La prima guerra mondiale e la Germania

prima guerra mondiale
Kaiser Wilhelm (al centro) e generali Paul von Hindenburg e Erich Ludendorff

La Repubblica di Weimar è nata tra le rovine e le devastazioni della prima guerra mondiale. Quattro anni di guerra totale contro alcuni degli stati nazionali più ricchi e potenti del mondo hanno decimato la Germania. Nell'ottobre 1918, la resa della Germania era imminente, la sua gente stava morendo di fame e il suo governo sull'orlo del collasso. Su queste rovine è stata costruita la Repubblica di Weimar.

La Germania 'urla per la guerra'

Il ruolo della Germania nello scoppio della prima guerra mondiale è ben documentato. Nessuna singola entità ha fatto di più per istigare una guerra europea del superbo Kaiser della Germania, Wilhelm II, i suoi generali troppo sicuri di sé e le élite nazionaliste.

Nella generazione precedente al 1914, Guglielmo II e il suo governo adottarono politiche, estere e interne, che contribuirono all'aumento delle tensioni in Europa. Il militarismo tedesco, il nazionalismo e l'imperialismo - insieme alla belligeranza personale e diplomatica del Kaiser - hanno alimentato l'atmosfera per la guerra.

Tutti i tendini della socio-politica tedesca gridavano alla guerra. Gli industriali tedeschi hanno equipaggiato l'esercito del Kaiser con una serie di nuove armi mortali: artiglieria, mitragliatrici, armi chimiche e lanciafiamme. Gli ammiragli tedeschi avevano ricevuto nuove navi da guerra, incrociatori e sottomarini.

Gli strateghi tedeschi elaborarono ambiziosi piani di guerra che promettevano la conquista della Francia in poche settimane. I nazionalisti parlavano di un controllo e di un'influenza imperiali tedeschi in espansione in Africa, Asia e Medio Oriente. I giornali tedeschi tuonavano contro le tattiche prepotenti dei "vecchi imperi" di Gran Bretagna e Francia.

In un altro momento, il leader nazionale potrebbe aver cercato di disinnescare questo stato d'animo bellicoso. Ma il Kaiser tedesco era poco mondano, ambizioso, impaziente e desideroso di confrontarsi. Laddove altri capi di stato avrebbero potuto dire poco o niente, Wilhelm ha parlato duramente degli interessi e delle intenzioni tedesche.

L'assegno in bianco del Kaiser

Nel giugno 1914, Francesco Ferdinando, arciduca austriaco ed erede al trono austro-ungarico, fu ucciso a colpi di arma da fuoco dai nazionalisti serbi per le strade di Sarajevo.

Gli austriaci erano indignati per l'assassinio del loro erede. Piuttosto che suggerire una risposta misurata e attenta, il Kaiser tedesco ha dato loro il tacito consenso per un'invasione della Serbia. Se la Russia, alleata della Serbia, avesse tentato di intervenire, il Kaiser avrebbe promesso di agire.

Uno storico in seguito chiamò questo "assegno in bianco del Kaiser" per la guerra. Va notato che non era solo il suo assegno in bianco. La posizione di Wilhelm è stata sostenuta dalla maggior parte dei politici civili tedeschi, anche moderati nel Partito socialdemocratico (SPD).

Il piano Schlieffen

Quando scoppiò la guerra alla fine di luglio 1914, la Germania iniziò il suo famoso Piano Schlieffen: una strategia di vecchia data per invadere la Francia attraverso il Belgio neutrale per evitare pesanti fortificazioni lungo il confine francese. Il piano ha avuto successo per un po 'prima di bloccarsi e infine fallire.

Invece di marciare in Francia e catturare Parigi entro un mese, come previsto, le forze d'invasione tedesche si impantanarono nel nord della Francia. La guerra difensiva ha sostituito i rapidi progressi, portando all'evoluzione del fronte occidentale, una rete di trincee, campi minati e filo spinato lunga 450 miglia, che va dal confine svizzero al Mare del Nord.

A est, le forze tedesche furono mobilitate in fretta per resistere a un'avanzata russa nella Prussia orientale. Sono riusciti a spingere i russi fuori dal territorio tedesco, anche se questo ha portato allo sviluppo di un altro teatro di guerra: il fronte orientale.

Guerra totale

La guerra avrebbe infuriato per quasi altri quattro anni. Nel 1915, tutti i principali combattenti avevano implementato una condizione di "guerra totale", il che significava che le economie civili venivano sfruttate per rifornire e armare le forze sul campo.

Sostenuta dal forte settore industriale della nazione, l'esercito tedesco ha tenuto la sua posizione sia sul fronte occidentale che su quello orientale. In Germania, tuttavia, la popolazione civile ha subito un crescente isolamento, blocchi e carenze. Stretta tra i combattenti nemici - i russi a est, gli inglesi e i francesi a ovest - e con una piccola costa bloccata dalle navi da guerra alleate, la Germania dichiarò guerra con pochissimo commercio estero.

Alla fine del 1914, gli Alleati intrapresero il passo insolito di dichiarare il cibo come "contrabbando". Le spedizioni di derrate alimentari dirette ai porti tedeschi furono soggette a sequestro o attacco navale. Il blocco ha fermato il commercio e le importazioni tedesche, costringendo la nazione a fare affidamento sulla sua produzione interna di cibo. Anche questo era diminuito in modo significativo a causa del lavoro arruolato nell'esercito o ridistribuito in industrie essenziali in tempo di guerra.

La "dittatura silenziosa"

A metà del 1916, il popolo tedesco sentiva la tensione di due lunghi anni di guerra totale. Il governo civile, guidato dall'inefficace cancelliere Theobald Bethmann-Hollweg, non aveva risposte reali. La carne, le patate e i latticini diventavano difficili da ottenere mentre il pane veniva spesso sostituito da quello sgradevole sostituzione sostituti, a base di crusca o bucce di frumento.

Mentre il cancelliere esitava e il quasi impotente Reichstag dibattuto, lo Stato Maggiore (l'alto comando militare tedesco) assunse gradualmente il controllo del governo, della politica economica e della produzione in tempo di guerra.

Questo periodo, conosciuto da alcuni storici come la "dittatura silenziosa", vide i generali Paul von Hindenburg , Erich Ludendorff assumere il controllo delle questioni civili e militari. Questo giunta ha preso il controllo della stampa e della propaganda, ha imposto il razionamento del cibo e ha ordinato il lavoro obbligatorio per tutti i maschi civili in età adulta.

Nell'agosto 1916, introdussero il programma Hindenburg, che cercava di raddoppiare la produzione di munizioni trasferendo i lavoratori agricoli nelle fabbriche. Ludendorff ha anche forzato la reintroduzione della guerra sottomarina senza restrizioni contro le navi alleate, una politica che ha contribuito a innescare l'entrata in guerra degli Stati Uniti.

La spinta per la pace

Nel mese di luglio 1917, la Reichstag, fino a quel momento favorevole allo sforzo bellico, ha risposto al deterioramento della situazione approvando una risoluzione che chiedeva la pace. Ciò ha costretto le dimissioni del cancelliere Bethmann-Hollweg. Fu sostituito da uomini insignificanti che servirono come burattini per Hindenburg e Ludendorff.

Nell'inverno 1917-18 la disponibilità di cibo nelle città tedesche era estremamente bassa. Il blocco navale britannico dei porti tedeschi aveva fermato le importazioni di cibo mentre la riallocazione del lavoro agricolo da parte di Hindenburg aveva avuto un effetto negativo sulla produzione interna.

La Germania potrebbe aver cercato un accordo di pace tra la metà e la fine del 1917, se non per due rivoluzioni in Russia. Il crollo del governo zarista russo nel febbraio 1917, seguito dal rovesciamento del suo successore liberale, il governo provvisorio, in ottobre, segnò la fine del coinvolgimento della Russia nella prima guerra mondiale.

Con la guerra sul fronte orientale ormai agli sgoccioli, questo ha permesso alla Germania di concentrare le sue forze sul fronte occidentale. Per l'Alto Comando tedesco, la guerra che all'inizio del 1917 sembrava potesse durare per sempre, ora sembrava vincibile.

prima guerra mondiale

1. Il Kaiser Guglielmo II e il nazionalismo e il militarismo tedeschi hanno svolto un ruolo di primo piano nelle tensioni europee che hanno portato allo scoppio della prima guerra mondiale.

2. Quando scoppiò la guerra nell'agosto 1914, la strategia iniziale della Germania prevedeva un attacco alla Francia attraverso il Belgio neutrale, che trascinò la Gran Bretagna in guerra.

3. Nel 1916, la guerra era effettivamente in una fase di stallo. La Germania si è trovata circondata dai suoi nemici, bloccata e incapace di importare cibo e rifornimenti.

4. Durante la guerra, il Kaiser ha ceduto il controllo ai suoi capi militari. Questa "dittatura silenziosa" ha ridistribuito il lavoro allo sforzo bellico con effetti disastrosi.

5. Due rivoluzioni russe nel 1917 terminarono i combattimenti sul fronte orientale. Ciò ha permesso alla Germania di concentrare i propri sforzi sul fronte occidentale e di fare l'ultima offerta per vincere la guerra.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La prima guerra mondiale e la Germania"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/weimarrepublic/world-war-i/
Data di pubblicazione: 5 settembre 2019
Data di accesso: Data odierna
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.