L'America entra in guerra

Un poster che esorta gli Stati Uniti a "svegliarsi" e ad entrare in guerra

Nei primi anni della prima guerra mondiale, gli Stati Uniti rimasero apparentemente neutrali, sebbene le sue banche e le sue imprese facessero ampi affari con le nazioni alleate. Il governo degli Stati Uniti finalmente entrò in conflitto dichiarando guerra alla Germania nell'aprile 1917, a seguito di una serie di provocazioni.

Neutralità americana

Quando scoppiò la guerra nell'agosto 1914, il presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson affermò immediatamente la neutralità americana e si rifiutò di espandere la produzione militare o attuare misure economiche in tempo di guerra.

La maggior parte degli americani sosteneva la determinazione di Wilson a rimanere fuori da un'altra guerra europea, almeno inizialmente. Ma come osserva correttamente lo storico Thomas Fleming, mentre Wilson "parlava e parlava e parlava" di neutralità, le azioni del suo governo non erano né "neutre di pensiero, parola o azione".

Nonostante tutti i discorsi altisonanti di neutralità e isolamento, le simpatie americane risiedono chiaramente in Gran Bretagna e negli Alleati, qualcosa che si riflette meglio nei resoconti della stampa e nei commenti editoriali. La maggior parte delle sezioni della stampa americana ristampò la propaganda britannica sulle presunte atrocità tedesche in Belgio. Queste storie hanno inorridito gli americani e hanno influenzato l'opinione pubblica contro la Germania.

Prestiti e contratti alleati

L'atteggiamento pubblico verso la guerra si rifletteva nel mondo degli affari. Molti capitalisti americani ignorarono i divieti governativi di commerciare con le nazioni belligeranti, con diverse compagnie statunitensi che si lanciavano in accordi di armamenti e attrezzature con gli alleati.

Charles Schwab, presidente del produttore di armi Bethlehem Steel, salpò in Gran Bretagna alla fine del 1914 per firmare contratti per la costruzione di dieci sottomarini e milioni di proiettili di artiglieria. La società bancaria di New York JP Morgan ha organizzato prestiti per 2.1 miliardi di dollari sia a Londra che a Parigi.

Questi enormi investimenti nello sforzo bellico alleato diedero agli Stati Uniti un interesse nella guerra, anche se la posizione ufficiale del suo governo era neutrale. Ma mentre i media americani e i magnati aziendali avevano sostenuto il loro cavallo, la posizione ufficiale del governo degli Stati Uniti è rimasta neutrale.

Diversi fattori ed eventi tra il 1915 e il 1917 minarono questa posizione e alimentarono le richieste di coinvolgimento americano nella guerra.

Guerra di U-boat tedesca

.

Nel novembre 1914, la Royal Navy britannica stabilì un rigido blocco marittimo della Germania. Il suo obiettivo era impedire l'importazione di cibo e materie prime in Germania attraverso il Mare del Nord.

Le navi militari britanniche pattugliavano la zona in numero e posavano campi minati nelle rotte marittime. Tutto il trasporto marittimo tedesco era considerato soggetto ad attacco, mentre il trasporto neutrale - comprese le navi dagli Stati Uniti - era soggetto a imbarco e ispezioni del carico.

Nel febbraio 1915, la Germania ha risposto a questo blocco dichiarando i mari intorno alla Gran Bretagna e all'Irlanda una "zona di guerra". Dichiarazioni dell'Ammiragliato tedesco avvertivano che tutte le navi alleate nell'area, militari e civili, avrebbero potuto essere affondate senza preavviso dagli U-Boot tedeschi (sottomarini). La spedizione neutrale è stata avvertita di rimanere fuori dall'area.

Poiché la maggior parte delle spedizioni neutrali nelle acque britanniche era di proprietà o autorizzata da compagnie americane, molti interpretarono il blocco tedesco e gli attacchi sottomarini come un atto di guerra contro gli Stati Uniti.

Lo Lusitania affondamento

Un rapporto stampa sul Lusitania disastro

Nel maggio 1915, la RMS Lusitania, una nave passeggeri britannica, fu silurata e affondata da un sottomarino tedesco al largo delle coste dell'Irlanda meridionale. C'erano quasi 2,000 persone a bordo e 1,198 furono uccise, inclusi 128 americani e quasi un centinaio di bambini.

L'affondamento di un transatlantico civile e il conseguente bilancio delle vittime hanno causato indignazione su entrambe le sponde dell'Atlantico. Berlino ha affermato il Lusitania veniva utilizzata per spedire carichi di guerra e munizioni, reclamo negato dai suoi proprietari (in seguito si scoprì che aveva 4.2 milioni di proiettili, destinati all'esercito britannico, nascosti nella sua stiva). 

L'affondamento del Lusitania appelli intensificati per l'intervento americano nella guerra, appelli che provenivano da entrambe le sponde dell'Atlantico. Wilson ha pubblicamente rifiutato, dichiarando che "esiste una cosa come essere troppo orgogliosi per combattere".

Dietro le quinte, tuttavia, Wilson stava assumendo un tono molto più duro nei cablogrammi diplomatici a Berlino. Nell'agosto dello stesso anno, la marina tedesca affondò un'altra nave civile, la SS Arabo, ancora una volta intensificando le discussioni.

Alla fine di agosto, la Germania abbandonò la sua politica di affondamento delle navi civili senza preavviso, ma nel febbraio 1917 Berlino sostituì questa politica con una guerra sottomarina "senza restrizioni" contro tutte le navi nelle acque alleate. Altre due navi civili sulla rotta USA-Gran Bretagna, le SS Housatonico e la SS California, sono stati affondati nello stesso mese.

Il telegramma di Zimmerman

Una vignetta che raffigura le aperture segrete della Germania in Messico

L'ultimo chiodo nella bara della neutralità americana è stata la pubblica esplosione di un documento esplosivo.

Nel gennaio 1917, l'ambasciatore della Germania a Washington ricevette un telegramma in codice da Berlino, che in seguito si scoprì essere stato approvato dal ministro degli esteri tedesco Arthur Zimmerman. Nel caso in cui l'America entrasse in guerra dalla parte degli alleati, diceva il telegramma, l'ambasciatore tedesco doveva negoziare un'alleanza tra Germania e Messico.

Il telegramma elencava anche gli incentivi. Ai messicani fu promesso l'aiuto tedesco per facilitare l'invasione di diversi stati americani, tra cui Texas, New Mexico e Arizona.

Il telegramma è stato intercettato dai decifratori britannici, che lo hanno passato a Westminster, che a sua volta lo ha passato alla Casa Bianca, che alla fine lo ha rilasciato alla stampa.

Il suo contenuto era così oltraggioso che per settimane molti lo considerarono un falso. Ma a marzo, Zimmerman ha confermato la sua autenticità mentre pronunciava un discorso in Germania. Questa notizia suscitò in crescendo le richieste americane di guerra; nemmeno il neutralista Wilson poteva rimanere impassibile.

Le elezioni del 1916

Woodrow Wilson chiede al Congresso di dichiarare guerra alla Germania, aprile 1917

Nel novembre 1916, Woodrow Wilson corse per un secondo mandato alla presidenza. Uno degli slogan della sua campagna era "Ci ha tenuti fuori dalla guerra!".

A dicembre, dopo aver vinto per poco le elezioni, Wilson ha fatto un ultimo tentativo di negoziare la pace tra gli alleati e le potenze centrali. Entrambi hanno rifiutato la sua offerta.

La controversia su Zimmerman nel febbraio 1917 sventò la sua speranza che l'America avrebbe evitato di dichiarare guerra. Nel marzo 1917 Wilson chiese al Congresso fondi per armare le navi civili americane, per difendersi dai sottomarini tedeschi.

Una settimana dopo, il 2 aprile, Wilson si è rivolto al Congresso e gli ha chiesto di dichiarare guerra alla Germania, dicendo ai rappresentanti che deve essere "la guerra per porre fine a tutte le guerre". Il Congresso ha approvato la richiesta di Wilson entro due giorni.

Alla vigilia del suo discorso al Congresso, Wilson ha confidato a Frank Cobb, un giornalista di New York:

“Una volta che avremo condotto questa gente in guerra”, disse [Wilson], “dimenticheranno che c'è mai stata una cosa come la tolleranza. Per combattere devi essere brutale e spietato, e lo spirito di spietata brutalità entrerà nella fibra stessa della nostra vita nazionale, infettando il Congresso, i tribunali, il poliziotto in difficoltà, l'uomo della strada. "... Ha pensato la Costituzione non sarebbe sopravvissuto, quella libertà di parola e il diritto di riunione sarebbero andati. Ha detto che una nazione non può mettere la sua forza in una guerra e mantenere la propria testa. Non era mai stato fatto. Neanche il presidente si era fatto illusioni su come ne sarebbe uscito. Avrebbe preferito fare altro che dirigere una macchina militare. Tutti i suoi istinti erano contrari. Prevedeva troppo chiaramente la probabile influenza di una dichiarazione di guerra sulle sue stesse fortune ".

“La difficoltà della posizione [di neutralità] di Wilson è iniziata con il riconoscimento che la guerra europea non era solo un altro conflitto, ma uno che avrebbe determinato il futuro ordine del mondo. La normale indifferenza dei neutrali verso l'esito delle guerre ... poggiava sull'assunzione di conseguenze limitate ... Il destino della civiltà, di cui l'America faceva parte, non poteva essere visto semplicemente con indifferenza. La responsabilità imposta all'America da un mondo in crisi era quella che derivava inevitabilmente dal suo potere e dai suoi ideali. L'America non poteva essere indifferente alla guerra e alle sue conseguenze, accontentandosi semplicemente di osservarla da lontano e sollevata di non essere coinvolta ".
Robert W. Tucker, storico

l'America entra in guerra

1. Gli Stati Uniti adottarono una posizione neutrale quando scoppiò la guerra, anche se il sentimento pubblico si sporse pesantemente verso gli Alleati.

2. Nonostante questa neutralità, le compagnie statunitensi fornirono attrezzature e munizioni allo sforzo bellico alleato.

3. La neutralità degli Stati Uniti è stata sfidata dalla campagna sottomarina della Germania contro la navigazione, culminata nel Lusitania che affonda.

4. Gli Stati Uniti furono infine trascinati nella guerra dal telegramma di Zimmerman, un'apertura segreta in Messico dalla Germania.

5. Il presidente americano Woodrow Wilson, che da tempo favoriva la neutralità e cercava di mediare accordi di pace tra alleati e potenze centrali, esortò il Congresso a dichiarare guerra alla Germania, cosa che fece in aprile 1917.

Titolo: "L'America entra in guerra"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/worldwar1/america-enters-the-war/
Data di pubblicazione: 13 settembre 2015
Data di accesso: 30 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.