Kristallnacht

Kristallnacht
Vetrine rotte dopo la Kristallnacht, 1938.

L'anno 1938 vide i nazisti intensificare la loro campagna contro gli ebrei tedeschi. Ciò culminò in una serie di rivolte violente e mortali che divennero note come Kristallnacht, "la notte dei vetri rotti".

sommario

A novembre i nazisti, agendo per ordine del capo della propaganda Joseph Goebbels, iniziarono una serie violenta e distruttiva di pogrom (rivolte antiebraiche) in gran parte della Germania.

Per diversi giorni, agenti e simpatizzanti nazisti hanno attaccato individui, comunità e imprese ebrei, provocando morte, ferite e danni significativi alla proprietà. Hanno dato fuoco a 200 sinagoghe, distrutto 7,000 aziende ebraiche e ucciso quasi 100 cittadini ebrei innocenti. Circa 30,000 persone sono state arrestate, arrestate e trasportate nei campi di concentramento.

Questa Kristallnacht I pogrom acquisirono il loro nome dalle finestre rotte e dai vetri che disseminavano le strade la mattina successiva. Mentre Kristallnacht non fu il primo attacco del movimento nazista agli ebrei tedeschi, segnò una drammatica escalation e un accenno minaccioso di ciò che stava per accadere.

Ernst Vom

Il pretesto per questa mazza contro gli ebrei tedeschi fu fornito dall'omicidio di un diplomatico nato a Francoforte, Ernst vom Rath.

Membro dell'NSDAP e della SA, vom Rath era impiegato presso l'ambasciata tedesca a Parigi. Il 7 novembre 1938, vom Rath fu fucilato da Herschel Grynszpan, un ebreo di 17 anni arrabbiato per la deportazione della sua famiglia dalla Germania in Polonia.

Mentre vom Rath giaceva ferito a morte in ospedale, il regime nazista lanciò una risposta immediata alla sua sparatoria: tutte le pubblicazioni ebraiche furono chiuse, mentre tutti i bambini ebrei furono banditi a tempo indeterminato dalle scuole tedesche. Gli accoliti di Hitler hanno rilasciato dichiarazioni pubbliche sostenendo che l'attacco a vom Rath faceva parte di una cospirazione ebraica. I leader nazisti locali hanno effettuato sporadici attacchi contro ebrei e proprietà ebraiche.

Il discorso di Goebbels

Il 9 novembre, vom Rath è morto per le ferite. Più tardi quel giorno, i membri della gerarchia nazista, tra cui Hitler e Goebbels, si incontrarono a Monaco per celebrare il 15 ° anniversario del Beer Hall Putsch. 

Hitler doveva tenere un discorso commemorativo, ma delegò il compito a Joseph Goebbels e se ne andò presto. Il capo della propaganda ha poi pronunciato uno dei discorsi antisemiti più caustici dell'era nazista, annunciando la morte di vom Rath e sostenendo che "gli ebrei dovrebbero sentire la rabbia del popolo".

Per molti aspetti, era un tipico discorso di Goebbels, ma poteva anche avere uno scopo politico. Goebbels era in disgrazia con Hitler dopo che la sua relazione con un'attrice di spicco era diventata di dominio pubblico e aveva minacciato il suo matrimonio (Hitler amava Magda Goebbels e disprezzava i matrimoni infedeli). Il discorso infiammatorio di Goebbels potrebbe essere stato un tentativo di ripristinare la fiducia di Hitler assecondando il suo antisemitismo.

Inizia la violenza

Quali che fossero le motivazioni di Goebbels, il suo discorso spinse i comandanti nazisti locali a prendere provvedimenti immediati. Con la rabbia ancora fermentata per la sparatoria di vom Rath, avevano bisogno di poco incoraggiamento.

Agli uomini sotto il loro comando fu ordinato di vestirsi in abiti civili, per dare l'impressione che ogni violenza fosse una rivolta civile spontanea. Dovevano distruggere sinagoghe ebraiche, attività commerciali e case, ma non rubarle.

Dovevano sequestrare documenti d'archivio e rotoli dalle sinagoghe e consegnarli ai funzionari del partito. Dovevano sequestrare fucili o armi di proprietà degli ebrei. Dovevano lasciare intatti gli edifici non ebrei e, a tutti i costi, evitare di molestare i non ebrei e gli stranieri. Dovevano riempire le celle della prigione locale con quanti più ebrei possibile.

Un'orgia di distruzione

Ciò che seguì fu un'orgia di distruzione che imperversò in Germania e Austria per tre giorni. Gli assalitori sono scesi nelle sinagoghe con torce, asce e mazze; testi sacri furono bruciati, cimiteri ebraici distrutti, tombe aperte e cadaveri contaminati. Le aziende ebraiche avevano tutte le finestre sfondate; i documenti sono stati bruciati e le scorte sono state distrutte.

Circa 24 ore dopo aver ordinato il pogrom, Goebbels scrisse nel suo diario:

“Si dovrebbe consentire alle manifestazioni di continuare. La polizia dovrebbe ritirarsi. Lascia che gli ebrei abbiano un assaggio della rabbia popolare. Ha ragione lui. Ho immediatamente incaricato il partito e la polizia di conseguenza. Poi ho tenuto un breve discorso in questo senso alla dirigenza del partito. Vivi applausi. Tutti vanno al telefono. Ora le persone agiranno. Vorrei tornare al mio hotel e vedere un bagliore rosso come il sangue. La sinagoga sta bruciando. Spegniamo gli incendi solo quando mettono in pericolo gli edifici adiacenti. In caso contrario, dovrebbero essere bruciati a terra. I rapporti arrivano da tutto il Reich: 50 sinagoghe, poi 70 sono in fiamme. Il Fuehrer ordinò l'arresto di 20,000 o 30,000 ebrei. La rabbia del pubblico si sta scatenando Devono avere la possibilità di sfogare la loro rabbia. Guidando verso l'hotel, le finestre vengono sfondate. Bravo, bravo. Le sinagoghe bruciano come grandi vecchie capanne. Non vi è alcun pericolo per la proprietà tedesca. Per il momento non c'è più niente da fare ".

Alle SS e alle SA è stato ordinato di non evitare la violenza fisica contro gli ebrei che non resistevano, ma quest'ordine è stato regolarmente violato. Un totale di 91 persone sono state uccise durante Kristallnacht. Una signora è stata uccisa da un soldato impaziente per non avergli detto la posizione di suo marito. Un rabbino ebreo è stato ucciso per aver insultato Goebbels. Altri furono bruciati vivi quando le loro case o le loro attività furono date alle fiamme.

Le SS arrestarono 30,000 ebrei, per lo più giovani in forma, e li spedirono nei campi di concentramento di Dachau, Buchenwald e Sachsenhausen. Circa 2,000 sono morti per torture e percosse in quei campi. I restanti sono stati rilasciati settimane dopo, a condizione che lasciassero la Germania.

risposte

La violenza si è placata nel pomeriggio dell'11 novembre, sempre a seguito di un ordine di Goebbels. Il governo nazista ha annunciato la sua intenzione di multare gli ebrei tedeschi per un totale di un miliardo Reichsmark per atti “destabilizzanti” che “sconvolgono l'ordine pubblico”.

I Kristallnacht la violenza è stata ampiamente riportata dalla stampa globale. In varia misura, Parigi, Londra e Washington hanno condannato il regime di Hitler per aver incitato e non riuscito a limitare le rivolte razziali.

La risposta dei comuni tedeschi è stata più interessante. Alcuni hanno certamente sostenuto il pogrom e hanno accolto favorevolmente ulteriori azioni forti contro gli ebrei, mentre altri sono stati indifferenti.

Ma c'erano anche critiche e condanne pubbliche Kristallnacht - almeno nella misura in cui tali cose erano possibili nella Germania di Hitler. Molti civili tedeschi erano pronti a tollerare misure legali e amministrative contro gli ebrei della nazione, ma rimasero inorriditi dalla violenza e dalla distruzione sfrenata del novembre 1938.

“La Kristallnacht è stata uno sviluppo monumentale nella politica antiebraica nazista per diversi motivi. È stato l'unico caso di violenza fisica pubblica e organizzata su larga scala contro gli ebrei in Germania prima della seconda guerra mondiale. Si è svolto all'aperto, in centinaia di comunità tedesche, anche quelle con pochissimi residenti ebrei, e si è svolto in parte in pieno giorno. Ha inaugurato la fase definitiva della cosiddetta arianizzazione: l'esproprio coatto di proprietà ebraico-tedesche ... [Era] il culmine di una traiettoria brutale ".
Alan E. Steinweis, storico

Kristallnacht

1. Kristallnacht ("notte di vetri rotti") si riferisce a tre giorni di violenza sponsorizzata dai nazisti contro gli ebrei tedeschi.

2. È stato innescato dal ministro della propaganda Goebbels, che ha chiesto un'azione contro gli ebrei in un discorso radiofonico 1938.

3. La maggior parte della violenza è stata condotta da nazisti mascherati da cittadini, per presentarla come una rivolta popolare.

4. Comprendeva principalmente attacchi alla proprietà, come la distruzione delle sinagoghe e delle attività proprie degli ebrei.

5. Migliaia di persone sono state anche arrestate Kristallnacht e internato in campi di concentramento.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Kristallnacht"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/kristallnacht/
Data di pubblicazione: 2 Agosto 2020
Data di accesso: 20 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.