Storico: Ray Raphael

Ray Raphael

Nome: Ray Raphael

Vissuto: 1943-

Nazionalità: Americano

Professione (s): Storico, autore, insegnante

Libri: The First American Revolution (2001), A People's History of the American Revolution (2002), Founding Myths (2004), Fondatori: Le persone che ti hanno portato una nazione (2008).

Sito web: rayraphael.com

Prospettiva: Liberale-progressivo

Ray Raphael è un prolifico storico americano dell'era moderna.

Cresciuto a New York City, Raphael si è diplomato al liceo e si è trasferito sulla costa occidentale, studiando al Reed College, nell'Oregon e a Berkeley in California. Fu attivo nel movimento per i diritti civili durante gli 1960 e in seguito divenne insegnante.

Raphael era fortemente interessato a come le storie della Rivoluzione americana stereotipassero e generalizzassero disordini popolari, così decise di indagare ulteriormente. Il suo primo libro sull'argomento, La prima rivoluzione americana, è stato un attento esame di come l'autorità britannica è stata sfidata, indebolita e alla fine smantellata in alcune parti del Massachusetts rurale fino alla metà del 1774, un anno prima che i primi colpi fossero sparati a Lexington e due anni prima della Dichiarazione di Indipendenza.

Sfidando l'opinione prevalente che la Rivoluzione americana sia nata per le strade di Boston e New York, la ricerca di Raphael ha scoperto una rivoluzione più localizzata e decentralizzata, guidata dal malcontento e dall'azione popolare intorno al New England rurale.

Come i suoi contemporanei Howard Zinn e Gary B. Nash, le storie di Raphael si sono concentrate sul sentimento e sull'organizzazione rivoluzionari di base, sebbene presti ampia attenzione anche alle élite rivoluzionarie.

Raphael ha anche un vivo interesse nel decostruire i miti della rivoluzione americana. Secondo Raphael, molte delle storie ora ripetute come fatti erano in realtà le miscele fiorite di scrittori del XIX secolo, uomini meno interessati all'accuratezza storica che usare sentimenti patriottici per vendere libri. Nel corso del tempo, molti degli aneddoti avanzati da questi scrittori del XIX secolo - resoconti letterali dei discorsi infuocati di Patrick Henry, l'inverno mortale a Valley Forge e la corsa di mezzanotte di Paul Revere - si sono tutti consolidati in realtà accettate sulla rivoluzione.

Raphael's Miti fondanti è una lettura essenziale per chiunque voglia scoprire come queste storie hanno dirottato la storia - e quindi il vero significato - della Rivoluzione americana.

Citazioni

“La nostra storia è semplice ma grandiosa. La sua trama è facile da seguire: le colonie americane resistettero all'oppressione britannica, combatterono una guerra, ottennero l'indipendenza e stabilirono il proprio governo. All'interno di questa struttura semplice possiamo abbellire a nostro piacimento, ma la trama è pulita ed efficiente ".

"Le storie della rivoluzione americana furono trasmesse per la prima volta con il passaparola, e queste interpretazioni folcloristiche, infinitamente malleabili, fornirono un terreno fertile per l'invenzione della storia".

“La finzione si è separata dai fatti all'inizio. Poco dopo la guerra rivoluzionaria, Charles Thomson, segretario del Congresso continentale, iniziò a scrivere una storia del conflitto. Privato di informazioni privilegiate, Thomson aveva molto da rivelare, ma poi, sorprendentemente, ha rinunciato alla storia. "Non disdegnerò le generazioni future", ha poi spiegato. 'Non potrei dire la verità senza offendere gravemente. Lascia che il mondo ammiri i nostri patrioti ed eroi. ""

“Alla vigilia della guerra rivoluzionaria, il 95 per cento degli abitanti del Massachusetts viveva fuori Boston. Poche di queste persone sono state coinvolte nelle proteste dello Stamp Act, nel massacro di Boston del Boston Tea Party ... Per la maggior parte si sono concentrate su preoccupazioni personali e parrocchiali ".

“A partire dal 1765, i cittadini iniziarono a prendere più atto delle questioni che si estendevano oltre le loro sfere parrocchiali. La politica provinciale e imperiale, una volta lasciata all'élite, sarebbe presto stata discussa da yeomen e artigiani in ogni casa di riunione della colonia ".

“Il Boston Tea Party è ormai un evento iconico soffuso di mito, ma sotto la superficie c'è la storia di un vero atto di rivoluzione, compiuto in un contesto di politica di potere, con sorprendenti paralleli nell'era moderna. Gli americani dell'era rivoluzionaria, tuttavia, non hanno celebrato l'evento. "

“Per mezzo secolo, gli americani hanno evitato il racconto e di certo non l'hanno definito un tea party. All'inizio non osavano. Chiunque abbia avuto qualcosa a che fare con l'evento potrebbe affrontare un procedimento giudiziario, o almeno una causa ".

"In parte perché il materiale di partenza è così distorto, una sorta di sciovinismo urbano ha lasciato il segno nel racconto della rivoluzione americana ... La definizione standard dei libri di testo è più o meno questa: per punire i Bostoniani per il Tea Party, il governo britannico ha approvato i Coercive Acts … Le persone fuori città hanno risposto andando in aiuto dei loro compatrioti assediati. La rivoluzione americana suona quindi come una nota filantropica: i coloni al di fuori di Boston hanno agito dalla bontà dei loro cuori ".

"Che strano che la ribellione di Shays, che ha fallito, abbia ricevuto così tanta attenzione da studiosi, mentre il rovesciamento [dell'autorità britannica nel Massachusetts rurale] nel 1774, che ha avuto successo, è stato così trascurato".

“All'inizio del XIX secolo, gli scrittori che guardavano alla guerra rivoluzionaria per ispirare una nuova ondata di patriottismo svilupparono una trama che trasformò l'inverno travagliato a Valley Forge in una fonte di orgoglio. I soldati avevano sopportato le loro sofferenze senza lamentarsi, addestrati obbedientemente sotto le istruzioni del barone Von Steuben, ed erano emersi forti e pronti a combattere ... Se Valley Forge era il punto più basso della guerra, la storia è andata, è stata anche la svolta. Dopo di che, le cose sono migliorate. "

“La maggior parte dei testi menziona la partecipazione degli afroamericani alla guerra, ma si concentrano principalmente su coloro che si sono schierati con gli americani. In effetti, quelli che si schieravano con gli inglesi erano molto più numerosi, ma non lo immaginereste mai leggendo i testi ".

"Il mito dello schiavo patriottico non è molto lontano da quello dello schiavo felice."

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: Ray Raphael"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/historian-ray-raphael/
Data di pubblicazione: 16 Marzo 2015
Data di accesso: Dicembre 08, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.