Storico: George Bancroft

george bancroft

Nome: George Bancroft

Vissuto: 1800-91

Nazionalità: Americano

Professione (s): Storico, politico, diplomatico

Libri: Storia degli Stati Uniti d'America, dalla scoperta del continente americano (1854).

Prospettiva: Whig

George Bancroft era uno studioso, storico e personaggio politico americano del 19 secolo.

Bancroft è nato a Worcester, nel Massachusetts, figlio di un veterano della guerra rivoluzionaria, e cresciuto in una famiglia di classe superiore. Frequentò Harvard dall'età di 13, laureandosi quattro anni dopo, poi intraprendendo ulteriori studi nelle università tedesche. Si è specializzato in studi linguistici, laureandosi in 1820 con un Master of Arts e un dottorato.

Bancroft tornò ad Harvard e prese una posizione di tutoraggio in greco. Durante gli 1820, ha sviluppato una passione e un'attitudine per la storia, la politica e il linguaggio. Ha iniziato a scrivere quello che sarebbe diventato il suo capolavoro di dieci volumi, Storia degli Stati Uniti.

Bancroft entrò anche in politica, correndo senza successo per il governatorato del Massachusetts (1844), servendo brevemente come segretario della Marina sotto il presidente James Polk (1845-46) e poi come ambasciatore in Gran Bretagna (1846-49).

Al suo ritorno da Londra nel 1849, Bancroft si trasferì a New York e si dedicò alla scrittura storica. Nonostante sia un gentiluomo che ha scritto di storia piuttosto che un vero storico, Bancroft's Storia degli Stati Uniti divenne enormemente popolare e fece del suo autore una piccola fortuna.

L'approccio di Bancroft era chiaro: la storia dell'America tra il 1492 e il 1789 era quella del progresso e della divina provvidenza. L'America era stata scelta da Dio per servire da modello per la democrazia, l'autogoverno e la civiltà. 

Bancroft aveva una visione positiva ma limitata della Rivoluzione americana. Considerava gli obiettivi della rivoluzione radicali ma quasi interamente politici; non si estendevano al cambiamento sociale o economico.

Bancroft ha glorificato il contributo di George Washington, salutandolo come un campione del popolo, un genio militare, un legislatore e un gentiluomo di stato.

Citazioni

"Lo spirito delle colonie richiedeva la libertà sin dall'inizio."

"Il puritanesimo era una religione che lottava per il popolo, una guerra contro la tirannia e la superstizione".

"[La rivoluzione americana] era radicale nel suo carattere, ma raggiunta con benevola tranquillità."

“La nuova Repubblica, entrando a far parte delle potenze del mondo, ha proclamato la sua fede nella verità e nella realtà e nell'immutabilità della libertà, della virtù e del diritto. Il cuore di Jefferson nello scrivere la Dichiarazione e del Congresso nell'adottarla, batteva per tutta l'umanità. L'affermazione del diritto è stata fatta per l'intero mondo dell'umanità e per tutte le generazioni future, senza alcuna eccezione. "

"In America era sorto un nuovo popolo senza re o principi o nobili, senza sapere nulla delle decime e poco dei proprietari terrieri, l'aratro era per la maggior parte nelle mani dei liberi possessori del suolo".

"La Costituzione è, per il popolo americano, un possesso per i secoli."

“[Il popolo americano], con calma meditazione e consigli amichevoli, aveva preparato una costituzione che, nell'unione di libertà con forza e ordine, eccelleva a tutti quelli conosciuti prima; e che si è assicurato contro la violenza e la rivoluzione fornendo un metodo pacifico per ogni riforma necessaria. Nel felice mattino della loro esistenza come una delle potenze del mondo, avevano scelto la giustizia come guida ".

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: George Bancroft"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/historian-george-bancroft/
Data di pubblicazione: 9 Marzo 2015
Data di accesso: Dicembre 06, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.