Storico: Merrill Jensen

merrill jensen

Nome: Merrill Jensen

Vissuto: 1905-80

Nazionalità: Americano

Professione (s): Storico

Libri: Gli articoli della Confederazione: un'interpretazione della storia sociale-costituzionale della rivoluzione americana, 1774-1781 (1940) La nuova nazione: una storia degli Stati Uniti durante la Confederazione, 1781-1789 (1950) La fondazione di una nazione: una storia della rivoluzione americana, 1763-1776 (1968) La rivoluzione americana in America (1974).

Prospettiva: Progressivo

Merrill Jensen era uno storico americano della metà del X secolo X secolo.

Nato nella campagna dell'Iowa, Jensen è diventato un insegnante di scuola subito dopo aver completato lui stesso il liceo. Ha proseguito gli studi presso l'Università di Washington, laureandosi con una laurea nel 1929, quindi ha conseguito il dottorato presso l'Università del Wisconsin cinque anni dopo.

Jensen divenne istruttore e professore in entrambe le università. Ha anche ricoperto un incarico di un anno come professore di storia americana all'Università di Oxford (1950) e ha prestato servizio come militare negli Stati Uniti. Jensen è morto a gennaio 1980.

Come storico, Jensen si è specializzato nella rivoluzione americana, nell'ascesa della Costituzione degli Stati Uniti e nella prima repubblica.

Il suo libro del 1940 sugli articoli della Confederazione fu un esame rivoluzionario della prima costituzione americana, esplorandone la stesura, la ratifica e l'attuazione. Pochi storici si erano concentrati specificamente sugli articoli, che erano stati cancellati come un primo tentativo misero di una costituzione nazionale.

Jensen ha contestato il punto di vista del consenso secondo cui gli articoli erano fondamentalmente viziati. Solo perché gli articoli sono stati sostituiti, ha sostenuto Jensen, non significava che avessero fallito. Attribuisce l'indebolimento degli articoli e la loro sostituzione da parte della Costituzione a una campagna politica, condotta dalle élite americane, che volevano il controllo sul commercio e il potere sui governi statali. 

Come Beard, Jensen crede che l'evoluzione del sistema politico americano sia stata influenzata, se non determinata dall'interesse economico.

Citazioni

"[La rivoluzione americana fu] prevalentemente una rivoluzione interna portata avanti dalle masse popolari contro l'aristocrazia locale."

"La Rivoluzione è stata essenzialmente, sebbene relativamente, un movimento democratico all'interno delle 13 colonie americane ... Gli Articoli della Confederazione erano l'espressione costituzionale di questo movimento e l'incarnazione in forma governativa della filosofia della Dichiarazione di Indipendenza".

“Quando si è trattato di formare un governo comune per tutti gli Stati, i radicali [che hanno scritto gli Articoli della Confederazione] sono stati guidati dall'esperienza e da certe idee politiche. L'esperienza aveva insegnato loro a non amare le classi di governo coloniale ea temere la concentrazione della ricchezza e del potere politico. La loro filosofia politica insegnava che i governi che esercitavano potere su vaste aree erano intrinsecamente antidemocratici in azione ".

“Il quadro [degli Stati Uniti secondo gli Articoli della Confederazione] è quello della stagnazione, inettitudine, bancarotta, corruzione e disintegrazione. Una tale immagine è nel peggiore dei casi falsa e nella migliore delle ipotesi grossolanamente distorta. "

“Il fatto che gli articoli della Confederazione siano stati soppiantati [sostituiti] da un'altra costituzione non è una prova né del loro successo né del loro fallimento. Qualsiasi opinione valida in merito al merito degli articoli deve essere basata su uno studio dettagliato e imparziale del periodo della Confederazione ".

“[I conservatori] si erano resi conto nel 1776 che la centralizzazione era la loro protezione: un governo centrale per sopprimere le ribellioni interne, per regolare il commercio e per controllare le azioni dei governi statali, come il governo britannico aveva controllato i governi statali. [Questa] lotta per la centralizzazione non si è fermata con il completamento degli articoli della Confederazione ".

"Abbiamo troppo a lungo ignorato il fatto che gli americani completamente patriottici durante il 1780 non credevano che ci fosse il caos e negato con enfasi che i loro presunti soccorritori [i federalisti] fossero patriottici".

"Gli articoli della Confederazione erano progettati per impedire al governo centrale di violare i diritti degli stati, mentre la Costituzione del 1787 era concepita come un controllo del potere degli stati e della democrazia che trovava espressione nei loro confini".

"Anche se si può ammettere che la maggior parte degli appelli alla storia della Confederazione sono stati sinceri, si deve anche dire che raramente sono stati infusi di alcuna conoscenza del periodo o dei suoi problemi".

“Gli elementi conservatori nella società americana avevano imparato un'amara lezione per mano dei radicali. Anche loro potrebbero chiamare convenzioni. Anche loro potevano dipingere immagini oscure dei tempi e incolpare i presunti guai del paese sugli articoli della Confederazione, poiché i radicali avevano incolpato il governo britannico prima del 1776 ".

“[I federalisti] progettarono una controrivoluzione conservatrice ed eressero un governo nazionalista il cui scopo, in parte, era contrastare la volontà del 'popolo' in nome del quale agivano. Anche loro potevano usare un nome mentre perseguivano un obiettivo che in realtà era l'opposto. Così, sebbene lo scopo dei conservatori fosse "nazionalistico", adottarono il nome di "federalista", perché serviva a mascherare la portata dei cambiamenti che desideravano ".

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: Merrill Jensen"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/historian-merrill-jensen/
Data di pubblicazione: 14 Marzo 2015
Data di accesso: Dicembre 08, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.