Un soldato canadese a Gallipoli (1915)

I ricordi del sergente W. Lench, un soldato canadese a Gallipoli, che è stato ferito il giorno prima dell'evacuazione:

Non c'era molta morte improvvisa, ma c'era morte lenta ovunque. Il corpo stava lentamente morendo dall'interno. Ci siamo parlati; abbiamo riso di tanto in tanto, ma sempre il pensiero della morte nelle nostre menti - le nostre viscere stavano morendo lentamente.

L'acqua era la morte; la carne prepotente era la morte; tutto era morte. Avevo paura di mangiare qualcosa. Mi ha terrorizzato; mi ha fatto sentire morto. Un uomo mi passava accanto tenendosi lo stomaco, gemendo di dolore, e pochi minuti dopo lo portavo giù dalla latrina, morto. Gli uomini hanno contratto dissenteria e febbre ogni giorno. I proiettili non hanno avuto un grande impatto. È stata la morte dei germi.

Ho lavorato con i miei uomini tutto il giorno e tutta la notte. Ho avuto la fortuna di strappare qualche ora di riposo a metà giornata. La compagnia aveva ora trenta uomini per mantenere 200 iarde di fronte. Le sentinelle erano poste a distanze incredibili l'una dall'altra. E per sempre le pattuglie e le fatiche e lo scavo giorno e notte, scavando, scavando, infernale, scavo intensivo.

La compagnia era in linea da venticinque giorni; era un record. Non si parlava di uscire per riposarsi; non c'era nessun posto dove andare, solo giù alla spiaggia, e la spiaggia era incessantemente bombardata. Era più sicuro nella linea.

Il cibo consisteva in tè e biscotti. Niente carne. C'era molta marmellata, ma se un uomo era "stufo" della guerra, tutto quello che doveva fare se voleva un bel letto su una nave ospedale era mangiare una scatola di marmellata. Molti uomini stanchi di notte guardavano con desiderio la croce rossa fiammeggiante sul lato della nave ospedale e aprivano una scatola di albicocche. Lo portarono via il giorno dopo o il giorno dopo.

C'erano voci ogni giorno: voci di cucina, voci di latrine e voci di trincea. Erano sempre diversi. Il reggimento faceva questo oggi e quello domani. Nessun soldato negherà la loro benedizione psicologica. Erano la speranza degli uomini stanchi, degli uomini stufi e dei malati.

Erano voci adorabili, sempre originali e tempestive. Non ne è venuto fuori niente. Scavare e scavare; pattuglia e pattuglia; raid e raid. Soprattutto, voci complessive, piene di speranza e gloriose! La compagnia uscirà domani per un mese. L'azienda è stata ordinata in Mesopotamia. L'azienda sta andando in Egitto per l'inverno. Ci sono state voci tutto il giorno e tutta la notte.

Una mattina mi ha chiamato il capitano. "Le nostre trincee devono essere approfondite di tre piedi", mi ha detto. Perché, Dio solo sapeva. Erano abbastanza profondi se un uomo andava in giro alla veranda. Tre piedi più in profondità e solo venticinque uomini rimasero in azienda per fare il lavoro. «Tre giorni per farlo, sergente; e vedere che è fatto; non importa come. " Era fatto.

Pochi giorni dopo ci fu una voce incredibile. Lo Stato Maggiore sarebbe passato lungo la nostra trincea a mezzogiorno. Gli uomini hanno dovuto raschiare via il fango con coltelli a serramanico; è stata data loro una pinta d'acqua per radersi e, Dio sopra, i loro bottoni dovevano essere lucidati. Lo scherzo dell'approfondimento della trincea del fronte era ormai evidente. La guerra deve essere resa sicura per i generali.

A mezzogiorno l'ordine è stato passato a "stare sull'attenti". Lo abbiamo fatto, e Lord Kitchener è passato e il berretto del suo generale era appena sei pollici sotto il parapetto. C'erano un certo numero di ufficiali di stato maggiore che lo seguivano e mentre attraversavano la traversata della trincea i loro passi sembravano echeggiare: “È senza speranza! È senza speranza!"

La mattina dopo l'ufficiale della compagnia mi chiamò nella sua trincea. Era un forte bevitore e un coraggioso ufficiale. "Ci sono voci di un'evacuazione, sergente", ha detto. “A Kitchener non piace l'aspetto per l'inverno; ma non c'è niente di ufficiale. Forse stasera avremo buone notizie ".

Sorrisi mentre tornavo alla mia trincea. Quando mai l'esercito britannico si è ritirato? Era impossibile. Qui per sempre. Vola in una ragnatela - milioni contro uno contro la possibilità di uscirne. Evacuazione, no! Mi dispiaceva per quegli uomini malati che avrebbero creduto alla storia. Ci sarebbero più speranze, più smentite e più sciocchezze. Tuttavia, l'impossibile è accaduto. Doveva essere tra dieci giorni, mi disse il capitano. Dieci giorni e il reggimento sarebbe andato in Egitto, disse il capitano, forse al Cairo, certamente ad Alessandria. Dopotutto non è stata una brutta guerra!

I giorni rimanenti furono pieni di febbrile attività. Piccole mine furono affondate; Le scatole di manzo prepotente erano piene di esplosivo e decine di fucili con micce temporali erano bloccati nelle trincee. Ho lavorato come uno schiavo di galera tutto il giorno e tutta la notte.

L'esercito britannico stava per lasciare il luogo orribile e superare in astuzia gli Allah sulla collina opposta. Sì, l'esercito britannico sarebbe sgattaiolato via nella notte sotto la copertura dell'oscurità. Che storia da raccontare ai miei nipoti! "C'era una volta, miei giovani ascoltatori, ho combattuto nell'azione di retroguardia quando il mio reggimento è scappato da Johnny Turk a Gallipoli."

Le giornate trascorrevano con il solito lavoro di routine. Adesso c'erano solo quindici uomini da portare avanti, e mancavano ancora tre giorni all'evacuazione. Tre giorni! Sarei andato via sano e salvo? Il web si stava avvicinando a me, all'azienda, a ogni uomo rimasto a Suvla Bay. E se i turchi lo sospettassero?

I preparativi furono completati. Sono stato incaricato di combattere l'azione di retroguardia con altri cinque uomini. Dovrei fare qualcosa per vincere la guerra. C'era una conferenza nella stanzetta dell'ufficiale della compagnia per parlare degli ultimi piani. Tra ventiquattr'ore, con un po 'di fortuna, dovrei navigare lungo la costa con un cacciatorpediniere.

Sono tornato in trincea e ho preparato un letto sul fuoco. Mi sono sdraiato, ho tirato una coperta sulle spalle e ho chiuso gli occhi. Un dolore mi attraversò la pancia, un terribile dolore pungente. Tutto il mio corpo faceva male e faceva male; ma domani sarebbe per sempre addio a Gallipoli. Ho dormito, un sonno di dolore, dolore incessante.

"Alzati! Resisti! " Qualcuno mi ha colpito alle costole con il calcio di un fucile. Mi sono seduto e mi sono stropicciato gli occhi. Strinsi la cintura e cercai il fucile. Mi fermai sul gradino del fuoco e scrutai attraverso la fioca luce su No Man's Land. Ho sentito un pulsare nella mia testa; un afflusso di sangue attraverso il mio corpo. Oscurità ... nera ... nera ... oscurità.

Ero calda e accogliente. Mi sono svegliato e mi sono guardato intorno. Dove ero io? In ospedale - una stanza imbiancata con molti letti. Non ho fatto domande; Ero immobile e silenzioso. Avrei voluto sentirmi così caldo e pacifico per l'eternità.

Una giovane infermiera si avvicinò al mio letto: “Sorella! Sorella! Il numero 10 è arrivato! " Mi ha sorriso, un bel sorriso. "Infermiera, dove sono?" «Malta», rispose, e menzionò il posto come se fosse a poche centinaia di metri da W. Beach, Suvla Bay.

"Malta! " Sono abituato. “Non l'Egitto. Quello che è successo? L'evacuazione? ... "

Ho dormito di nuovo. Quando mi sono svegliato, mi sono interessato di più al reparto e ai letti intorno a me. Un paziente nel letto accanto stava leggendo un giornale londinese. Ho visto il titolo: "Suvla Bay Successfully Evacuated".