Casimir Pulaski

Casimir Pulaski

Casimir Pulaski (1747-1779) era un generale polacco che prestò servizio con l'esercito continentale durante la guerra rivoluzionaria. Pulaski è nato nella Polonia centrale, figlio di un conte locale. Come molti altri giovani aristocratici, Pulaski fu coinvolto nella lotta per l'indipendenza della Polonia dalla Russia. Voluto dalle autorità, si ritirò in Francia nel 1772. Fu lì che incontrò Benjamin Franklin, che esortò Pulaski a prestare i suoi servizi militari all'esercito continentale. Armato di un riferimento di Franklin, Pulaski arrivò in America nel 1777. Si distinse per atti di audacia e coraggio, salvando a un certo punto la vita di George Washington. Poco dopo, Pulaski fu incaricato, dato il grado di generale di brigata e messo a capo della cavalleria continentale, un ramo dell'esercito impoverito e non addestrato. Tentò di riorganizzare e riformare la cavalleria, formando una scuola di equitazione e attuando un rigido regime di addestramento. La conoscenza dell'inglese di Pulaski era scarsa, tuttavia, e trovava difficile gestire e lavorare con gli ufficiali americani. Si dimise nel 1778, prese il comando di una compagnia di volontari e si mise a disposizione del Congresso. Fu ucciso in azione nell'ottobre 1779 durante la battaglia di Savannah, in Georgia. Gli americani oggi continuano a onorare Pulaski come il "padre della cavalleria americana" e un eroe straniero della rivoluzione.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Casimir Pulaski"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/casimir-pulaski/
Data di pubblicazione: Febbraio 12, 2015
Data di accesso: 26 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.