Gamal Nasser

Gamal Nasser (1918-1970) era un politico egiziano che è stato presidente tra 1956 e 1970. Nasser era noto per il suo nazionalismo arabo, il suo odio per il colonialismo e i suoi sforzi per scrollarsi di dosso l'influenza occidentale in Medio Oriente.

gamal nasser

vita in anticipo

Nasser è nato nella città del Nilo di Beni Mur, figlio di un impiegato postale. Da ragazzo, è stato educato nelle scuole ferroviarie e nei collegi prima di frequentare il liceo al Cairo. Anche da studente Nasser mostrò antipatia per il colonialismo britannico in Egitto. In 1933, ha condotto una dimostrazione studentesca contro il dominio britannico durante la lettura di storie di leader e movimenti nazionalisti.

Nasser in seguito si diplomò alla Royal Military Academy e fu incaricato nell'esercito egiziano come secondo tenente. Mentre era all'Accademia stabilì un'amicizia con Anwar Sadat. Negli anni '1940, Nasser, Sadat e altri nazionalisti fondarono una cricca chiamata Associazione degli ufficiali liberi. Insieme hanno complottato per rovesciare il re filo-occidentale dell'Egitto, Farouk I, e stabilire una democrazia parlamentare.

Leader rivoluzionario

Nel luglio 1952 i Liberi Ufficiali, guidati dal generale Muhammad Naguid e Nasser, iniziarono la loro rivoluzione. Il re Farouk fu costretto ad abdicare prima di cercare rifugio in Europa. I golpisti istituirono un consiglio rivoluzionario, abolirono la monarchia (giugno 1953) e svendevano i palazzi e i tesori di Farouk.

Nasser iniziò ad accumulare una notevole quantità di potere personale, mettendo da parte Naguib e diventando primo ministro (aprile 1954) e poi presidente (giugno 1956). Nonostante le sue precedenti promesse di democrazia, Nasser ha rafforzato la sua autorità creando uno stato di polizia ed eliminando i suoi rivali e avversari.

A livello nazionale, Nasser ha speso molto per modernizzare l'Egitto, investendo in infrastrutture e opere pubbliche. Ha anche acquistato armi dall'Unione Sovietica, essendo stato precedentemente rifiutato dagli Stati Uniti.

La crisi di Suez

A luglio 1956 Nasser dichiarò le sue intenzioni di nazionalizzare il Canale di Suez, una via navigabile artificiale che collegava il Mar Rosso con il Mediterraneo. Ciò ha innescato la crisi di Suez e un'invasione congiunta britannica, francese e israeliana dell'Egitto. Mentre Nasser fu costretto ad abbandonare i suoi piani, le sue azioni a Suez erano popolari tra i nazionalisti arabi.

Nasser ha continuato il suo programma nazionale nazionalizzando dozzine di industrie straniere con sede in Egitto. Sebbene Nasser non fosse un comunista, la sua nazionalizzazione delle industrie straniere, gli accordi sulle armi con Mosca e i tentativi di radunare le nazioni arabe contro l'Occidente causarono preoccupazione negli Stati Uniti. Washington ha risposto coltivando alleanze con altri governi del Medio Oriente, come i sovrani di Giordania e Arabia Saudita.

La leadership di Nasser è servita da modello per altre rivoluzioni nazionaliste arabe, come la Insurrezione baathista in Iraq (1963) e Muammar Gheddafi acquisizione in Libia (1969).

Nasser è morto di infarto nel settembre 1970. Gli successe l'amico e l'alleato politico Anwar Sadat.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Gamal Nasser"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/gamal-nasser/
Data di pubblicazione: October 25, 2018
Data di accesso: Giugno 23, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.