Un uomo borghese nei giorni di ottobre (1789)

In ottobre 7th 1789 a borghese Parisian scrisse la seguente lettera sul maltrattamento dato a suo figlio, un membro del clero:

“Parigi, 7 ottobre 1789

Signore,

Sono il padre di sei figli: quattro maschi e due femmine. I due ragazzi più grandi indossano l'uniforme nazionale.

Lunedì sono partiti per Versailles, lasciandomi a casa con le mie paure. Ieri sera la gioia di vederli tornare in buona salute ha riunito la mia famiglia e abbiamo iniziato a preparare un pasto piacevole; l'unico che mancava era mio figlio che è un'abbazia e che di solito torna a casa molto presto. Lo adoriamo tutti perché è gentile, istruito e in buona compagnia. Sua madre e le sue due sorelle erano estremamente allarmate.

Quando finalmente arrivò a casa, alle nove e mezza, aveva la faccia coperta di sangue e fango, i suoi vestiti a brandelli. Voleva vedere passare il re. Ma proprio perché era un abate ha dovuto subire in silenzio gli scherni e gli insulti più disgustosi, per più di due ore - e sotto gli occhi della Guardia Nazionale. Dopo questo è stato inseguito da una folla di pazzi che lo hanno picchiato. Tutti! Se questa è libertà, torniamo al dispotismo, con le sue spie e i suoi soldati… almeno ci garantiranno la nostra sicurezza ”.