Altri partiti politici di Weimar

partiti politici weimar
Un diagramma che mostra la rappresentanza del partito al Reichstag

La Germania del dopoguerra era così instabile e politicamente fertile che diede origine a molti gruppi e movimenti diversi. Mentre il Partito socialdemocratico (SPD) e Partito centrale dominato il Reichstag, c'erano molti altri importanti partiti politici di Weimar.

Un periodo politicamente fertile

Questo aumento dell'attività e dell'organizzazione politica è comprensibile. La Germania era una nazione in continuo mutamento e trasformazione. Ha dovuto affrontare molte sfide, sia interne che esterne. Quattro anni di guerra avevano prodotto più domande che risposte. C'era anche interesse per idee politiche emergenti come il socialismo e il fascismo.

Con la rimozione dell'autoritario regime di Wilhelmine, i tedeschi erano curiosi della direzione politica che la loro nazione avrebbe preso. Inoltre, il Costituzione di Weimar e il sistema elettorale ha incoraggiato la formazione e la partecipazione di partiti politici, indipendentemente dalle loro dimensioni. Un partito doveva solo raccogliere da 50,000 a 60,000 voti per vincere un seggio e avere una voce nell'assemblea nazionale.

Alcuni dei partiti più noti, elencati in ordine di formazione, includevano:

Partito popolare nazionale tedesco (DNVP)

partito politico dnvp
Un poster DNVP che evidenzia la vecchia bandiera rossa, bianca e nera della Germania imperiale

Formato nel 1918 da una coalizione di piccoli partiti di destra, il DNVP abbracciava forti politiche e valori conservatori.

Nei suoi primi anni, il DNVP si è opposto alla costituzione di Weimar e al nuovo sistema politico. Ha chiesto la restaurazione della monarchia e un governo autoritario.

I migliori risultati elettorali del partito furono nel 1924, quando sfruttò la miseria del Occupazione della Ruhr che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana iperinflazione vincere 103 su 493 possibili Reichstag posti a sedere. Il DNVP era una forza politica ostinata, tuttavia, e ha rifiutato di partecipare ai governi di coalizione.

A metà degli anni '1920, il DNVP si presentò come un partito "senza classi", fondando sindacati di partito e facendo appello agli agricoltori tedeschi. La direzione del partito e la maggior parte dei suoi membri, tuttavia, provenivano dalle classi alte e medie.

La maggior parte dei leader del DNVP erano aristocratici, uomini d'affari, industriali ed ex militari - gruppi che nutrirono la più forte opposizione al governo di Weimar, il Trattato di Versailles e lo stato economico disperato della Germania. La teoria della pugnalata alle spalle era diffusa nei ranghi del DNVP, così come lo era l'antisemitismo e le voci di controrivoluzione di destra.

Partito popolare tedesco (DVP)

poster dvp
Un poster che pubblicizza il DVP come "il partito della borghesia"

Formato nel 1918 da un gruppo prussiano, il DVP era il partito di Gustav Stresemann. Per gran parte della sua vita politica, ha rispecchiato le opinioni e i valori di Stresemann.

Il DVP iniziò come un partito nazionalista, conservatore, pro-industriale e antisocialista che era in gran parte sprezzante nei confronti della Repubblica. I suoi membri più influenti erano capitalisti industriali e uomini d'affari che volevano un governo più forte e autoritario per proteggere i loro interessi aziendali.

Sotto l'influenza di Stresemann, tuttavia, il DVP si è addolcito. Ha formato un rapporto di lavoro efficace con altri Reichstag partiti, formando una coalizione di lunga data con il partito di centro e l'SPD. Favorì anche una revisione del trattato di Versailles, piuttosto che la sua totale abolizione. 

Il DVP godette di un consistente successo elettorale durante gli anni '1920, vincendo tra i 30 ei 65 anni Reichstag seggi in cinque diverse elezioni federali. La morte di Stresemann ha visto il DVP tornare ai suoi vecchi valori di destra, ma alla fine degli anni '1920 questo terreno era già ben occupato da NSDAP e DNVP. Alle elezioni del luglio 1932, il DVP ne tenne solo sette Reichstag posti a sedere.

Partito democratico tedesco (DDP)

poster ddp
Un poster DDP ridicolo altre parti tra cui il KDP (a destra) e NSDAP (a sinistra)

Fondato nel 1918, il DDP aveva tensioni nazionaliste, con molti dei suoi membri che si opponevano al trattato di Versailles e ai pagamenti delle riparazioni. Nonostante ciò, era principalmente un partito di centro-sinistra, la maggior parte dei suoi valori e delle sue politiche erano liberali o socialdemocratici.

I membri del DDP hanno sostenuto l'esistenza della Repubblica di Weimar, della Società delle Nazioni e dei diritti delle minoranze etniche (in contrasto con l'antisemitismo riscontrato nella maggior parte dei partiti di destra). Ha sollecitato il sostegno del governo sia al capitale che al lavoro e alle politiche estere per facilitare il ritorno della Germania nella comunità europea.

Il DDP vinse 39 seggi nel 1920 Reichstag ma il numero del partito diminuì costantemente durante il periodo di Weimar. Nel luglio 1932, il partito aveva solo quattro seggi.

Nonostante le sue piccole dimensioni, il DDP ha contribuito con diversi importanti ministri di Weimar, compreso il ministro degli esteri assassinato Walther Rathenau e il ministro della Difesa di lunga data Otto Gessler.

Partito popolare bavarese (BVP)

Il BVP era la sezione bavarese del Center Party. Iniziò come una fazione ma si staccò per diventare indipendente nel 1920. Il BVP era più conservatore del suo partito genitore. Era fermamente filo-cattolico, antisocialista e concentrato su interessi specifici della Baviera.

Il BVP ha naturalmente ottenuto il suo sostegno elettorale dalla Germania meridionale. È stato costantemente rappresentato in Reichstag, vincendo tra i 16 ei 22 seggi ad ogni elezione, ma non ha mai minacciato di diventare una forza nazionale.

All'inizio degli anni '1930, il BVP aveva sostenuto il NSDAP, chiedendo un governo di coalizione guidato da Hitler.

Feste marginali

Si potrebbero anche trovare diversi partiti minori che fanno campagna o occupano nel Reichstag. Questi partiti marginali tendevano a rappresentare gruppi, religioni, interessi economici o regionali specifici.

Tra questi partiti minori c'erano la Lega dei contadini bavaresi, la Lega dell'agricoltura, il Partito tedesco degli agricoltori, il Partito economico delle classi medie, il Partito del Reich per i diritti civili e il Servizio popolare sociale cristiano.

Questi gruppi ne tenevano solo una manciata Reichstag posti a sedere, quindi la loro influenza era solitamente minima. Occasionalmente si raggruppavano e formavano coalizioni temporanee per sostenere o opporsi alla legislazione.

Il punto di vista di uno storico:
“Il ruolo dei partiti scheggiati nel periodo di Weimar è spesso molto esagerato. Il funzionamento del sistema parlamentare è stato meno compromesso dall'esistenza di pochi partiti piccoli che dalla difficoltà di formare coalizioni tra i più grandi. I partiti borghesi hanno perso il loro entusiasmo per lavorare con i socialdemocratici per mezzo di un giusto compromesso. Il loro "anti-marxismo" si è rafforzato costantemente - e queste posizioni decisamente anti-marxiste devono essere viste come il vero germe della malattia nel sistema partitico di Weimar ".
Eberhard Kolb

1. Tra il 1919 e il 1933 il Reichstag era pieno di una pletora di partiti di piccole e medie dimensioni, che occupavano tutte le parti dello spettro politico.

2. Questi partiti furono incoraggiati dallo stato politico fertile e instabile nella Germania del dopoguerra, così come dal sistema elettorale delle costituzioni di Weimar.

3. Alcuni partiti nazionalisti, come il DVP e il DNVP, iniziarono come oppositori della Repubblica di Weimar ma si addolcirono nel tempo per partecipare alla Reichstag e governo.

4. Molti di questi partiti minori sono diventati membri importanti della coalizione, allineandosi con i principali partiti come SPD e Center Party per formare una maggioranza di voto.

5. L'ascesa del NSDAP nel 1932 ha cambiato radicalmente la composizione del Reichstag, mentre i nazisti assorbivano voti e seggi dagli altri partiti nazionalisti di destra.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Altri partiti politici di Weimar"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/weimarrepublic/weimar-political-parties/
Data di pubblicazione: 22 settembre 2019
Data di accesso: Data odierna
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.