Storico: William Doyle

William Doyle

Nome: William Doyle

Vissuto: 1942-

Nazionalità: Inglese

Professione (s): Storico, accademico

Libri: Il Parlamento di Bordeaux e la fine del vecchio regime, 1771-1790 (1974) Il vecchio ordine europeo, 1660-1800 (1978) Origini della rivoluzione francese (1980) L'Ancien Regime (1986) La storia di Oxford della Rivoluzione francese (1989) Venality: la vendita di uffici nella Francia del XVIII secolo (1996) La rivoluzione francese: una breve introduzione (2001).

Prospettiva: Revisionista

William Doyle è un importante storico inglese specializzato nella Francia dell'18 secolo. È famoso per il suo lavoro su 1989 La storia di Oxford della Rivoluzione francese.

Doyle è nato nel marzo 1942, figlio di un sarto. Formatosi nel suo nativo Yorkshire, si è laureato alla Oxford University con una laurea in storia nel 1964. La tesi di dottorato di Doyle, anch'essa completata a Oxford, si è concentrata sui membri dei Bourdeaux parlamento alla vigilia della rivoluzione; questo è stato successivamente pubblicato come il suo primo libro.

Doyle ha tenuto conferenze all'Università di York, all'Università di Nottingham e, più recentemente, all'Università di Bristol. È stato anche professore in visita a Oxford ea Parigi, Bordeaux e nella Carolina del Sud. Il primo lavoro significativo di Doyle sulla Rivoluzione francese, pubblicato nel 1980, ne esplorò le cause e le origini.

Molti studenti conosceranno Doyle per il suo molto più ampio Oxford Storia della rivoluzione francese, pubblicato per la prima volta in 1989 con una versione rivista in 2002. Combinando un racconto narrativo con dettagli e analisi considerevoli, Storia di Oxford è diventato un testo obbligatorio in molti corsi universitari.

La prospettiva di Doyle è senza dubbio revisionista, sebbene alcune delle sue opinioni siano in linea con le interpretazioni precedenti. Doyle crede che la rivoluzione francese debba essere considerata nel suo contesto storico più ampio; lo vede come un evento complesso dopo un lungo periodo di cambiamento e transizione significativi.

Come gli storici pre-revisionisti, Doyle riconosce le questioni sociali della Francia, come l'esistenza di una povertà diffusa, la rapida crescita del borghesia e i loro tentativi di entrare nelle proprietà privilegiate.

A differenza degli storici marxisti, tuttavia, Doyle suggerisce che le principali cause della rivoluzione siano state politiche, non ideologiche o sociali. Crede che il crollo del governo reale abbia creato un vuoto di potere che non è stato adeguatamente colmato, costringendo i leader di 1789-95 a tentare risposte affrettate, disperate e inefficaci a problemi critici e spesso profondamente radicati.

Citazioni

“La rivoluzione è iniziata come un'affermazione della sovranità nazionale. Le nazioni - non i re, non le élite ereditarie, non le chiese - erano la fonte suprema dell'autorità negli affari umani. Fu questa convinzione che portò l'Assemblea nazionale nel 1790 a dichiarare che la Francia non avrebbe mai fatto la guerra se non per autodifesa ... Ci vollero solo pochi mesi perché la Convenzione riconoscesse l'impossibilità di un impegno così aperto ".

“Il crollo del vecchio ordine e i cambiamenti impetuosi che seguirono colsero tutti di sorpresa. Nella confusione dei cinque anni successivi, con notizie sempre più orribili di distruzione, indignazione e massacro, spettatori sbalorditi cercavano spiegazioni per uno sconvolgimento così sconfinato. Gli osservatori ostili pensavano che potesse essere solo una cospirazione ".

“All'inizio, l'impulso della rivoluzione francese era stato molto più intellettuale che sociale o economico. Arricchite ed enormemente ampliate da tre generazioni di crescente prosperità, le classi agiate della Francia avevano investito i loro guadagni nella cultura, il che significava soprattutto istruzione ".

"Verso la metà del XVIII secolo, stava emergendo un'opinione pubblica colta e critica, un mercato in espansione per le idee che gli scrittori di tutte le sfumature di opinione cercavano di coinvolgere ... La perdita di fiducia del pubblico era alla base della crisi finanziaria e politica che fece precipitare un sistema del governo troppo poco cambiato nelle sue abitudini e priorità dai tempi di Luigi XIV ".

“La povertà era il problema sociale più visibile della Francia. Nessuno poteva trascurarlo. Tutti i viaggiatori notavano la miseria degli alloggi rurali e l'aspetto povero dei contadini… I poveri, cioè coloro che non hanno un'occupazione adeguata o altri mezzi di sostentamento, erano nel migliore dei casi quasi un terzo della popolazione: otto milioni di persone. In tempi difficili, due o tre milioni potrebbero unirsi a loro, poiché i raccolti fallirono e i posti di lavoro scomparvero ".

“All'inizio, lo slancio della rivoluzione francese era stato più intellettuale che sociale o economico. Arricchite ed enormemente ampliate da tre generazioni di crescente prosperità, le classi agiate della Francia avevano investito i loro guadagni nella cultura - il che significa, soprattutto, istruzione ".

“C'era una borghesia in ascesa, come c'era sempre stata, ma faceva parte della classe dominante - o almeno in procinto di diventarne parte. E sebbene fosse spinto dal capitalismo, cercava costantemente di abbandonare il capitalismo piuttosto che spingerlo a una posizione di dominio. Le sue ambizioni culturali ne erano un segno. La borghesia e la nobiltà insieme erano elementi diversi in una classe dominante piuttosto che in due antagoniste. Una delle cose che li univa era una cultura comune. Un altro era la capacità e la determinazione di estrarre il surplus da altre classi - e questo suscitò in queste ultime un risentimento che fu brevemente rilasciato dalla Rivoluzione. Se stiamo cercando un conflitto di classe, questo è il posto giusto per trovarlo. "

"L'ascesa della borghesia e l'ascesa del capitalismo hanno ancora un ruolo da svolgere nel nostro modo di pensare alla rivoluzione, ma è una prospettiva molto più a lungo termine e più distante in cui la rivoluzione non gode più della sua vecchia importanza fondamentale".

“La gente di Parigi aveva salvato l'Assemblea nazionale il 14 luglio e forse anche nell'ottobre 1789. Quando solo i controrivoluzionari osavano ancora chiamare le folle non c'erano manifestazioni del popolo, eccitate e in azione, e si potevano sempre trovare voci per giustificare i loro eccessi ".

“La Rivoluzione è scoppiata in un momento di rara crisi economica, e questa circostanza avrebbe influenzato tutto il suo carattere successivo. Gran parte della speranza sconfinata e irrealistica investita negli Stati Generali da tutte le classi nella primavera del 1789 ... scaturì dalle ansie suscitate dal fallimento del raccolto del 1788 ... Il sostegno popolare per la causa patriottica a Parigi in luglio era basato sul presupposto che sotto con il nuovo regime, sarebbero garantite forniture di pane a buon mercato. Agli occhi dei sans-culottes, non riuscire a raggiungere questo obiettivo significherebbe tradimento della Rivoluzione ".

“È stata la resistenza a rendere violenta la rivoluzione. Era ingenuo da parte degli uomini del 1789 pensare di poter rigenerare la nazione senza opposizione, e immaginare che l'onestà e la benevolenza delle loro intenzioni sarebbero state tanto ovvie agli altri quanto a se stessi ".

“La rivoluzione francese non era stata fatta dai rivoluzionari. Sarebbe più vero dire che i rivoluzionari erano stati creati dalla Rivoluzione ".

“Venendo alla Rivoluzione francese dalla ricerca sull'Ancien Regime, l'ho sempre visto come lo sconvolgimento imprevedibile e imprevedibile che ha travolto i contemporanei, piuttosto che il prodotto inevitabile di un ordine sociale marcio e decadente i cui difetti potevano essere dati per scontati. Per la maggior parte degli storici della Rivoluzione, ciò che è accaduto prima è una semplice apertura; mentre tendo a vedere la Rivoluzione come un tragico finale. La maggior parte degli storici di questo evento lo hanno accettato a proprio giudizio o lo hanno condannato a priori. Nessuno dei due atteggiamenti promuove la comprensione che un fenomeno così complesso richiede ".

“Uno dei mantra preferiti degli interpreti classici della Rivoluzione è stato preso da Georges Clemenceau ... La Rivoluzione, ha dichiarato, era un blocco. Doveva essere accettato nella sua totalità, terrore e tutto. Non può essere disaggregato. Il revisionismo - con la sua enfasi sul contingente, l'accidentale e la realtà delle scelte di fronte ai soggetti coinvolti - ha suggerito il contrario ".

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: William Doyle"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/historian-william-doyle/
Data di pubblicazione: October 8, 2018
Data di accesso: October 06, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.