William Pitt

William Pitt

William Pitt (1708-1778) è stato un parlamentare Whig e primo ministro britannico tra la metà del 1766 e la fine del 1768. Pitt è nato a Londra, da una famiglia la cui ricchezza derivava in gran parte dal commercio coloniale con l'India. Per un certo periodo prestò servizio nell'esercito britannico prima di entrare in parlamento nel 1735. Oratore pubblico brillante e brutalmente onesto, Pitt passò il decennio successivo a criticare il governo; questo lo rese popolare tra il pubblico, ma una spina nel fianco dei re e dei ministri in carica. La vera ascesa alla ribalta di Pitt avvenne durante la Guerra dei Sette Anni, quando prese il comando del fallimentare sforzo bellico e si assicurò una vittoria britannica. Nel 1765-66 sostenne i diritti dei coloni americani, condannando lo Stamp Act come cattiva politica. La crisi coloniale vide la caduta dei governi di Grenville e Rockingham, che portò all'elevazione di Pitt al primo ministro nel luglio 1766. Ma mentre Pitt era stato efficace come leader in tempo di guerra e un violento critico del governo, ebbe molto meno successo come primo ministro ministro; lasciò le questioni politiche ad altri come Charles Townshend, lo sponsor delle odiate misure sulle entrate del 1767. L'inettitudine e la cattiva salute di Pitt portarono alla sua sostituzione nell'ottobre 1768.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "William Pitt"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/william-pitt/
Data di pubblicazione: Febbraio 27, 2015
Data di accesso: Luglio 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.