Le origini dell'antisemitismo

origini dell'antisemitismo
Una rappresentazione di cattolici che bruciano copie del Talmud in 1242

L'antisemitismo è un'abietta paura o odio per il popolo ebraico. È diventata una delle forme di razzismo più durature e dannose nella storia umana. L'antisemitismo include, ma non si limita a, stereotipi razziali, discriminazione antiebraica e l'accettazione o la diffusione di teorie del complotto che coinvolgono gli ebrei.

origini

Le origini dell'antisemitismo sono profonde nella storia umana, risalenti all'epoca antica e medievale. Idee e pregiudizi antisemiti sono esistiti ovunque siano stati trovati ebrei - e anche, in alcuni casi, in luoghi dove sono assenti.

L'antisemitismo ha forme diverse e si esprime in modi diversi. È stato determinato da diversi fattori e condizioni - politici, religiosi, culturali, etnologici, sociali o economici - e ha raggiunto livelli di intensità variabili.

L'unico attributo comune dell'antisemitismo nel corso dei secoli è l'emarginazione o il prendere di mira gli ebrei spinti dalla paura o dall'odio.

Antico antisemitismo

Nei tempi antichi, l'antisemitismo era motivato principalmente da differenze etniche e culturali.

In diversi momenti della storia, i Greci e i Romani hanno preso di mira gli ebrei non per le loro credenze religiose ma per la loro presunta riluttanza ad adattarsi o assimilarsi. Alcuni governanti, come l'imperatore Tiberio di Roma, tentarono di forzare l'assimilazione ordinando la coscrizione di giovani ebrei nelle legioni di Roma.

Successivamente i governanti romani permisero e talvolta incoraggiarono anche le pratiche culturali e religiose ebraiche. L'ascesa di Costantino, il primo imperatore cristiano di Roma, pose fine a questa tolleranza e diede origine a una forma più pungente di pregiudizio antiebraico. Da quel momento l'antisemitismo fu alimentato non solo da fattori culturali ma da divisioni e tensioni religiose.

L'emergere del cristianesimo

Il cristianesimo iniziò come una setta del giudaismo piuttosto che come una religione separata. Nei decenni successivi alla morte di Cristo, sono emerse alcune differenze teologiche e ideologiche critiche tra cristiani ed ebrei. I cristiani, ad esempio, affermavano che Gesù Cristo era il Messia o Figlio di Dio; I teologi ebrei lo rifiutarono e affermarono che Cristo era mortale.

Il Nuovo Testamento, gran parte del quale è stato scritto nel I secolo d.C., è ampiamente interpretato come un rifiuto del giudaismo e delle sue credenze fondamentali. Nel II secolo d.C., il cristianesimo si era allontanato e si era rivoltato contro il giudaismo, la religione madre.

Alcuni importanti pensatori del cristianesimo primitivo hanno offerto una pericolosa accusa: che gli ebrei della Giudea avevano consegnato Cristo a Ponzio Pilato e sostenuto la sua crocifissione, quindi erano responsabili della sua morte.

Il Medioevo

Nell'Europa medievale, dominata dal cristianesimo, queste accuse di deicidio ("omicidio di Dio") hanno avuto un profondo impatto sulla percezione e sul trattamento degli ebrei. Questi pregiudizi furono infiammati da molti importanti teologi cristiani che espressero idee antisemite nei loro insegnamenti. 

Uno degli antenati della chiesa cristiana, Agostino di Ippona (inizi del V secolo d.C.) descrisse gli ebrei come un popolo "vergognoso", maledetto da Dio a vagare per la Terra per l'eternità. Cristo era stato uno di loro, scriveva Agostino, eppure lo abbandonarono ai romani e lo applaudirono mentre veniva condannato, brutalizzato e giustiziato.

San Tommaso d'Aquino, scrivendo a metà del 1200, sosteneva che gli ebrei dovrebbero essere sfruttati ma non assassinati:

“Sarebbe appropriato tenere gli ebrei, a causa del loro crimine, in perenne servitù (schiavitù). Pertanto i principi possono considerare i possedimenti degli ebrei come appartenenti allo stato. Tuttavia, devono usarli con una certa moderazione e non privare gli ebrei delle cose necessarie alla vita ".

Il 'popolo eletto'

Un altro fattore nelle tensioni ebraico-cristiane era una dichiarazione, fatta sia nella Torah che nelle scritture rabbiniche, che gli ebrei erano il "popolo eletto" di Dio. Deuteronomio 14: 2, ad esempio, dice che gli ebrei sono "un popolo santo ... Dio ti ha scelto per essere il Suo popolo prezioso, da tutte le nazioni che sono sulla faccia della Terra".

I teologi cristiani medievali consideravano questo arrogante e blasfemo, un suggerimento secondo cui gli ebrei si credevano superiori ai gentili (non ebrei).

Durante il Medioevo - quando gli ebrei furono esposti a molestie, emarginazioni e persecuzioni - le comunità ebraiche divennero naturalmente difensive, ritirate e isolate. Comprensibilmente, gli ebrei si tenevano per sé, le loro famiglie e le loro comunità.

Dove c'era interazione tra cristiani ed ebrei, di solito era transazionale, confinata agli affari o al commercio. Molti interpretarono questa insularità e isolamento sociale come una prova che gli ebrei si ponevano al di sopra dei cristiani.

Capri espiatori

Un'altra causa prevalente dell'antisemitismo è che gli ebrei hanno spesso fatto dei capri espiatori convenienti per una pletora di problemi o disastri.

In epoca antica e medievale, eventi disastrosi come pandemie, insuccessi dei raccolti o condizioni meteorologiche estreme non potevano essere spiegati scientificamente. Invece, sono stati considerati atti di intervento divino, magia o stregoneria.

La colpa di queste avversità o disastri spesso ricadeva sugli ebrei. I bambini scomparsi erano quasi invariabilmente preda dei rabbini ebrei e dei sacrifici rituali. La peste nera era opera di avvelenatori ebrei. I raccolti sono falliti a causa del sabotaggio ebraico. Gli aumenti dei prezzi sono stati il ​​risultato di una cospirazione ebraica.

Queste teorie del complotto erano spesso supportate da insegnamenti religiosi. Tollerare la presenza degli ebrei e della loro religione eretica in una comunità cristiana, sostenevano alcuni, incorrerebbe nell'ira di Dio.

Forme moderne

Il medievismo alla fine svanì quando l'Illuminismo (metà del 1600) e l'ascesa della scienza iniziò a fornire spiegazioni razionali per eventi come i disastri naturali. Ma anche quando il mondo moderno ha cominciato a emergere, gli ebrei europei non sono stati in grado di liberarsi di questo ruolo di capri espiatori. Gli ebrei hanno continuato a esistere come un "altro" significativo, vivendo e lavorando tra i cristiani in Europa, ma mai pienamente accettati o compresi da loro.

Gli antichi odi medievali degli ebrei come assassini di Cristo, eretici, sovversivi, intriganti e truffatori furono diluiti nel tempo, ma non furono mai sradicati. L'antisemitismo poteva sempre essere trovato da qualche parte, sia mormorato negli angoli di oscure taverne, sepolto nelle prediche dei ministri cristiani o sussurrato nei corridoi del potere.

Come tutti gli odi oscuri e radicali, l'antisemitismo è spesso riemerso in tempi e condizioni difficili, fluttuando come una spiegazione per cose che non potevano essere adeguatamente spiegate.

“L'uccisione di Cristo di cui gli ebrei sono stati accusati per secoli non è solo un'idea teologica lontana e astratta. È una storia ripetuta all'infinito dall'infanzia in poi, completata da un numero infinito di immagini sacre ... È la storia, soprattutto, di un tradimento, un tradimento per denaro. Il messaggio che trasmette è molto chiaro: l'ebreo è avido e traditore, cospira alle spalle dei suoi benefattori. Questa immagine di Giuda - una corruzione di una figura religiosa - "spiega" la vera natura dell'ebreo per l'antisemita. I "Giuda" non si dedicano a professioni rapaci che sfruttano i poveri ei bisognosi? Non sono molti gli usurai [prestatori di denaro] ebrei? "
Roberto Finzi, storico

origini dell'antisemitismo

1. L'antisemitismo è una paura irrazionale o un odio per il popolo ebraico. Le sue origini risalgono ai tempi antichi e medievali.

2. Nell'antica Grecia e Roma, gli ebrei furono presi di mira e perseguitati per le loro differenze sociali e culturali.

3. Lo sviluppo del cristianesimo ha dato origine a divisioni teologiche e all'accusa che gli ebrei avevano ucciso Cristo.

4. Durante il Medioevo, gli ebrei divennero comodi capri espiatori e furono accusati di una serie di problemi o disastri.

5. Sebbene abbiano causato meno violenza e abietto alle persecuzioni, queste idee antisemite sono sopravvissute nel mondo moderno.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Le origini dell'antisemitismo"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/origins-of-anti-semitism/
Data di pubblicazione: Luglio 21, 2020
Data di accesso: October 02, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.