Storico: Daniel Boorstin

daniel boorstin

Nome: Daniel J. Boorstin

Vissuto: 1914-2004

Nazionalità: Americano

Professione: Avvocato, storico, bibliotecario congressuale

Libri: L'esperienza coloniale (1959) L'esperienza nazionale (1967) L'esperienza democratica (1974).

Prospettiva: Conservatore

Daniel Boorstin è stato uno degli storici più importanti d'America e forse il suo più noto storico conservatore.

Boorstin è nato ad Atlanta, in Georgia, figlio di un avvocato ebreo. Eccelleva al liceo e continuò a studiare ad Harvard, Yale e Oxford, conseguendo una laurea in arte e diritto.

Ha lavorato come professore di storia all'Università di Chicago per 25 anni ed è stato professore ospite a Cambridge (Regno Unito) in 1964. Boorstin aveva un incarico presso lo Smithsonian e in 1975 è stato nominato Bibliotecario del Congresso.

Nonostante si sia iscritto al Partito Comunista durante i suoi anni da studente, Boorstin era sfacciatamente conservatore e nazionalista. Poteva essere franco e schietto e talvolta corteggiato polemiche, come quando ha descritto gli studi afroamericani come "spazzatura razzista".

La scrittura storica di Boorstin non era popolare tra gli studiosi. Molti hanno contestato la sua posizione conservatrice; alcuni consideravano il suo lavoro disarticolato, illogico e talvolta vago; altri lo hanno liquidato come "giornalismo storico" piuttosto che come storia reale. Le storie di Boorstin erano popolari presso il grande pubblico, tuttavia, che apprezzava la loro stravaganza, il nazionalismo e il forte tono patriottico. 

In termini di storiografia, Boorstin vedeva la rivoluzione americana come una "piccola rivoluzione", interessata principalmente alla separazione politica dall'Inghilterra.

La rivoluzione, sostiene, non fu mai guidata da classe, uguaglianza, cambiamento sociale o ristrutturazione economica. La rivoluzione è avvenuta in ritardo e si è sviluppata rapidamente; fu eseguito con riluttanza; ed è stato completato, in termini relativi, senza molto sconvolgimento o difficoltà.

La rivoluzione americana non aveva la violenza e il terrore di altre rivoluzioni perché aveva solo obiettivi politici. La nuova società mantenne lo stato di diritto inglese e i modelli americanizzati delle sue istituzioni politiche civilizzate: prove, afferma Boorstin, degli obiettivi conservatori della Rivoluzione americana.

Citazioni

“La consapevolezza di sé genera l'autogoverno e l'autogoverno genera la consapevolezza di sé. A bordo della Mayflower, ancor prima di arrivare qui, i Pilgrim Fathers hanno notato che se avessero avuto un governo allo sbarco, avrebbero dovuto crearlo da soli ".

"La particolarità più evidente della nostra rivoluzione americana è che, nel senso moderno europeo del termine, non è stata affatto una rivoluzione."

“Gli storici hanno esagerato il significato di quella che dovrebbe essere stata l'ideologia della Rivoluzione. Una tale enfasi ha avuto per alcuni storici liberali l'ulteriore attrazione di sembrarci collocarci nella corrente principale della storia europea. Non mi è mai stato del tutto chiaro perché gli storici non avrebbero trovato la nostra rivoluzione abbastanza significativa, semplicemente come una vittoria del costituzionalismo ".

“La rivoluzione stessa era stata una sorta di affermazione di fede nelle antiche istituzioni britanniche. Nella vita istituzionale della comunità americana la Rivoluzione non ha quindi richiesto alcun cambiamento fondamentale. Ciò aiuta a rendere conto del valore che ancora attribuiamo alla nostra eredità dalla costituzione britannica: processo con giuria, processo legale, rappresentanza prima della tassazione, habeas corpus, indipendenza della magistratura e diritti di libertà di parola, petizione e libertà assemblea, così come la nostra antipatia per gli eserciti permanenti in tempo di pace ".

“[La Rivoluzione americana fu] un'affermazione della tradizione delle istituzioni britanniche… Gli americani avrebbero dovuto imporre loro la necessità di difendere le antiche tradizioni britanniche; essere più fedeli allo spirito di quella tradizione di quanto non sapessero essere Giorgio III, Lord North e Townshend. Combattevano non tanto per stabilire nuovi diritti quanto per preservare quelli vecchi ".

“La rivoluzione americana non è stata il prodotto di uno spirito nazionalistico. Non avevamo Bismarck o Cavour o alcuna filosofia nazionalista. Siamo stati singolarmente liberi dalla maggior parte del bagaglio filosofico del nazionalismo moderno ".

“Forse non è mai stata creata una nuova nazione con meno entusiasmo. Leggere la storia della nostra Rivoluzione significa scoprire che gli Stati Uniti erano una specie di pis aller [ultima risorsa] ".

"[Thomas Jefferson] è stato in grado di vedere come le tradizioni del diritto potrebbero essere fatte per servire le generazioni future e potrebbero essere le fondamenta di un'intera società trasformata perché la sua esperienza principale, la sua formazione principale, ovviamente, era come avvocato ... considerato il principale pensatore politico della rivoluzione americana [ma] non ha mai scritto un'opera di pensiero politico o teoria politica. Era uno studente di storia e del passato, ei suoi documenti principali sono davvero documenti legali ".

“L'obiettivo politico della Rivoluzione, l'indipendenza dal dominio britannico, è stato raggiunto dopo uno sforzo relativamente breve. Il 1776 non ebbe seguito e non ne aveva bisogno: il problema era la separazione e la separazione fu compiuta ".

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: Daniel Boorstin"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/historian-daniel-boorstin/
Data di pubblicazione: 12 Marzo 2015
Data di accesso: 28 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.