Rapporto degli Stati Uniti sulla firma dell'accordo di pace (1973)

Questa New York Times rapporto di gennaio 28 1973 descrive in dettaglio la firma del cessate il fuoco e l'accordo di pace tra gli Stati Uniti, Vietnam del Nord, Vietnam del sud e Fronte di liberazione nazionale:

“Parigi - L'accordo di cessate il fuoco del Vietnam è stato firmato qui oggi in un silenzio inquietante, senza una parola o un gesto per esprimere il sollievo del mondo che gli anni di guerra stessero ufficialmente finendo.

L'accordo è entrato in vigore alle 7:62 ora standard orientale. Il segretario di Stato William P. Rogers ha scritto il suo nome 12 volte sui documenti che forniscono - dopo XNUMX anni - una soluzione della guerra straniera più lunga e divisiva nella storia d'America.

Il titolo ufficiale del testo era "Accordo sulla fine della guerra e sul ripristino della pace in Vietnam". Ma l'atmosfera fredda, quasi cupa in due cerimonie di firma separate rifletteva le incertezze sul fatto che la pace fosse ora assicurata. Il conflitto, che in un modo o nell'altro infuria da oltre un quarto di secolo, è stato inconcludente, senza una chiara vittoria o sconfitta per nessuna delle parti.

Dopo un coinvolgimento gradualmente crescente che iniziò anche prima che la Francia lasciasse l'Indocina nel 1954, gli Stati Uniti entrarono in un ruolo di combattimento su vasta scala nel 1965. Gli Stati Uniti considerano il 1 ° gennaio 1961 come data di inizio della guerra e le vittime vengono contate da allora. Nel 1968, quando l'accumulo fu fermato e poi invertito, c'erano 529,000 americani che combattevano in Vietnam. Alla fine della guerra gli Stati Uniti superarono i 45,000 morti.

Gli accordi di pace erano ambigui quanto il conflitto, che molti amici americani videro per la prima volta come un aiuto generoso a un alleato debole e minacciato, ma che molti arrivarono a considerare un esercizio di forza bruta contro una piccola nazione.

Gli accordi firmati oggi sono stati costruiti su compromessi che consentono alle due parti vietnamite di dare loro significati contraddittori e, sperano chiaramente, di continuare la loro lotta incompiuta nell'arena politica senza continuare il massacro.

La firma è avvenuta in due cerimonie. In mattinata i partecipanti sono stati Stati Uniti, Vietnam del Nord, Vietnam del Sud e Vietcong. Poiché il governo di Saigon non desidera implicare il riconoscimento del governo rivoluzionario provvisorio dei vietcong, tutti i riferimenti a quel governo sono stati limitati a una seconda serie di documenti. Quel set è stato firmato nel pomeriggio, e solo da Stati Uniti e Vietnam del Nord.

All'ultimo momento, si è riscontrato che mancavano due copie in inglese dei testi, che dovevano essere firmate dal signor Rogers e dal ministro degli Esteri del Vietnam del Nord, Nguyen Duy Trinh, nella cerimonia pomeridiana. Il piano era di fornire una copia firmata in ciascuna lingua a ciascuna delle quattro delegazioni. Gli Stati Uniti avevano preparato i documenti inglesi e avevano consegnato le due copie ai sudvietnamiti perché li ispezionassero. Non sono stati restituiti, lasciando un totale di sei invece di otto serie di documenti da firmare da Stati Uniti e Vietnam del Nord.

Questi testi cominciavano dicendo che il Vietnam del Nord "con il concorso del Governo Rivoluzionario Provvisorio della Repubblica del Vietnam del Sud" e gli Stati Uniti "con il concorso del Governo della Repubblica del Vietnam" avevano raggiunto un accordo.

Il ministro degli Esteri del Vietnam del Sud, Tran Van Lam, ha dichiarato di non voler accettare copie firmate di questo testo, perché Saigon si oppone alla menzione del governo rivoluzionario con quel nome. Alla domanda se l'azione del Vietnam del Sud possa indebolire o minare il grado di "concorrenza" di Saigon, i funzionari americani hanno risposto: "No, no. Hanno concordato. "...

Nella cerimonia mattutina, tutte e quattro le parti hanno firmato accordi identici, ad eccezione di un protocollo o documento allegato, in cui gli Stati Uniti hanno concordato di rimuovere le miniere che aveva piantato nelle acque del Vietnam del Nord.

Il preambolo sui documenti quadripartiti non menzionava alcun governo per nome e si riferiva solo alle "parti che partecipavano alla conferenza di Parigi sul Vietnam". Quella era la formula che aveva rotto la situazione di stallo finale.

Quasi immediatamente dopo la sessione mattutina che ha visto la partecipazione di quattro ministri degli Esteri, delegazioni militari del Vietcong e dei vietnamiti del nord sono volate verso Saigon. Loro, con ufficiali americani e vietnamiti del sud, formeranno una commissione militare congiunta che eseguirà il cessate il fuoco. La loro partenza per la capitale del Vietnam del Sud ha dato un tocco di realtà al modo stranamente privo di emozioni in cui si è svolto il rito di pace a Parigi.

Dopo la cerimonia mattutina, durata 18 minuti, i quattro ministri degli esteri, i loro assistenti e gli ospiti si sono presentati in silenzio attraverso porte separate in un atrio con tende. Là, hanno detto i partecipanti, hanno tintinnato bicchieri di champagne, brindato "pace e amicizia" e si sono stretti la mano tutt'intorno. Ma tale amabilità è stata nascosta agli osservatori e soprattutto alle telecamere che avrebbero potuto registrare una scena dei nemici vietnamiti a contatto sociale. Un analogo 15 minuti di cordialità ha seguito la cerimonia pomeridiana di 11 minuti, cui hanno partecipato solo le delegazioni americana e del Vietnam del Nord.

L'accordo è stato firmato alla gigantesca tavola rotonda, coperta da una prateria di panno verde, dove le quattro parti alla conferenza di Parigi si sono parlate, e spesso denigrandosi, quasi settimanalmente da quattro anni. La grande sala da ballo dell'ex Hotel Majestic, dove si trova il tavolo, è zeppa di lampadari in cristallo e dorati, arazzi lussureggianti e modanature dorate. Ma la scena era cupa come il cielo grigio e piovoso di Parigi fuori. Gli uomini indossavano tutti abiti scuri.

I tocchi di colore umano erano pochi. La signora Nguyen Thi Binh, ministro degli Esteri del governo rivoluzionario provvisorio del Vietcong, indossava un ao dai color ambra con ricami sul corpetto, un insolito ornamento per lei. La signora Rogers indossava un abito con un top rosso e una gonna blu scuro. Nel pomeriggio, quando c'erano solo due delegazioni e quindi più spazio per gli ospiti, furono portati tutti i segretari americani che erano stati coinvolti e illuminarono la stanza.

I testi degli accordi erano rilegati in pelle di diversi colori: rosso per i vietnamiti del nord, blu per gli Stati Uniti, marrone per il Vietnam del sud e verde per i Vietcong. Uscieri francesi li solennemente passati su ogni firma. La signora Binh trascurava un posto per firmare e doveva essere restituito un album per il completamento. Rogers e Trinh hanno usato un gran numero di penne nere e poi le hanno consegnate ai membri della delegazione come souvenir.

William J. Porter, il nuovo vice sottosegretario di Stato che fino a questo mese era stato delegato degli Stati Uniti ai colloqui semi-pubblici, è volato a Parigi con il signor Rogers e si è seduto al tavolo con lui. Heywood Isham, capo facente funzione della delegazione degli Stati Uniti, Marshall Green, sottosegretario di Stato per gli affari dell'Asia orientale e del Pacifico, e William H. Sullivan, il vice del signor Green, che ha guidato i colloqui tecnici con i vietnamiti del Nord qui, hanno completato l'americano gruppo al tavolo.

Due tavoli rettangolari, disposti con cura accanto al tavolo principale per simboleggiare la separazione delle quattro delegazioni in due parti in guerra all'inizio della conferenza in 1969, erano riservati agli ambasciatori di Canada, Ungheria, Indonesia e Polonia. I loro paesi stanno contribuendo con le truppe a una commissione internazionale che deve supervisionare il cessate il fuoco.

Il signor Rogers e i suoi aiutanti con sede a Washington sono tornati a casa subito dopo la cerimonia. Inaspettatamente, il signor Lam è andato con loro. Sullivan è rimasto a Parigi per ricevere l'elenco dei prigionieri americani da Hanoi e per tenere ulteriori riunioni tecniche sui molti dettagli instabili su come devono essere presi accordi.

All'aeroporto, prima della partenza, il signor Rogers ha espresso i suoi unici commenti sull'evento tanto atteso con sprazzi di speranza e amara disperazione. "È una giornata fantastica", ha detto.

Ha detto che il presidente Nixon si è dedicato alla costruzione di una struttura di pace e ha continuato: “Gli eventi a Parigi oggi sono una pietra miliare nel raggiungimento di quella pace. Spero che presto ci sarà un cessate il fuoco in tutta l'Indocina ", ha aggiunto."