Papa Pio VI: "Charitas" (1791)

Il 13 aprile 1791 Papa Pio VI pubblicò "Charitas", un'enciclica sulla Costituzione civile del Clero e la situazione in atto nella Francia rivoluzionaria:

"Ai nostri amati figli, i Cardinali di Santa Romana Chiesa, ai nostri venerati fratelli Arcivescovi e Vescovi, e ai nostri amati figli il clero e il popolo del Regno di Francia ... Vi diamo il saluto e la nostra Benedizione Apostolica ...

Abbiamo appena appreso della guerra contro la religione cattolica che è stata avviata dai pensatori rivoluzionari che come gruppo formano la maggioranza nell'Assemblea nazionale di Francia. Abbiamo pianto alla presenza di Dio, condiviso il nostro dolore con i cardinali e proclamato preghiere pubbliche e private. Poi abbiamo scritto a re Luigi il 9 luglio 1790 e ripetutamente incoraggiato a non confermare la costituzione civile del clero, che avrebbe portato il suo popolo in errore e scisma. Perché era intollerabile che un'assemblea politica cambiasse la prassi universale della chiesa, ignorasse le opinioni dei santi Padri e i decreti dei concili, ribaltasse l'ordine della gerarchia e controllasse l'elezione dei vescovi, distruggesse le sedi episcopali e introducesse un forma peggiore nella Chiesa dopo aver rimosso la migliore ...

Il re si sarebbe certamente astenuto dall'approvare la Costituzione, ma alla fine l'Assemblea Nazionale lo ha costretto a prestare la sua autorità alla Costituzione, come attestano le sue lettere a noi del 28 luglio, 6 settembre e 16 dicembre. Ci ha pregato con insistenza di approvare cinque, e poi sette, articoli almeno in via provvisoria. Questi articoli erano così simili nel tenore che costituivano un riassunto completo della nuova Costituzione. Abbiamo visto subito, ovviamente, che non potevamo approvare o tollerare nessuno degli articoli poiché erano in contrasto con i regolamenti canonici ...

Nel frattempo siamo stati molto consolati quando la maggioranza dei vescovi francesi si è opposta fermamente alla Costituzione e ha attaccato ogni punto in essa che si riferiva al governo della Chiesa… Siamo stati ulteriormente consolati perché molti altri vescovi si sono uniti ai 30 nell'accettare questa spiegazione. Solo quattro vescovi su 131 dissentirono. Ai vescovi si unirono anche un gran numero di capitolari e la maggior parte dei parroci e del basso clero ...

Dalla [Costituzione civile] lo scisma viene introdotto e diffuso nel regno di Francia, che ci è così caro e che ha servito la religione così bene. Pastori di primo e secondo grado vengono eletti ovunque con il passare del tempo, i ministri legittimi vengono espulsi dalle loro posizioni e al loro posto vengono messi al posto dei lupi rapaci. Siamo certamente rattristati da questa triste situazione.

Pertanto, per ostacolare la diffusione dello scisma sin dall'inizio, per richiamare al loro dovere coloro che si sono smarriti, per rafforzare il bene nel loro scopo ... proclamiamo che ogni cardinale, arcivescovo, vescovo, abate, vicario, canonico, parroco , curato e membro del clero, secolare o regolare, che ha puramente e semplicemente prestato il Giuramento Civile come ordinato dall'Assemblea Nazionale, è sospeso dall'esercizio del suo ufficio e agirà in modo irregolare se esercita il suo ufficio - a meno che non abiuri il suo giuramento entro 40 giorni da questa data. Perché il giuramento è la fonte avvelenata e l'origine di tutti gli errori e la causa principale del dolore della chiesa cattolica francese ...

Allo stesso modo dichiariamo e decretiamo che le consacrazioni [di diversi vescovi e sacerdoti costituzionali] erano peccaminose e sono illecite, illegali, sacrileghe e in contrasto con le norme dei sacri canoni. Poiché sono stati eletti in modo avventato e ingiusto, mancano di ogni giurisdizione ecclesiastica e spirituale per la guida delle anime e sono stati sospesi da qualsiasi esercizio dell'ufficio episcopale.

Dichiariamo allo stesso modo che Charles, vescovo di Autun; Jean-Baptiste, vescovo di Babilonia; e Jean-Joseph, vescovo di Lidda sono stati sospesi da ogni esercizio del loro ufficio episcopale di consacratori o assistenti sacrilegi; tutti coloro che hanno dato loro aiuto, consenso o consiglio in quelle maledette consacrazioni sono stati sospesi dall'esercizio del loro ufficio sacerdotale, o altro ...

Vi supplichiamo tutti, amati bambini cattolici nel regno di Francia… mentre ricordate la religione e la fede dei vostri padri, vi esortiamo amorevolmente a non abbandonarla. Perché è l'unica vera religione che conferisce la vita eterna e rende sicure e fiorenti società civili. State attenti a prestare attenzione al discorso insidioso della filosofia di quest'epoca, che conduce alla morte. Stai lontano da tutti gli intrusi, siano essi chiamati arcivescovi, vescovi o parroci; non tenete la comunione con loro specialmente nel culto divino. Ascolta attentamente il messaggio dei tuoi legittimi pastori che sono ancora in vita… Infine, in una parola, stai vicino a Noi. Nessuno può essere nella Chiesa di Cristo senza essere unito al suo capo visibile e fondato sulla Sede di Pietro ...

Dato a Roma, presso San Pietro, il 13 aprile 1791 ".