La calunnia

diffamazione del sangue

Al centro dell'antisemitismo medievale - e ancora occasionalmente trovato in alcune forme moderne - c'era un'oscura teoria del complotto chiamata "diffamazione di sangue". È un'affermazione infondata ma diffusa che gli ebrei si impegnino nel rapimento, nella tortura e nel sacrificio di bambini cristiani.

teorie

Le ragioni per cui gli ebrei si impegnano in questi presunti omicidi di bambini variavano, anche se in molti casi si dice che il sangue della vittima venga utilizzato per usi rituali o cerimoniali.

Il sangue dei bambini cristiani vergini, secondo i teorici della cospirazione medievale, era molto apprezzato dagli ebrei. In alcune storie antisemite, userebbero il sangue raccolto da questi sacrifici per fare il loro matzoh (pane azzimo).

In altri racconti, si diceva che gli anziani ebrei bevessero sangue per schernire l'Eucaristia cristiana (il bere del vino che rappresenta il sangue di Cristo). In varie interpretazioni della diffamazione di sangue, la giovane vittima viene dissanguata, sventrata, scorticata, crocifissa, contrassegnata con stimmate (le ferite di Cristo) o coperte con una corona di spine.

Origini

Sebbene le origini della diffamazione del sangue non siano note, probabilmente risale a tempi antichi in cui gli ebrei venivano demonizzati con accuse di sacrificio rituale. Alcuni cronisti li hanno persino accusati di aver ucciso i propri figli. La storia biblica di Abramo, che era disposto a sacrificare suo figlio Isacco a Dio, a volte viene offerta a sostegno di questa teoria.

In realtà, non esiste una tradizione storica o scritturale del sacrificio umano nel giudaismo. L'omicidio è esplicitamente vietato nella Torah mentre le leggi alimentari ebraiche (kashrut) vietano il consumo di qualsiasi tipo di sangue.

Secondo kashrut, la carne animale deve essere ritualmente macellata e drenata da tutto il sangue (shechità) prima che possa essere macellato e preparato per il consumo umano.

I primi conti

I partecipanti alla prima crociata (tardo XI secolo) potrebbero aver introdotto in Europa storie di sacrifici ebraici e omicidi rituali. Uno dei primi resoconti documentati risale al 11, quando un ragazzo inglese, Guglielmo di Norwich, sarebbe stato rapito e ucciso dagli ebrei.

Secondo la leggenda, Guglielmo fu torturato e crocifisso, con la fronte lacerata come uno scherno delle ferite inflitte a Cristo dalla sua corona di spine. I rapitori di William avrebbero prosciugato il suo corpo di sangue, che bevevano o usavano per fare il pane.

Sebbene nulla di tutto ciò fosse supportato da prove, e il racconto fu successivamente respinto dal Papa, la storia di Guglielmo di Norwich divenne un mito orale che durò per generazioni.

Esempi di diffamazione di sangue

Alcuni altri esempi della calunnia includono:

1181, Bury St Edmunds, Suffolk

È stato trovato il corpo di un ragazzino di nome Robert. Secondo alcuni rapporti, era stato assassinato ritualmente il Venerdì Santo. La morte di Robert ha innescato un pogrom contro gli ebrei locali. Più di 50 sono stati uccisi e il resto è stato espulso dall'area.

1181, Francia rurale

Tre ragazzi sono scomparsi dopo essere stati visti l'ultima volta su un fiume ghiacciato. Secondo le testimonianze di alcuni, i ragazzi sono stati massacrati da un gruppo di ebrei. Più di 300 ebrei furono bruciati sul rogo. I corpi dei tre ragazzi sono stati recuperati in primavera; erano stati annegati, non assassinati ritualmente.

1250, Zaragosa, Spagna nord-orientale

La scomparsa di un giovane corista, Dominguito de Val, è stata immediatamente accusata della comunità ebraica locale. Secondo la leggenda, Dominguito fu sacrificato perché cantò inni cristiani per le strade, un atto che fece infuriare i venditori ambulanti ebrei. Secondo quanto riferito, una congrega di ebrei uccise Dominguito e gettò il suo cuore nel fiume della città. Sedici ebrei furono impiccati e altri perseguitati, nonostante non ci fossero prove del corpo di Dominguito o del suo destino.

1255, Lincoln, Inghilterra settentrionale

Il corpo di un bambino di nove anni di nome Hugh è stato trovato in fondo a un pozzo. Un ebreo locale è stato arrestato e ha confessato il suo omicidio, probabilmente sotto tortura. Il "crimine" fornì al re inglese, Enrico III, un pretesto per arrestare ricchi ebrei e sequestrare le loro proprietà. Diverse dozzine di ebrei furono detenuti nella Torre di Londra; 18 sono stati impiccati per essersi rifiutati di partecipare a un'indagine sugli omicidi rituali. Il "Piccolo Ugo di Lincoln" fu portato di corsa alla santità, anche se questo non fu mai formalmente approvato dalla Chiesa cattolica.

1287, Oberwesel, Germania occidentale

Il corpo di un adolescente di nome Werner è stato scoperto mentre galleggiava nel Reno. La sua morte è stata attribuita agli ebrei, che hanno subito anni di violenza e persecuzione, nonostante le ripetute richieste di calma da parte dei governanti locali. Sette anni dopo, anche gli ebrei di Berna furono accusati della morte di un bambino di nome Rudolph.

1475, Trento, Italia

Un bambino di due anni di nome Simeone scomparve in un momento in cui il sentimento antiebraico era al suo apice. Gli ebrei locali furono immediatamente accusati della scomparsa di Simon. I leader ebrei furono arrestati, detenuti e torturati; alcuni di loro hanno confessato sotto tortura. Quindici ebrei furono giustiziati, mentre Simeone - come altre "vittime" di presunti omicidi rituali - fu portato di corsa alla santità.

1529, Bazin, Ungheria

La scomparsa di un bambino di nove anni ha innescato rivolte antiebraiche. Trenta ebrei vengono radunati e bruciati sul rogo, dopo aver confessato sotto tortura l'omicidio del ragazzo. Il ragazzo fu poi ritrovato vivo e vegeto; era stato rapito da un uomo del posto che doveva ingenti somme a prestatori di denaro ebrei.

Ispirazione per i pogrom

Nel XIV secolo, la diffamazione del sangue fu accettata come un fatto in gran parte dell'Europa. Ogni volta che un bambino scompariva o veniva trovato assassinato, la prima ombra di sospetto cadeva sulle vicine popolazioni di ebrei.

Le diffamazioni di sangue hanno innescato dozzine di pogrom e campagne antiebraiche in tutta Europa, in particolare in Spagna, Francia, Stati tedeschi e Russia.

In varie occasioni, la diffamazione del sangue è stata respinta dalla Chiesa cattolica. Altre volte, è stato attivamente sostenuto dal papa, da membri dell'alto clero o da agenti della chiesa, come l'Inquisizione spagnola.

Sebbene ci fossero meno casi di diffamazione di sangue durante la Riforma e l'inizio dei periodi moderni, almeno otto diversi resoconti furono registrati durante il 1800 (vedi XNUM Antisemitismo del X secolo).

“La storia inizia con la scoperta del corpo di un bambino. Più comunemente è un maschio, anche se occasionalmente potrebbe essere più di un bambino o una femmina. Il corpo potrebbe essere scoperto in un canale di scolo delle fognature, forse in un bosco. L'ambiente è generalmente una città medievale. Il bambino è cristiano ed è giovane. Potrebbe avere due anni o dodici. Potrebbe essere scomparso per giorni o solo dall'oggi al domani. Ma la scoperta del corpo è solo l'inizio. "
Hannah Johnson, storica

diffamazione del sangue

1. La diffamazione del sangue è un mito a lungo sopravvissuto che suggerisce che gli ebrei rapiscano e uccidano bambini cristiani.

2. Secondo questo mito, lo fanno per usare il sangue cristiano, sia come cibo che per scopi rituali.

3. Sebbene questo mito non sia supportato da prove, è stato ampiamente accettato come fatto durante il Medioevo.

4. Numerosi casi di bambini scomparsi o uccisi furono accusati di ebrei, che furono presi di mira in risposta.

5. La calunnia è sopravvissuta al 19th e persino al 20th secoli, in particolare in Russia e nell'Europa orientale.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La diffamazione del sangue"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/the-blood-libel/
Data di pubblicazione: Luglio 23, 2020
Data di accesso: 26 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.