La giustizia di Clemenceau verrà pronunciata sulla Germania (1919)

Il primo ministro francese Georges Clemenceau, che era stato uno dei principali negoziatori alla conferenza di pace di Parigi a 1919, ha pronunciato le seguenti osservazioni sulla Germania nel giugno di quell'anno:

“Dal punto di vista delle potenze alleate e associate, la guerra iniziata il 1 ° agosto 1914 fu il più grande crimine contro l'umanità e la libertà dei popoli che qualsiasi nazione, definendosi civilizzata, abbia mai coscientemente commesso. Per molti anni i governanti della Germania, fedeli alla tradizione prussiana, lottarono per una posizione di dominio in Europa. Non erano soddisfatti di quella crescente prosperità e influenza a cui la Germania aveva diritto, e che tutte le altre nazioni erano disposte a concederle, nella società dei popoli liberi ed eguali. Richiedevano che fossero in grado di comandare e tiranneggiare a un'Europa sottomessa, come dettavano e tiranneggiavano su una Germania sottomessa.

La responsabilità della Germania, tuttavia, non si limita ad aver pianificato e iniziato la guerra. Non è meno responsabile del modo selvaggio e disumano in cui è stato condotto.

Sebbene la Germania fosse lei stessa un garante del Belgio, i sovrani tedeschi violarono, dopo una solenne promessa di rispettarla, la neutralità di questo popolo incriminato. Non contenti di ciò, fecero deliberatamente una serie di sparatorie e ustioni promiscui con l'unico scopo di terrorizzare gli abitanti in sottomissione con la stessa spaventosità della loro azione. Furono i primi a usare gas velenoso, nonostante la terribile sofferenza che comportava. Cominciarono i bombardamenti e i bombardamenti a lunga distanza delle città per nessun oggetto militare, ma solo allo scopo di ridurre il morale dei loro avversari colpendo le loro donne e i loro bambini. Cominciarono la campagna sottomarina con la sua sfida piratica al diritto internazionale e la sua distruzione di un gran numero di passeggeri e marinai innocenti, nel mezzo dell'oceano, lontano dal soccorso, in balia dei venti e delle onde, e il sottomarino ancora più spietato equipaggi. Hanno portato migliaia di uomini, donne e bambini con brutale ferocia in schiavitù in terre straniere. Permettevano di praticare le barbarie contro i loro prigionieri di guerra da cui le persone più incivili si sarebbero ritirate.

La condotta della Germania è quasi inesplorata nella storia umana. La terribile responsabilità che si trova alle sue porte può essere vista nel fatto che non meno di sette milioni di morti sono sepolti in Europa, mentre più di venti milioni di altri portano su di sé le prove di ferite e sofferenze perché la Germania ha ritenuto opportuno gratificare la sua brama di tirannia di ricorso alla guerra.

Le potenze alleate e associate credono che saranno false per coloro che hanno dato il massimo per salvare la libertà del mondo se acconsentono a trattare questa guerra su qualsiasi altra base che come un crimine contro l'umanità. La giustizia, quindi, è l'unica base possibile per la risoluzione dei conti di questa terribile guerra. La giustizia è ciò che la delegazione tedesca chiede e afferma che la Germania era stata promessa. La giustizia è ciò che la Germania dovrà avere. Ma deve essere giustizia per tutti. Ci deve essere giustizia per i morti e i feriti e per coloro che sono rimasti orfani e in lutto affinché l'Europa possa essere liberata dal dispotismo prussiano. Ci deve essere giustizia per i popoli che ora vacillano sotto debiti di guerra che superano £ 30,000,000,000 affinché la libertà possa essere salvata. Ci deve essere giustizia per quei milioni di persone le cui case e terre, navi e proprietà hanno fermentato e distrutto la barbarie tedesca.

Questo è il motivo per cui le potenze alleate e associate hanno insistito come caratteristica cardine del Trattato che la Germania deve impegnarsi a riparare al massimo delle sue capacità; perché la riparazione dei torti inflitti è l'essenza della giustizia. Questo è il motivo per cui insistono sul fatto che quegli individui che sono i più chiaramente responsabili dell'aggressione tedesca e di quegli atti di barbarie e disumanità che hanno disonorato la condotta tedesca della guerra, devono essere consegnati a una giustizia che non è stata loro soddisfatta in casa. Anche per questo motivo la Germania deve sottoporsi per alcuni anni a determinate disabilità e disposizioni speciali.

La Germania ha rovinato le industrie, le miniere e le macchine dei paesi vicini, non durante la battaglia, ma con lo scopo deliberato e calcolato di consentire alle sue industrie di impossessarsi dei loro mercati prima che le loro industrie potessero riprendersi dalla devastazione così arbitrariamente inflitta loro. La Germania ha spogliato i suoi vicini di tutto ciò di cui poteva usare o portare via. La Germania ha distrutto la navigazione di tutte le nazioni in alto mare, dove non c'erano possibilità di soccorso per i loro passeggeri ed equipaggi. È solo per la giustizia che dovrebbe essere fatta la restituzione e che questi popoli offesi dovrebbero essere salvaguardati per un certo periodo dalla concorrenza di una nazione le cui industrie sono intatte e sono state persino fortificate da macchinari rubati ai territori occupati ".