L'ammutinamento di Kiel

ammutinamento di kiel
Operai e marinai ammutinati si radunano a Kiel nel 1918

L'ammutinamento di Kiel fu una ribellione anti-governativa scoppiata tra i marinai tedeschi verso la fine del prima guerra mondiale. Si trasformò rapidamente in una fiorente rivoluzione e contribuì all'abdicazione di Kaiser Wilhelm II.

sfondo

Nel settembre 1918, i generali tedeschi si erano rassegnati al fatto che non potevano vincere la guerra. In ottobre, Wilhelm II ha nominato Principe Max von Baden, un minore reale di opinioni politiche liberali, come suo cancelliere. Questa nomina, si sperava, avrebbe facilitato i negoziati di armistizio con gli alleati, in particolare gli americani, che erano visti come più propensi a un accordo di pace.

Il giorno dopo la sua nomina, von Baden ha contattato il presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson con aperture di pace. All'inizio, Wilson era pronto a mediare un cessate il fuoco, fino a quando Londra e Parigi non si resero conto delle sue azioni e si opposero. Il 23 ottobre a von Baden fu detto che nessun armistizio sarebbe stato possibile senza una resa tedesca incondizionata.

Mentre von Baden stava lavorando per negoziare un cessate il fuoco, gli U-Boot tedeschi continuavano la loro aggressione contro il trasporto mercantile alleato. Tre navi alleate furono attaccate nell'ottobre 1918, un altro fattore nel rifiuto alleato di accettare qualsiasi termine diverso dalla resa totale.

Fallimenti navali

A parte la sua campagna sottomarina, l'ammiragliato tedesco aveva subito una serie di fallimenti durante la guerra. La flotta del Kaiser aveva trascorso la maggior parte del conflitto nel porto di Wilhelmshaven e Kiel, incassata da navi e mine alleate. L'unico grande impegno navale europeo della guerra, la Battaglia dello Jutland (1916), non fece nulla per intaccare il dominio della Royal Navy britannica.

Con la fine della guerra, l'Ammiragliato tedesco diede ordini per un'ultima grande battaglia nel Mare del Nord. Due gruppi di cacciatorpediniere tedeschi si sarebbero staccati dal porto e avrebbero bombardato la costa francese e britannica, invitando le navi alleate a rispondere.

Una volta allo scoperto, queste navi alleate sarebbero state attaccate dagli U-Boot tedeschi e dal resto della flotta del Kaiser. Sarebbe "una battaglia onorevole", secondo l'ammiraglio Reinhard Scheer, "anche se diventasse una lotta mortale".

Il Piano 19 "missione suicida"

Il piano operativo 19, come veniva chiamato, aveva poche possibilità di successo. La marina tedesca, nonostante tutta la sua ingegnosità e la forza degli U-Boot, era irrimediabilmente in inferiorità numerica e sorpassata dalla flotta alleata, che comprendeva navi britanniche, del Commonwealth britannico, francesi e americane.

Gli ufficiali tedeschi sembravano accettare e persino apprezzare questa ultima missione suicida. Dopo aver ricevuto i loro ordini, alcuni sono stati visti brindare gioiosi all'imminente battaglia e alla “morte del Kaiserliche Marine”.

Gli uomini arruolati della marina tedesca, tuttavia, risposero in modo molto diverso. Pochi erano interessati a sacrificare la propria vita nelle gelide acque del Mare del Nord, in modo che l'Ammiragliato potesse ripristinare parte del suo prestigio perduto.

La rivolta scoppia

Il 29 ottobre, i marinai a bordo di due grandi navi a Kiel non sono riusciti a tornare dal congedo a terra. Nel giro di poche ore, la rivolta si era estesa a diverse corazzate e incrociatori.

Questo crescente ammutinamento costrinse l'Ammiragliato ad abbandonare il Piano Operativo 19. Invece, tentarono di disperdere gli ammutinati, trasferendo le navi in ​​difficoltà in altri porti tedeschi. Questa strategia divide et impera è fallita. Entro 48 ore, l'ammutinamento si era diffuso ad altri porti e stazioni navali.

Il 3 novembre i marinai di Kiel, raggiunti dai lavoratori della vicina città, hanno arrestato i loro ufficiali e preso il controllo delle loro navi. Formarono anche consigli eletti, non dissimili dai "soviet operai" che avevano fatto precipitare la rivoluzione russa l'anno precedente.

Un elenco di richieste

Facendo eco al piano di pace in 14 punti del presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson, gli ammutinati di Kiel hanno redatto la loro lista di richieste, i primi sei punti sono:

“1. Il rilascio di tutti i detenuti e prigionieri politici.
2. Completa libertà di parola e stampa.
3. L'abolizione della censura della posta.
4. Trattamento adeguato degli equipaggi da parte dei superiori.
5. Nessuna punizione per i compagni che ritornano alle navi e alle caserme.
6. Nessun varo della flotta in nessuna circostanza. "

Con il passare dei giorni, l'ammutinamento di Kiel si diffuse in tutta la Germania. Ha anche adottato un tono decisamente politico.

La comunità diventa rivoluzione

cartolina di ammutinamento di kiel
Una cartolina che celebra la rivoluzione che scoppia a Kiel

Quella che era iniziata come una rivolta contro gli ordini navali suicidi si era rapidamente trasformata in una vera e propria rivoluzione politica. I consigli dei lavoratori ad Amburgo, Brema, Lubecca, Monaco e altre città hanno chiesto riforme politiche. Includevano l'abdicazione del Kaiser e dei principi locali, la fine del privilegio aristocratico, il rafforzamento del Reichstag e l'attuazione delle politiche socialiste.

Il 7 novembre, Bavaria's Re Ludwig III fuggì in Austria per paura della sua vita; in seguito cedette il suo potere a un governo repubblicano. Ludwig non sarebbe stato l'ultimo né il più importante reale tedesco ad essere detronizzato. Due giorni dopo, lo stesso Kaiser fu costretto a lasciare il potere, dando inizio alla transizione della Germania al governo repubblicano.

Il punto di vista di uno storico:
“È difficile accertare con certezza se i marinai ei soldati si siano identificati con un partito socialista. Hanno innalzato le solite bandiere rosse, ma quelle bandiere avevano la stessa probabilità di rappresentare una repubblica borghese e migliori condizioni di vita come per la creazione di un ordine socialista vagamente concepito. Ciò che è chiaro è che l'ammutinamento di Kiel fu la raffica di apertura di un periodo di intensi disordini sociali nell'Europa centrale che sarebbe continuato fino al 1923, durante il quale il destino dell'Europa stessa sembra essere in bilico ".
Murray Bookchin

larghezza ammutinamento kiel =

1. Alla fine dell'ottobre 1918, alle navi da guerra tedesche, che avevano avuto una piccola parte nella prima guerra mondiale, fu dato l'ordine di istigare un'ultima grande battaglia nel Mare del Nord.

2. La notizia di questa apparente missione suicida, soprannominata Piano Operativo 19, diede origine a un fiorente ammutinamento tra i ranghi arruolati di stanza a Kiel.

3. Il giorno in cui doveva iniziare l'attacco, migliaia di marinai delle navi da guerra di stanza a Kiel si rifiutarono di tornare alle loro navi, scatenando un ammutinamento.

4. L'ammutinamento di Kiel crebbe rapidamente, attirando lavoratori, soldati e altri marinai e diffondendosi in basi militari e città in varie località della Germania.

5. I consigli politici formati a seguito di Kiel chiedevano riforme repubblicane e socialiste. Ciò ha portato all'abdicazione di diversi reali tedeschi, tra cui il Kaiser Wilhelm II.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "L'ammutinamento di Kiel"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/weimarrepublic/kiel-mutiny/
Data di pubblicazione: 8 settembre 2019
Data di accesso: Data odierna
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.