Storico: Richard Pipes

Nome: Richard Pipes

Vissuto: 1923-2018

Nazionalità: Americano di origine polacca

tubi richard

Professione (s): Storico

Libri: La formazione dell'Unione Sovietica: comunismo e nazionalismo 1917-23 (1954) La Russia sotto il vecchio regime (1974) Strategia sovietica in Europa (1976) Relazioni tra Stati Uniti e Unione Sovietica nell'era della distensione (1981) La sopravvivenza non basta: realtà sovietiche e futuro dell'America (1984) La rivoluzione russa (1990) La Russia sotto il regime bolscevico, 1919-24 (1993).

Prospettiva: Liberale-conservatore, anticomunista

Richard Pipes era uno storico americano specializzato in Russia, Rivoluzione Russa e Unione Sovietica. Durante gli 1970 e gli 1980, anche Pipes ha rappresentato una figura significativa nella formulazione della politica estera americana.

Nato a Cieszyn, in Polonia, Pipes e la sua famiglia fuggirono poco dopo l'occupazione nazista a 1939. Arrivò negli Stati Uniti a 1940, divenne un cittadino naturalizzato e si unì alle forze armate statunitensi come ufficiale dell'intelligence.

Durante la sua formazione, Pipes fu inviato alla Cornell University per imparare il russo. Fu qui che acquisì un interesse per la cultura e la storia russa. Dopo la guerra Pipes frequentò Harvard, completando lauree e un dottorato specializzato in politica estera bolscevica. Rimase nello staff di Harvard e in 1954 fu autore del primo di numerosi libri. Nel corso del mezzo secolo successivo Pipes pubblicò numerosi libri sulla Russia zarista e imperiale, sulla rivoluzione russa, su Lenin e sui bolscevichi, sull'Unione Sovietica e sul comunismo.

In quanto storico, Pipes è diventato uno dei massimi esperti mondiali di Russia. In un momento in cui gli storici revisionisti dominavano, avanzò visioni negative sul comunismo, la rivoluzione russa e il regime sovietico.

Pipes era un determinista che sosteneva che il totalitarismo sovietico poteva essere ricondotto alla storia russa, a ritroso attraverso Stalin, Lenin e gli zar prima di loro. Vide i bolscevichi come un'intellighenzia fanatica, intenzionata ad afferrare il potere per se stessi piuttosto che per i lavoratori che affermavano di rappresentare.

Non sorprende che Pipes ponga l'onere della guerra fredda direttamente nell'Unione Sovietica. Lo stato sovietico era aggressivo, imperialista e implacabile. I suoi leader usarono e abusarono della forza militare per espandere il potere sovietico, scavalcando gruppi politici locali e movimenti nazionalisti e ignorando i diritti umani.

L'esperienza di Pipes sulla Russia divenne così nota che nel 1976 il presidente degli Stati Uniti Gerald Ford lo reclutò per presiedere la "Squadra B", un comitato di esperti non governativi incaricato di analizzare la forza militare sovietica e la probabilità di minacce. La squadra B non solo ha esagerato gli sviluppi sovietici nei sistemi d'arma e nelle scorte, ha affermato che i leader sovietici credevano di poter vincere una guerra nucleare e di conseguenza erano disposti a iniziarne una.

La squadra B e le sue scoperte furono successivamente screditate come tentativo di indovinare la Central Intelligence Agency (CIA) con un comitato pieno di intransigenti e outsider. Nonostante ciò, le affermazioni della squadra B secondo cui gli Stati Uniti erano impreparati a una possibile guerra con l'URSS contribuirono a porre fine Rilassamento e ha contribuito all'elezione di Ronald Reagan in 1980.

Dopo che Reagan si insediò, Pipes fu nominato direttore del Consiglio di sicurezza nazionale per gli affari sovietici e dell'Europa orientale, una nomina controversa all'epoca. Nel 2003 Pipes ha scritto un'autobiografia, Vixi: Memorie di un non appartenente, descrivendo in dettaglio la sua vita e carriera.

Richard Pipes è morto a maggio 2018, all'età di 94.

Citazioni

"Diventa evidente che la nozione marxista secondo cui la rivoluzione risulta sempre dal malcontento sociale ('di classe') non può essere sostenuta ... i fattori decisivi erano prevalentemente politici".

“Lenin deve la sua importanza storica non alla sua abilità politica, che era molto inferiore, ma al suo potere generale. È stato uno dei grandi conquistatori della storia ".

“Il marxismo e il bolscevismo ... erano il prodotto di un'epoca nella vita intellettuale europea ossessionata dalla violenza. Nessuno ha abbracciato questa filosofia con più entusiasmo dei bolscevichi: la violenza "spietata", la violenza che mirava alla distruzione di ogni avversario effettivo e potenziale, era ... l'unico modo per affrontare i problemi ".

“Stalin era un vero leninista in quanto seguiva fedelmente la filosofia e le pratiche politiche del suo patrono. Ogni ingrediente di quello che è diventato noto come stalinismo tranne uno - l'assassinio di compagni comunisti - lo aveva imparato da Lenin ".

“[La guerra fredda] contrapponeva due concezioni di vita molto diverse: una che sottolineava i diritti umani e lo stato di diritto, e un'altra che subordinava i diritti umani e la legge interamente agli interessi dello Stato. In questo contesto, i rivali, anche se a volte impiegavano gli stessi mezzi, non erano paragonabili ".

“La Guerra Fredda iniziò molto prima dello sviluppo delle armi nucleari, il 26 ottobre 1917, quando il partito bolscevico prese il potere nella capitale russa e proclamò la sua intenzione di lanciare guerre civili in ogni angolo del globo per inaugurare una nuova era di 'proletariato dittatura'. L'obiettivo finale della rivoluzione, nelle parole di Leon Trotsky, compagno d'armi di Lenin, non era altro che "ribaltare il mondo". "

"I comunisti hanno ovunque e in ogni momento, a cominciare dalla rivoluzione russa del 1917, sfruttato l'ingiustizia sociale e le frustrazioni nazionali per salire al potere e poi, salendo al potere, hanno prontamente ripristinato l'ingiustizia sociale e represso le aspirazioni nazionali".

“[Ronald Reagan] comprendeva la natura del conflitto con il blocco comunista e aveva una buona comprensione dell'equilibrio di potere; invece di lasciarsi ipnotizzare dall'arsenale militare di Mosca e paralizzato dalla paura di una guerra nucleare, si rese conto che la povertà ideologica dell'URSS e le sue disperate ristrettezze economiche ne facevano un avversario debole seppur feroce ".

“Le riforme attuate a un ritmo sempre più rapido dal 1985 hanno infranto le illusioni che il regime sovietico aveva assiduamente coltivato tra la sua gente: che erano all'avanguardia del progresso e godevano di un grado di sicurezza conosciuto in nessun'altra parte del mondo. Per giustificare riforme sempre più fondamentali, divenne necessario che la leadership sovietica dicesse finalmente la verità sulle condizioni del paese, che in effetti stavano peggiorando anche con il procedere delle riforme ".

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: Richard Pipes"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/historian-richard-pipes/
Data di pubblicazione: October 28, 2018
Data di accesso: 16 Agosto 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.