La crisi di luglio

crisi di luglio
Una vignetta raffigurante la "reazione a catena" di minacce e ultimatum nel luglio 1914

La crisi di luglio è stata una reazione a catena di un mese di eventi che seguirono l'assassinio dell'erede austriaco Arciduca Francesco Ferdinando a Sarajevo il 28 giugno 1914. È iniziata con un ultimatum austriaco alla Serbia e si è conclusa con le dichiarazioni di guerra delle Grandi Potenze d'Europa.

La crisi di luglio è stata piena di contemplazioni interne e dibattiti, consigli diplomatici e atteggiamenti, battute di petto nazionalistiche e, in ultima analisi, mobilitazioni militari e minacce di guerra. Mentre gli storici hanno opinioni diverse su chi e cosa ha guidato la crisi, vi è consenso sul fatto che abbia rappresentato un crollo e un fallimento nella diplomazia.

Vienna incolpa la Serbia

L'assassino di Franz Ferdinand, Gavrilo Princip, fu arrestato e interrogato dalla polizia e dalle autorità militari. Lui ei suoi collaboratori hanno testimoniato di aver agito in modo indipendente, senza la conoscenza o l'assistenza del governo serbo.

Molti nel regime imperiale austro-ungarico scelsero di non crederci. Hanno attribuito le uccisioni alla Serbia e ai suoi leader. Anche se il governo serbo non ha ordinato o sostenuto il complotto dell'assassinio, sono stati complici nel non riuscire a tenere a freno i gruppi nazionalisti e terroristici attivi all'interno dei loro confini.

Gli investigatori austriaci hanno portato alla luce prove circostanziali che suggeriscono che alcuni membri del gruppo avevano ricevuto addestramento da un ufficiale militare serbo. Nel frattempo, i militaristi del governo imperiale austro-ungarico hanno visto l'incidente come un'opportunità per invadere la Serbia e schiacciare i suoi elementi ribelli.

La crisi si svolge

Il periodo di un mese che seguì l'assassinio divenne noto come la "crisi di luglio". Ha attirato la maggior parte dei principali leader politici europei in una forma o nell'altra. Alcuni cercavano di evitare la guerra mentre altri sembravano decisi a sparare i primi colpi in uno.

In una raffica di riunioni, i diplomatici austro-ungarici e tedeschi discussero cosa sarebbe potuto accadere se Vienna avesse intrapreso un'azione punitiva contro la Serbia. In cima alla lista c'era come la Russia avrebbe potuto rispondere in caso di guerra contro i serbi.

L'assegno in bianco del Kaiser

Il 5 luglio, l'Imperatore Guglielmo II ha emesso il suo famoso "assegno in bianco" a Vienna. L'Austria-Ungheria potrebbe procedere come desidera e la Germania li sosterrebbe se la Russia intervenisse.

In privato, il Kaiser e il suo capo militare, von Moltke, volevano la guerra con la Russia e la Francia il prima possibile. Entrambi credevano che la Germania fosse meglio preparata alla guerra di entrambe. Volevano colpire presto prima che russi e francesi potessero mobilitarsi adeguatamente.

Di conseguenza, il Kaiser esortò i suoi alleati austriaci a trattare con la Serbia prontamente e spietatamente. Non credeva che i russi avrebbero dichiarato guerra all'Austria-Ungheria, ma se lo avessero fatto, la Germania avrebbe ricambiato con una dichiarazione di guerra contro San Pietroburgo.

Dopo la conclusione di questo accordo, Wilhelm e diversi politici austriaci andarono in vacanza. Questo è stato probabilmente uno stratagemma deliberato per suggerire il loro disinteresse per la crisi.

L'ultimatum austriaco

Il 23 luglio, quattro settimane dopo l'assassinio, il governo serbo ha ricevuto un ultimatum dall'Austria-Ungheria. Conteneva una serie di 10 richieste ben formulate e l'obbligo per i serbi di accettare le sue condizioni entro 48 ore.

Tra le richieste avanzate dagli austro-ungarici alla Serbia c'erano:

  • Il divieto delle pubblicazioni serbe che erano state responsabili della propaganda anti-austriaca.
  • La rimozione di individui anti-austriaci dalle forze armate serbe, dal governo e dal servizio civile.
  • La rimozione di insegnanti e curriculum serbi che avevano promosso o incitato il sentimento anti-austriaco.
  • La messa al bando e lo scioglimento del gruppo nazionalista serbo Narodna Odbrana ("Difesa popolare").
  • Una repressione del commercio di armi transfrontaliero e la rimozione di funzionari di frontiera corrotti.
  • Un'indagine congiunta serbo-austriaca sul complotto per l'assassinio, condotta in Serbia da funzionari austriaci e che coinvolge l'indagine e l'interrogatorio di civili e militari serbi.

Winston Churchill, all'epoca responsabile della Royal Navy britannica, definì l'ultimatum austriaco "il documento più insolente del suo genere mai concepito".

La Serbia risponde

crisi di luglio
Un giornale tedesco riferisce che la Serbia aveva respinto l'ultimatum austro-ungarico

Dopo aver ricevuto l'ultimatum, la Serbia ha immediatamente cercato il consiglio del russo. San Pietroburgo si è offerta di condannare pubblicamente l'ultimatum, ma consapevole che la prontezza militare russa era in ritardo rispetto a quella tedesca, ha rifiutato di offrire qualsiasi garanzia militare.

Il ministro degli esteri britannico, Sir Edward Gray, è intervenuto nel tentativo di evitare la guerra. Gray ha suggerito una conferenza di mediazione tra tutte le nazioni con un interesse nella crisi, ma questa è stata respinta sia da Berlino che da Vienna.

La Serbia ha risposto all'ultimatum austriaco poco prima della scadenza del termine. Si è sottomessa alla maggior parte delle richieste, ma ha respinto l'inchiesta guidata dall'Austria richiesta al punto sei, sostenendo che si trattava di una violazione della loro sovranità. Hanno ribadito che il loro governo non ha fornito alcun sostegno morale o materiale a Princip e agli altri assassini.

Dichiarazioni di guerra

L'ambasciatore austriaco ha ricevuto la risposta serba, l'ha letta una volta ed è subito partito da Belgrado per Vienna. Dopo alcune lusinghe dei suoi consiglieri, l'imperatore austro-ungarico Francesco Giuseppe dichiarò guerra alla Serbia il 28 luglio, esattamente un mese dopo l'assassinio di Francesco Ferdinando.

Questa dichiarazione di guerra ha innescato una reazione a catena che si è rapidamente trascinata nel resto d'Europa. Legati dalle loro alleanze - o, più precisamente, dall'impegno dei loro leader a queste alleanze - nazione dopo nazione fu trascinata nella spirale della guerra.

La Russia, protettrice di lunga data della Serbia, condannò l'aggressione di Vienna e iniziò immediatamente a mobilitare le sue forze contro l'Austria-Ungheria. I governanti della Germania hanno dichiarato guerra alla Russia il 1 ° agosto.

Il piano Schlieffen attivato

Berlino ha anche acceso la miccia per il tanto atteso Piano Schlieffen, il suo schema di vecchia data per evitare una prolungata guerra su due fronti invadendo la Francia attraverso il neutrale Belgio e Lussemburgo. Questo piano è stato attivato il giorno successivo.

L'invasione tedesca del Belgio ha innescato il coinvolgimento della Gran Bretagna. Ciò, a sua volta, portò i governi dei domini britannici - Australia, Nuova Zelanda, Canada, India e Sud Africa - a dichiarare guerra alla Germania.

Alla fine di agosto, la maggior parte dell'Europa era in guerra, sebbene alcuni paesi (Svizzera, Svezia, Norvegia, Spagna e Paesi Bassi) rimasero neutrali per tutta la durata.

Combattimenti in Serbia

Come ci si poteva aspettare, la prima azione militare della prima guerra mondiale avvenne in Serbia. Le truppe austro-ungariche hanno attraversato il confine per occupare le sue prede di luglio.

Gli aggressori non se la passarono bene come avevano previsto, tuttavia, a causa di un'ostinata resistenza serba, aggravata dagli errori dei loro stessi generali.

All'inizio di agosto, le forze tedesche stavano implementando il Piano Schlieffen, mentre un altro contingente tedesco a est si assicurò una vittoria completa sui russi a Tannenberg. Altrove ci furono pochi combattimenti nel primo mese, poiché la maggior parte delle nazioni belligeranti impiegò le proprie energie nel reclutamento, nell'addestramento, nell'equipaggiamento e nella mobilitazione dei propri eserciti.

Il punto di vista di uno storico:
“Il culto dell'offensiva ha incoraggiato l'espansionismo tedesco e austriaco che ha portato alla crisi del luglio 1914 e alla guerra. I tedeschi probabilmente preferirono lo status quo a una guerra mondiale contro l'intera Intesa, e non avrebbero fomentato la crisi del luglio 1914 se avessero saputo che sarebbe scoppiata una guerra mondiale. A mio giudizio, i tedeschi volevano una guerra continentale ristretta contro Francia e Russia; e molti dell'élite tedesca hanno sostenuto l'istigazione della crisi di luglio nella speranza di provocare proprio una guerra del genere. Inoltre, i leader tedeschi hanno riconosciuto e accettato il rischio che ciò potrebbe comportare una guerra più ampia contro la Gran Bretagna e il Belgio ".
Kenneth A. Oye

crisi di luglio

1. La crisi di luglio è stata un mese di ultimatum, comunicazioni diplomatiche e minacce che è culminata nello scoppio della prima guerra mondiale.

2. Iniziò l'assassinio dell'arciduca Francesco Ferdinando il 28 giugno 1914. Incoraggiato dalla Germania, l'Austria-Ungheria consegnò alla Serbia un severo ultimatum.

3. Quello che seguì fu un periodo di un mese che coinvolse la consulenza diplomatica tra le potenze europee, comprese offerte di mediazione e promesse di sostegno militare.

4. I serbi accettarono la maggior parte ma non tutti i termini dell'ultimatum austro-ungarico. Insoddisfatta e sostenuta dalla Germania, Vienna dichiarò guerra alla Serbia.

5. Ciò spinse la Russia a ordinare la mobilitazione delle sue forze, in preparazione di una possibile guerra contro l'Austria-Ungheria. La Germania seguì l'esempio rilasciando dichiarazioni di guerra alla fine di luglio e all'inizio di agosto 1914.

Titolo: "La crisi di luglio"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/worldwar1/july-crisis/
Data di pubblicazione: 23 Agosto 2017
Data di accesso: 07 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.