George Grenville

George Grenville (1712-1770) era un politico Whig, un membro del parlamento britannico e primo ministro britannico tra aprile 1763 e luglio 1765.

George Grenville

Nato in una famiglia ricca e potente, Grenville ha studiato a Eton e Oxford, laureandosi in legge nel 1735. Sei anni dopo è stato eletto in parlamento per la sede di Buckingham, un "borgo marcio" con solo 13 elettori.

Durante gli anni 1750, Grenville divenne amico e alleato di Lord Bute, tutore del giovane Principe di Galles (il futuro Giorgio III). Ha ricoperto alcuni incarichi minori durante questo periodo, come il tesoriere della marina. La sua reputazione fu accresciuta dalla vittoria della Gran Bretagna nella Guerra dei Sette Anni e dall'elevazione al trono di Giorgio III.

Il contributo di Grenville alla rivoluzione americana inizia con il suo servizio nel duplice ruolo di Primo Ministro e Cancelliere dello Scacchiere (aprile 1763 - luglio 1765). Di fronte a un grande debito di guerra e temendo rivolte indigene o una guerra di rappresaglia francese in Nord America, Grenville cercò modi per rendere gli americani responsabili del costo della propria difesa.

Di conseguenza, divenne uno dei principali sostenitori dello Stamp Act, probabilmente la più infiammatoria di tutte le politiche britanniche in America. Lo Stamp Act di Grenville è stato approvato nel marzo 1765 ma non è mai stato effettivamente attuato, a causa delle proteste e della non conformità in America.

Grenville ha perso la fiducia di Giorgio III, che ha costretto le sue dimissioni nel luglio 1765. La storia ricorda Grenville come un legislatore abile e ben informato, ma un povero statista che ha frainteso la situazione anglo-americana.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "George Grenville"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/george-grenville/
Data di pubblicazione: Gennaio 26, 2015
Data di accesso: Luglio 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.