Scrivere per la storia

scrivere per la storia

Come altri rami delle discipline umanistiche, la storia vive e dipende dalla parola scritta. Sin dai tempi di Erodoto e Plutarco, gli storici hanno fatto affidamento sui testi scritti per comunicare la narrativa e il significato storico. In questa pagina viene discussa l'importanza di scrivere per la storia e alcuni consigli per farlo in modo efficace.

Nuove tecnologie, vecchie competenze

Nonostante i progressi tecnologici degli ultimi due decenni, non è cambiato molto per quanto riguarda la scrittura storica. Le nuove tecnologie hanno cambiato il modo in cui le fonti storiche e le informazioni scritte vengono archiviate, condivise e presentate, ma non le informazioni stesse. Gli storici moderni utilizzano ancora documenti, libri, saggi e altre forme di scrittura per registrare le loro scoperte.

Nonostante l’avvento e l’utilità delle nuove tecnologie, gli studenti di storia dovrebbero comunque aspettarsi di intraprendere una notevole quantità di attività di lettura e scrittura. Il successo nei corsi di storia dipende non solo dal tuo interesse e dalla tua conoscenza del passato, ma anche dalla tua capacità di scrivere in modo chiaro ed efficace.

Un compito impegnativo

Non si può negare la sfida di scrivere per la storia. Non è un talento naturale o innato; nessuno nasce grande storico o scrittore storico. Come altre abilità, vengono apprese, sviluppate e praticate nel tempo. Se stai frequentando un corso di storia per studenti per la prima volta, è meglio pensare ai tuoi scritti storici come a un lavoro in corso: miglioreranno nel tempo.

Mentre leggi diversi storici, pensa a come organizzano i loro scritti; come intrecciano narrazione, prove e analisi; e come comunicano con i loro lettori. Mentre scrivi e invii i tuoi pezzi, pensa in modo critico alla tua scrittura e chiedi feedback agli altri.

Con la pratica, i consigli e la riflessione diventerai uno scrittore di storia efficace. Non è un processo facile: richiederà tempo e non può essere affrettato. Come per molte cose, studenti diversi progrediranno a velocità diverse. L’importante è lavorare sodo, avere pazienza e rimanere positivi.

Ecco alcuni suggerimenti generali sulla scrittura per la storia. Puoi anche trovare informazioni utili sulla nostra pagina su scrivere saggi di storia.

Organizza la tua scrittura

Quando scrivi qualcosa per la storia, intraprendi sempre una pianificazione: non lasciare al caso la struttura o l'organizzazione della tua scrittura.

Iniziare un lungo pezzo di scrittura senza alcuna pianificazione, nella speranza che "si metta insieme" o "funzioni", raramente è efficace. È molto difficile strutturare e organizzare la scrittura al volo, anche per scrittori esperti.

Più lungo è il compito, maggiore sarà lo sforzo da dedicare alla strutturazione e alla pianificazione. Prima di redigere un lungo paragrafo, una risposta estesa o un saggio, costruisci una sorta di breve piano. Non è necessario che sia complesso: è sufficiente un elenco, alcuni punti o una mappa concettuale. Questo piano dovrebbe fornire un quadro per le idee, gli argomenti e le informazioni che intendi presentare.

Pensa prima di scrivere, pensa mentre scrivi

Questo è un consiglio ovvio ma che può essere facilmente dimenticato o trascurato. Dovresti pensare continuamente durante il processo di scrittura, dall'inizio alla fine.

Ogni frase o frase complicata dovrebbe essere pienamente concepita nella tua mente prima di metterla su carta. Un momento di riflessione e pianificazione mentale prima di ogni nuova frase o paragrafo spesso fa la differenza tra una scrittura chiara ed efficace e un divagare senza scopo.

Fai una pausa prima di iniziare una nuova frase e chiediti cosa intendi dire e come vuoi che suoni. Leggi ogni frase e paragrafo una volta completato e pensa se dice quello che vuoi.

Conosci la tua risposta o contesa

La maggior parte degli scritti storici risponde a un problema, una domanda o un’affermazione. Prima di iniziare a scrivere dovresti avere un'argomentazione chiara, in altre parole, un argomento o una "risposta" che risponda alla domanda o all'affermazione.

In un saggio, la tua tesi deve essere espressa chiaramente nell'introduzione. Dovrebbe quindi essere rivisitato e riaffermato regolarmente nel corpo dei tuoi scritti, quindi reiterato nella conclusione.

La contesa è vitale per due ragioni. In primo luogo, mostra che hai contemplato la domanda e formato una risposta sicura e convincente. Secondo, la contesa dovrebbe servire come punto focale o "spina dorsale" di un saggio efficace o di una risposta estesa.

Piano e cartello

Il primo passo verso una scrittura ben organizzata ed efficace è un buon piano. Il secondo passo è segnalare mentre scrivi. Un cartello è una frase o una frase che mostra al lettore la direzione che prenderà la tua scrittura. La segnaletica può essere utilizzata ovunque nella tua scrittura, anche se di solito si trova nell'introduzione o nelle frasi tematiche (la frase di apertura di un paragrafo o di una sezione).

Esistono diversi modi per segnalare. Alcune indicazioni sono dirette e ovvie, ad esempio "Questo saggio inizierà esaminando i metodi di propaganda utilizzati dai nazisti prima di considerare i fattori alla base della loro ascesa al potere nel 1933".

Anche le domande retoriche possono fungere da indicatori, ad esempio: “Quali fattori portarono alla nomina di Hitler a cancelliere nel gennaio 1933?” Quando si discutono più punti, è possibile segnalare iniziando ogni frase con "Primo", "Secondo", "Terzo" e così via.

La segnaletica organizzerà le tue idee, preparerà il lettore a cosa aspettarsi e quindi migliorerà la struttura e la chiarezza del tuo saggio.

Sii chiaro, sicuro e diretto

Nella storia, lo stile e il tono della tua scrittura dovrebbero essere chiari e diretti al punto. Dovresti mirare a sembrare ben informato e fiducioso, anche se non lo sei.

Scrivi in ​​modo assertivo e diretto. Dichiara informazioni e argomentazioni come se fossero fuori dubbio. Evita un linguaggio fiorito o eccessivamente descrittivo, affermazioni vaghe o informazioni di base irrilevanti. Vai dritto al punto affrontando la domanda ed esponendo la tua tesi.

Usa frasi più brevi ove possibile. Scrivi con la voce attiva anziché con quella passiva. Rileggi attentamente il tuo lavoro e, se possibile, chiedi a qualcun altro di correggerlo per te. Un buon test per verificare la chiarezza di uno scritto è se può essere compreso appieno dopo una sola lettura: è questo il tuo caso?

Evitare iperbole e cliché

Iperbole (pronunciata alta Perba-lee) è un linguaggio esagerato, eccessivamente colorito o drammatico. Viene utilizzato per il colore o l'effetto piuttosto che per l'accuratezza storica. Esempi di iperbole potrebbero includere “George Washington era un colosso di uomo” o “la caduta della Bastiglia ha portato l’Europa a un punto morto”.

Una piccola iperbole può certamente aggiungere colore e stile alla scrittura, ma nella maggior parte dei casi sembra sciocca. Dovresti evitare di usare iperboli e diffidarne, in particolare durante la correzione di bozze del tuo lavoro finale. La migliore scrittura storica è convincente perché presenta prove, fatti e argomentazioni in modo calmo e razionale, non perché utilizza un linguaggio drammatico.

A cliché è un'espressione o una frase stanca e abusata. Maggior parte immagini sono iniziati come affermazioni creative e significative ma hanno perso significato o impatto nel tempo, solitamente a causa di un uso eccessivo.

Alcuni cliché comuni includono “dagli albori dell’uomo”, “appena in tempo”, “sopravvivenza del più adatto”, “la storia si ripete”, “buono come l’oro”, “il tempo vola” e “uncino, lenza e piombino”. Un elenco completo di immagini visita  clichésite.com.

È quasi impossibile scrivere senza cliché affatto, tuttavia, un saggio o un testo con troppo cliché suonerà non originale, privo di creatività e fastidioso. Diffidare di immagini e cerca di limitarli nella tua scrittura. È molto meglio sviluppare i propri modi di esprimere idee e informazioni.

Evita la generalizzazione

Una trappola comune nella scrittura storica è l’abitudine di generalizzare, soprattutto quando si parla di nazioni, società o altri grandi gruppi di persone.

Alcune generalizzazioni comuni includono affermazioni come “i nobili diffidavano del re”, “i contadini morivano tutti di fame”, “il popolo francese voleva riforme” o “la nazione si sollevò all’unisono”. Le persone non sono quasi mai così unite, né si comportano in modo così uniforme. Più grande è il gruppo, più è probabile che contenga condizioni, idee, opinioni, lealtà e interessi diversi.

Quando scrivi di un gruppo numeroso, assicurati di riconoscere che conteneva risposte, punti di vista e prospettive diverse. In questo modo eviterai la generalizzazione e conferirai alla tua scrittura maggiore profondità e complessità.

Scrivi come un personaggio neutrale, non come un personaggio

La scrittura storica dovrebbe dimostrare ricerca, analisi e prove, articolando al tempo stesso un argomento convincente. Non è un forum per la scrittura creativa o punti di vista personali.

Quando scrivi di storia, pensa a te stesso come a un giornalista che utilizza informazioni e fonti per spiegare un particolare problema o argomento. Cerca di evitare di impantanarti in fatti o storie irrilevanti solo perché sembrano interessanti.

Scrivi in ​​modo chiaro, obiettivo e spassionato. Evita di esprimere giudizi di valore o di usare etichette emotive come "malvagio", "contorto" o "ripugnante". Scrivi sempre in terza persona, come qualcuno che guarda l'argomento da una prospettiva neutra. Non scrivere mai in prima persona né usare frasi come "Penso ..." o "Secondo me ...".

Usa narrativa, analisi e prove

Una trappola comune nella scrittura per la storia non riesce a trovare un equilibrio tra narrazione (descrivendo cosa è successo) . (spiegando come o perché è successo e perché è stato significativo) e prova (informazioni da fonti primarie o secondarie che supportano la tua narrativa e analisi).

Intrecciare queste tre cose insieme non è un’abilità facile, ma è importante. Troppa narrazione farà sembrare la tua scrittura una storia o un pezzo descrittivo. Troppa analisi farà sembrare la tua scrittura "secca", astratta e contorta. La mancanza di prove farà sì che i tuoi scritti sembrino poco convincenti e privi di autorità.

Leggi alcuni paragrafi di uno storico rispettabile e pensa a come usano la narrativa, l'analisi e le prove. Sforzati di raggiungere lo stesso equilibrio nella tua scrittura, puntando a parti più o meno uguali per ciascuno.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Scrivere per la storia"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/writing-for-history/
Data di pubblicazione: 30 settembre 2019
Data di accesso: 12 Giugno 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.