Il cahier del Terzo Stato a Gisors (1789)

Questa cahier del Terzo Stato è stato redatto a Gisors, una piccola città della Normandia, e riflette i valori e gli interessi del locale borghesia Là:

“Il Terzo Stato di questa città invita i deputati degli Stati Generali a fare tutto il possibile per incoraggiare l'Assemblea ad adottare le seguenti risoluzioni, ma non prima di essersi uniti a tutti i deputati del regno nel manifestare alla best of re la gratitudine, il rispetto, l'amore e la sottomissione dei suoi sudditi della città di Gisors.

Le decisioni saranno prese e decretate nello stato generale dai tre ordini congiuntamente e i voti saranno conteggiati per capo e non per ordine.

Che in materia di tasse e prestiti l'autorità del sovrano non può essere esercitata se non con l'accordo generale della nazione riunita e con l'assistenza delle sue deliberazioni e dei suoi consigli in materia di legislazione.

Prima di riconoscere il debito nazionale o di imporre qualsiasi tassazione, i deputati faranno decretare, come sistema di governo permanente del regno, il regolare richiamo degli Stati Generali a periodi fissi. Chiederanno l'abolizione di ogni tipo di imposta indiretta, sotto qualunque descrizione sia stata istituita, e che nessuna sia creata all'interno del regno.

Nessun cittadino può essere fatto prigioniero né privato della sua libertà per nessun motivo senza essere stato prima preso davanti al suo giudice naturale, o davanti al giudice del reato di cui è accusato, e senza essere stato condannato a quella prigione, per quale scopo è vietata qualsiasi detenzione arbitraria e in particolare lettres de cachet.

I deputati chiederanno l'abolizione di ogni forma di giustizia signorile; l'abolizione della venalità d'ufficio; il diritto della nazione di scegliere i propri giudici in tutti i futuri tribunali; riforma del codice civile e penale.

Il gioco dovrebbe essere distrutto, oppure i nobili che desiderano preservarlo dovrebbero essere costretti a chiuderlo nei loro parchi; e la distruzione di animali nocivi dovrebbe essere incoraggiata.

I deputati chiedono l'abolizione delle immunità dannose per la Terza Proprietà, come l'esenzione dal billeting delle truppe, dal servizio della milizia, dal servizio di guardia costiera e altri di quel tipo.

Che scuole libere siano istituite in ogni parrocchia del regno per l'istruzione dei giovani.

L'accattonaggio è del tutto vietato, e ciò significa che si trova a finanziare l'alimentazione, la manutenzione e l'alloggio dei poveri malati mediante l'istituzione di consigli di beneficenza in tutte le città, i distretti e i villaggi.

Che la champart (decima signorile) e le quote dovute in natura o nel lavoro, e altri diritti simili che producono poco per il padrone di casa e sono una grave schiavitù per gli inquilini, si trasformano in un pagamento in grano e paglia o in pagamenti in denaro.

Che i pedaggi pagabili sulle merci che attraversano la terra, i ponti e sulle strade e altri del genere vengano aboliti come dannosi.

Che le quote sui mercati e sulla misurazione del mais siano ridotte uniformemente a due sous per sacco in tutto il regno e che vengano prese misure per evitare l'eccessiva costosità dei cereali.

Che i piccioni siano tenuti rinchiusi nelle piccionaie dal 24 giugno al 1 settembre e dal 29 settembre all'11 novembre ".