Il nazionalismo come causa della prima guerra mondiale

nazionalismo della prima guerra mondiale
Il leone era un simbolo dell'imperialismo e del nazionalismo britannico

Il nazionalismo è un’intensa forma di patriottismo o lealtà verso il proprio paese. I nazionalisti esagerano lo status, il valore o l’importanza del loro paese, ponendo i suoi interessi al di sopra di quelli di altri paesi. Questi sentimenti erano prominenti nell’Europa dell’inizio del XX secolo, in particolare nelle cosiddette Grandi Potenze (Gran Bretagna, Francia e Germania), portando molti europei a credere che la loro nazione occupasse una posizione di supremazia culturale, economica e militare.

Fonti del nazionalismo

Il crescente nazionalismo del XIX e dell’inizio del XX secolo proveniva da molte fonti. Molto è scaturito da eventi e sviluppi storici. In Gran Bretagna, la rivoluzione industriale del XVIII secolo aveva creato notevoli cambiamenti tecnologici e creato nuove forme di ricchezza, mentre l’impero britannico era cresciuto fino a coprire un quarto del globo. Anche Francia e Germania sperimentarono una rapida trasformazione economica, una crescita imperiale e una modernizzazione sociale.

Successi nazionali di questo tipo portarono a un orgoglio e a una fiducia eccessivi che, a loro volta, diedero origine a sentimenti nazionalisti. Politici, diplomatici e alcuni leader reali hanno contribuito a ciò con le loro osservazioni e la loro retorica. Il nazionalismo è stato alimentato anche da notizie unilaterali della stampa che erano eccessivamente critiche nei confronti delle altre nazioni ma raramente critiche nei confronti della propria.

Le idee nazionaliste furono perpetuate e portate avanti anche dalla cultura popolare – dall’arte alta dei pittori e delle sculture fino alle forme comuni di intrattenimento come la letteratura a buon mercato e la commedia da music hall. La musica, sia sotto forma di orchestra che di canzone, era un mezzo notevole del sentimento nazionalista.

Fiducia gonfiata

Il prodotto di questo nazionalismo in fermento fu una fiducia esagerata nella propria nazione, nel proprio governo e nel proprio potere militare. In materia di affari esteri o di competizione globale, molti si convinsero che il loro Paese fosse giusto, giusto e senza colpa o colpa.

Al contrario, i nazionalisti demonizzavano le nazioni rivali, caricaturandole come aggressive, intriganti, ingannevoli, arretrate o incivili. I resoconti della stampa nazionalista hanno convinto molti che gli interessi del loro paese erano minacciati dai complotti, dagli intrighi e dall'imperialismo affamato dei suoi rivali. La retorica nazionalista e militarista assicurava agli europei che se fosse scoppiata la guerra, la loro nazione ne sarebbe uscita vittoriosa.

Di concerto con i suoi fratelli pericolosi, l’imperialismo e il militarismo, il nazionalismo ha contribuito all’illusione continentale che la guerra non solo fosse giustificata, ma fosse anche facilmente vincibile. Nella sua forma più estrema, questo patriottismo aggressivo era conosciuto come “jingoismo”, prendendo il nome da una canzone da music hall britannica degli anni ’1870 dell’Ottocento:

Non vogliamo combattere se non per Jingo, se lo facciamo
Abbiamo le navi, abbiamo gli uomini, abbiamo anche i soldi
Abbiamo già combattuto l'Orso in passato, e anche se siamo britannici, è vero
I russi non avranno Costantinopoli!

L’ambivalenza dell’Europa verso la guerra

All’inizio del XX secolo molti europei sembravano indifferenti ai pericoli della guerra. Ciò era in parte dovuto alla loro mancanza di esposizione ad esso. A parte la guerra di Crimea (20-1853) e la guerra franco-prussiana (56-1870), la seconda metà del 71 fu un secolo di relativa pace in Europa. Con l’eccezione della Francia, che fu sconfitta dai Prussiani nel 1800, le Grandi Potenze non subivano una sconfitta militare significativa da almeno due generazioni.

Per la maggior parte degli europei la guerra era un lontano ricordo. Gli inglesi e i francesi avevano combattuto guerre coloniali in Africa e in Asia, ma si trattava di conflitti brevi contro avversari disorganizzati e sotto equipaggiati in luoghi lontani. Il militarismo e il nazionalismo hanno ravvivato le prospettive di una guerra europea e creato ingenuità ed eccessiva fiducia sui suoi probabili esiti.

Il nazionalismo ha anche alimentato alcune illusioni sulla capacità militare delle Grandi Potenze. Gli inglesi credevano che la loro potenza navale, sostenuta dalla potenza economica dell’Impero, offrisse loro il sopravvento in ogni guerra. I leader tedeschi riponevano grande fiducia nell’efficienza militare prussiana, nella crescente base industriale della Germania, nei nuovi armamenti e nella sua flotta in espansione di corazzate e U-Boot (sottomarini). Se fosse scoppiata la guerra, l’alto comando tedesco aveva la massima fiducia nel Piano Schlieffen, una strategia militare preventiva per sconfiggere la Francia prima che la Russia potesse mobilitarsi per sostenerla.

In Russia, lo zar credeva che il suo impero fosse sostenuto da Dio e protetto da un imponente esercito permanente di 1.5 milioni di uomini, la più grande forza terrestre in tempo di pace in Europa. I comandanti russi credevano che l’enorme popolazione del paese gli desse il controllo sulle nazioni più piccole dell’Europa occidentale. I francesi riponevano la loro fiducia nelle industrie e nelle difese del paese, in particolare in un muro di barriere e fortezze di cemento che correva lungo il confine orientale.

Stereotipi e “letteratura d’invasione”

nazionalismo prima guerra mondiale
La battaglia di Dorking, tipico della finzione di invasione anti-tedesca

Verso la fine del 1800, alcuni europei erano quasi ubriachi di patriottismo e nazionalismo. La Gran Bretagna, per citare un esempio, aveva goduto di due secoli di dominio imperiale, commerciale e navale. L’impero britannico si estendeva su un quarto del globo e i testi della popolare canzone patriottica Regola, Britannia! strombazzavano che “i britannici non saranno mai e poi mai schiavi”.

Londra aveva trascorso il XIX secolo a promuovere i propri interessi imperiali e commerciali ed evitare guerre; tuttavia, l’unificazione della Germania, la velocità degli armamenti tedeschi e le ambizioni bellicose del Kaiser Guglielmo II causarono preoccupazione ai nazionalisti britannici. La “penny press” inglese – un termine collettivo per romanzi economici e serializzati – intensificò le rivalità straniere pubblicando incredibili romanzi su intrighi stranieri, spionaggio, guerre future e invasioni. La battaglia di Dorking (1871), uno degli esempi più noti di "letteratura sull'invasione", era un racconto folle sull'occupazione dell'Inghilterra da parte delle forze tedesche.

Nel 1910, un londinese poteva acquistare dozzine di novelle pacchiane che avvertivano dell’aggressione tedesca, russa o francese. Questa letteratura sull'invasione spesso utilizzava stereotipi o allusioni razziali. Il tedesco, ad esempio, veniva solitamente raffigurato come freddo, privo di emozioni e calcolatore; il russo era un barbaro incolto, dedito alla violenza sfrenata; il francese era un fannullone in cerca di svago; i cinesi una razza di selvaggi assassini e fumatori di oppio.

Anche romanzieri, fumettisti e autori satirici di Penny prendevano in giro i governanti di questi paesi. Il Kaiser tedesco e lo zar russo, entrambi bersagli frequenti, venivano ridicolizzati per la loro arroganza, ambizione o megalomania.

Nazionalismo tedesco

Il nazionalismo e la xenofobia tedeschi non furono meno intensi, sebbene assumessero forme diverse. A differenza della Gran Bretagna, la Germania era una nazione relativamente giovane, formatasi nel 1871 dopo l’unificazione di 26 stati e territori di lingua tedesca. La convinzione che tutti i popoli di lingua tedesca dovessero essere uniti in un unico impero, o “pangermanismo”, era il collante politico che univa questi stati.

I leader della Germania post-1871 fecero affidamento sul sentimento nazionalista per consolidare la nuova nazione e ottenere il sostegno pubblico. La cultura tedesca – dalla poesia di Goethe alla musica di Richard Wagner – venne promossa e celebrata. Il nazionalismo tedesco era sostenuto anche dal militarismo tedesco: la forza della nazione era sostenuta dalla forza delle sue forze militari.

Il nuovo Kaiser, Guglielmo II, divenne la personificazione di questa nuova Germania nazionalista. Sia il Kaiser che la sua nazione erano giovani e ambiziosi, ossessionati dal potere militare e dall'espansione imperiale. Il Kaiser era orgoglioso dei risultati ottenuti dalla Germania ma nervoso per il suo futuro. Era invidioso delle altre potenze e cercava disperatamente il successo nazionale.

Per il Kaiser e per molti altri tedeschi la Gran Bretagna rappresentava il principale ostacolo al progresso e all’espansione tedesca. Guglielmo era invidioso del vasto impero britannico, delle imprese commerciali e della potenza navale, ma considerava gli inglesi avari e ipocriti. Il governo britannico supervisionava il più grande impero del mondo e manovrava contro l’espansione coloniale tedesca in Africa e Asia.

Di conseguenza, la Gran Bretagna divenne un obiettivo popolare nella stampa tedesca prebellica, dipinta come espansionista, egoista, avida e ossessionata dal denaro. Il sentimento anti-britannico si intensificò durante la guerra boera del 1899-1902, la guerra della Gran Bretagna contro i coloni contadini per il controllo del Sud Africa.

Movimenti di indipendenza

nazionalismo guerra cina
Il nazionalismo stava emergendo anche in lontane colonie. Questo cartone raffigura il crescente nazionalismo cinese

Mentre le grandi potenze si battevano il petto e cavalcavano quest’onda di ipocrisia e superiorità, un secondo tipo di nazionalismo era in aumento nell’Europa meridionale e orientale. Questo nazionalismo non riguardava la supremazia o l’impero, ma il diritto dei gruppi etnici all’indipendenza, all’autonomia e all’autogoverno.

Con il mondo diviso in grandi imperi e sfere di influenza, molte regioni, razze e gruppi religiosi cercarono la libertà dai loro padroni imperiali. In Russia, più di 80 gruppi etnici nell'Europa orientale e in Asia sono stati costretti a parlare la lingua russa, adorare lo zar russo e praticare la religione ortodossa russa.

Per gran parte del XIX secolo, la Cina è stata “spartita” e sfruttata economicamente dalle potenze europee; i cinesi risentiti formarono gruppi nazionalisti segreti ed esiliarono per liberare il loro paese dall'influenza straniera. I gruppi nazionalisti contribuirono all’indebolimento dell’Impero Ottomano nell’Europa orientale, cercando di sbarazzarsi del dominio musulmano.

Nazionalismo serbo

Nessun movimento nazionalista ha avuto un impatto maggiore sullo scoppio della guerra rispetto ai gruppi slavi nei Balcani. Il panslavismo, la convinzione che i popoli slavi dell’Europa orientale dovessero avere una propria nazione, era una forza potente nella regione.

Il nazionalismo slavo era più forte in Serbia, dove era cresciuto in modo significativo tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo. Il panslavismo era particolarmente contrario all'impero austro-ungarico e al suo controllo e influenza sulla regione. Esasperati dall'annessione della Bosnia-Erzegovina da parte di Vienna, i giovani serbi si unirono a gruppi nazionalisti radicali come la "Mano Nera" (Crna Ruka). Questi gruppi speravano di scacciare l'Austria-Ungheria dai Balcani e di fondare una "Grande Serbia", uno stato unificato per tutti i popoli slavi.

Fu questo nazionalismo pan-slavo a ispirare l’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando a Sarajevo nel giugno 1914, un evento che portò direttamente allo scoppio della prima guerra mondiale.

“Un nazionalismo nuovo e aggressivo, diverso dai suoi predecessori, è emerso in Europa alla fine del XIX secolo… Il nuovo nazionalismo ha coinvolto le feroci emozioni del gruppo noi/loro – lealtà verso l’interno, aggressività verso l’esterno – che caratterizzano le relazioni umane a livelli sociologici più semplici, come la famiglia o la tribù. Ciò che era nuovo era collegare queste passioni alla nazione… Nella sua dimensione rivolta all’esterno, il nuovo nazionalismo era pienamente un movimento dell’“era dell’imperialismo” – del “grande gioco”, della “corsa per l’Africa”, dell’impresa di grandi potenze”.
Lawrence Rosenthal, storico

nazionalismo prima guerra mondiale

1. Il nazionalismo era un'intensa forma di patriottismo. Quelli con tendenze nazionaliste celebravano la cultura e le conquiste del proprio paese e ponevano i suoi interessi al di sopra di quelli di altre nazioni.

2. Il nazionalismo prebellico era alimentato da guerre, conquiste imperiali e rivalità, retorica politica, giornali e cultura popolare, come la "letteratura di invasione" scritta da romanzieri della Penny Press.

3. Il nazionalismo britannico fu alimentato da un secolo di pace e prosperità comparate. L'Impero britannico era fiorito e ampliato, la sua forza navale era cresciuta e gli inglesi avevano conosciuto solo guerre coloniali.

4. Il nazionalismo tedesco fu un fenomeno nuovo, emerso dall'unificazione della Germania nel 1871. Divenne affascinato dall'espansione imperiale tedesca (assicurandosi il "posto al sole" della Germania) e risentito degli inglesi e del loro impero.

5. L'aumento del nazionalismo è stato anche un fattore nei Balcani, dove i serbi slavi e altri hanno cercato l'indipendenza e l'autonomia dal dominio politico dell'Austria-Ungheria.

Informazioni sulla citazione
Titolo: “Il nazionalismo come causa della prima guerra mondiale”
Autori: Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/worldwar1/nationalism/
Data di pubblicazione: 5 aprile 2017
Data di aggiornamento: Dicembre 20, 2023
Data di accesso: 21 Febbraio 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.