Guerra totale

era totalmente
Una donna al lavoro in una fabbrica di munizioni durante la prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale fu una "guerra totale" che coinvolse i governi, le economie e le popolazioni delle nazioni partecipanti in una misura mai vista prima nella storia. Questo era diverso da come erano state combattute in precedenza le guerre. Conflitti come la guerra di Crimea (1853-56) e le guerre coloniali del 19 ° secolo hanno comportato sforzi nazionali ma non hanno influenzato la popolazione in generale.

Nazioni chiamate al servizio

In "guerra totale", termine coniato solo negli anni '1930 dal generale tedesco Erich Ludendorff, l'intera nazione fu chiamata al servizio della guerra, piuttosto che solo i suoi militari.

I governi hanno svolto un ruolo attivo e interventista, approvando leggi e attuando politiche che sarebbero state considerate intollerabili in tempo di pace. Ministri e dipartimenti presero il controllo della produzione economica, nazionalizzando le fabbriche, determinando obiettivi di produzione, allocando manodopera e risorse.

La coscrizione è stata introdotta per rafforzare le forze militari. Risorse come navi, treni o veicoli furono requisite per scopi militari. I governi in tempo di guerra hanno anche agito per proteggere la sicurezza nazionale implementando la censura della stampa, il coprifuoco e pene severe per violazioni e violazioni. Raccolsero anche prestiti di guerra e fecero ampio uso della propaganda.

Defence of the Realm Act

Diverse grandi potenze hanno avviato un sistema di guerra totale quasi dall'inizio. Una nazione insulare alla portata degli aerei e delle navi tedesche, la Gran Bretagna temeva la prospettiva di un'infiltrazione, o peggio, di un'invasione da parte del nemico.

Una settimana dopo la dichiarazione di guerra, il Westminster ha approvato il Defense of the Realm Act. Questa legislazione autorizzava il governo a mobilitarsi per la guerra. Gli conferì anche ampi poteri per proteggere la Gran Bretagna da minacce interne o invasioni.

In base alle disposizioni della Difesa del Regno, il governo britannico era autorizzato a ricorrere alla censura, sia nella stampa che nella corrispondenza privata. A Westminster fu anche conferito il potere di imprigionare sospetti agenti nemici senza processo e corte marziale e giustiziare civili.

Censura della stampa

Il controllo della stampa e dei mezzi di comunicazione è stato particolarmente rigoroso. Londra nominò giornalisti militari "ufficiali" e istituì il War Office Press Bureau, un'agenzia che elaborava le storie e le distribuiva ai giornali (pochi giornalisti civili erano mai stati lasciati in prima linea).

Le agenzie governative e le forze armate erano autorizzate a impedire la pubblicazione di materiale offensivo o pericoloso su giornali e libri; aprire e censurare la posta civile; per attingere alle comunicazioni telegrafiche e telefoniche.

Con il progredire della guerra, sono state aggiunte nuove restrizioni alla legislazione. L'ora legale è stata introdotta per consentire più ore di lavoro durante la giornata. Il consumo di alcol è stato limitato, gli orari di apertura dei pub sono stati ridotti e la birra è stata annacquata. L'illuminazione notturna nelle strade era limitata ed era illegale accendere falò o far volare aquiloni.

L'economia britannica in tempo di guerra

era totalmente
Un fumetto che raffigura l'ondata nella produzione di proiettili di artiglieria britannica in 1916

Anche l'economia britannica è stata spostata su un piede di guerra totale. In base alla legge sulla difesa del regno, il governo potrebbe requisire qualsiasi terreno o edificio ritenuto necessario per lo sforzo bellico.

Il controllo governativo dell'economia aumentò drammaticamente nel 1915, sulla scia della "crisi dei proiettili", una carenza di proiettili di artiglieria che contribuì ai fallimenti militari britannici sul fronte occidentale.

È stato creato un nuovo portafoglio (il Ministero delle munizioni), guidato dal futuro primo ministro David Lloyd George. Fu ordinata la costruzione di una massiccia fabbrica in grado di produrre 800 tonnellate di cordite al giorno, mentre altre fabbriche furono nazionalizzate e riorganizzate per la produzione di proiettili di artiglieria. La produzione britannica di proiettili è aumentata di oltre il 1000%.

Produzione di cibo

Il governo ha anche formato dipartimenti per coordinare altre aree dell'economia, tra cui cibo, lavoro e trasporto marittimo.

Munizioni a parte, l'altra richiesta pressante era di cibo, sia per i militari che per la popolazione civile. Westminster ha preso il controllo di terreni inutilizzati per l'agricoltura, inclusi parchi, comuni e isolati in disuso. Fu introdotto il razionamento e le file di cibo divennero la norma.

Il cibo è diventato così prezioso che è diventato un reato penale nutrire il pane raffermo agli animali o gettare riso ai matrimoni.

era totalmente
Questo poster francese pubblicizza la vendita di titoli di guerra, per contribuire a finanziare lo sforzo bellico

In Germania, l'industriale Walter Rathenau è stato incaricato del kriegsrohstoffabteilung o Dipartimento di materie prime di guerra. Questa agenzia ha preso il controllo della distribuzione del materiale bellico essenziale, fissando i prezzi e determinando cosa doveva andare dove.

Quando la Germania iniziò a soffrire di carenze causate dai blocchi navali alleati, l'abile coordinamento di Rathenau delle materie prime disponibili e dei sostituti sintetici permise alla produzione industriale di continuare.

Dopo due anni di guerra intensa, tuttavia, queste risorse erano gravemente esaurite ei livelli di produzione stavano diminuendo.

La "dittatura silenziosa"

Nel 1916, i comandanti militari Paul von Hindenburg ed Erich Ludendorff presero effettivamente il controllo dell'economia di guerra tedesca, durante un periodo successivamente soprannominato la "dittatura silenziosa".

Sotto la loro supervisione, il governo tedesco ha implementato una serie di riforme per raddoppiare la produzione dei bisogni militari del paese. Il Oberster Kriegsamt, o Supreme War Office, è stato formato per controllare e coordinare tutti gli aspetti della produzione, del lavoro, dell'industria e dei trasporti in tempo di guerra.

La legge sul servizio ausiliario, approvata alla fine del 1916, autorizzava il governo a impiegare e trasferire tutti i maschi adulti di cui aveva bisogno per soddisfare le sue esigenze di lavoro. Più di due milioni di uomini sono stati costretti a lasciare il settore agricolo per lavorare nella produzione di armi e munizioni.

Ciò ha avuto il risultato militare desiderato, ma la riallocazione del lavoro ha visto la produzione di cibo e beni di consumo precipitare. Queste carenze, esacerbate dal blocco alleato in corso, portarono a carenze alimentari critiche entro l'inverno del 1916.

L'economia di guerra della Francia

Anche l'economia francese si è mobilitata per soddisfare le esigenze di guerra della nazione, sebbene ciò sia stato ottenuto con un minore intervento del governo rispetto a Germania e Gran Bretagna.

La produzione bellica francese fu lasciata in gran parte a gruppi di società private, ciascuna responsabile di una particolare necessità militare. C'erano 15 gruppi responsabili della produzione di proiettili, ad esempio, e tre gruppi per la produzione di fucili. Questi consorzi hanno ricevuto ordini e obiettivi governativi e hanno lavorato in collaborazione per soddisfarli.

Questo sistema funzionava in linea di principio, ma la Francia, in generale, non aveva la capacità di produzione della Germania. Produsse solo un sesto della quantità di carbone della Germania e fu anche ostacolato dalla perdita di alcune aree industriali chiave nel 1914.

Nonostante queste limitazioni, i francesi ottennero degli aumenti spettacolari nella produzione di armamenti. Nel 1918, i produttori francesi producevano 1,000 cannoni di artiglieria, 261,000 proiettili e sei milioni di proiettili al mese. Allo scoppio della guerra, c'erano 162 aerei militari in Francia; nel 1918, la nazione aveva più di 11,800.

Questi notevoli aumenti hanno reso la Francia il più grande produttore alleato di armi e munizioni, superando persino gli Stati Uniti. Dal punto di vista sociale, le richieste dell'economia di guerra hanno messo a dura prova i lavoratori francesi, che hanno sofferto di salari stagnanti e prezzi in aumento.

"Lo studio della guerra totale potrebbe iniziare con la premessa che la guerra totale, il flagello della prima metà del XX secolo, non è caduta dal cielo nel 20. Le sue origini politiche, militari, economiche, sociali e culturali risalgono al XIX secolo , se non prima. Le guerre della rivoluzione francese e le guerre napoleoniche hanno modificato radicalmente il corso della storia militare. Per la prima volta da quando gli stati avevano stabilito il monopolio sull'uso della forza armata, la mobilitazione di massa e l'ampio sostegno sociale divennero la base della guerra. Il grande analista militare prussiano von Clausewitz rimase così colpito da questa rivoluzione militare che in seguito scrisse: "Improvvisamente la guerra divenne di nuovo affare del popolo - un popolo di 1914 milioni, che si considerava tutti cittadini".
Roger Chickering, storico

era totalmente

1. La prima guerra mondiale fu una "guerra totale" poiché le società civili, le economie e il lavoro erano tutti distaccati nello sforzo bellico.

2. Il Defense of the Realm Act britannico ha dato ai suoi leader ampi poteri per ridurre le minacce e controllare l'economia.

3. Una grave carenza di proiettili di artiglieria in 1915 ha portato a un cambio di governo e nuove misure per aumentare la produzione.

4. In Germania, la produzione è stata rilevata da alti ufficiali, che hanno riorganizzato le industrie e arruolato il lavoro.

5. Ci furono anche aumenti drammatici nella produzione militare francese, che superò quella degli altri alleati. A differenza della Gran Bretagna, la produzione è stata in gran parte lasciata a società private che lavorano per adempiere ai contratti del governo.

Titolo: "Guerra totale"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/worldwar1/total-war/
Data di pubblicazione: 5 settembre 2015
Data di accesso: Giugno 28, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.