriota. Ognuno di loro insiste sul fatto che la guerra viene condotta per rendere il mondo sicuro per la democrazia. Che imbroglio! Che marciume! Che falsa finzione! Questi autocrati, questi tiranni, questi rapinatori e assassini in flagrante ... gli uomini che hanno il coraggio di stare faccia a faccia con loro dicono la verità e combattono per le loro vittime sfruttate. Sono i dis-lealisti e i traditori. Se questo è vero, voglio prendere il mio posto al fianco dei traditori in questa lotta ".
Eugene Debs, socialista americano, June 1918


Le informazioni e le risorse in questa pagina sono © Alpha History 2014. Il contenuto di questa pagina non può essere copiato, ripubblicato o ridistribuito senza l'espressa autorizzazione di Alpha History. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.